enero 26, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I rifiuti di turbine eoliche in Italia hanno dato il messaggio nudo

Roberto Cingolani ha inviato un messaggio schietto agli italiani che si oppongono alle nuove turbine eoliche o ai parchi solari.

«In alternativa devi rimuovere la tua auto, non c’è impianto aereo, né cellulare, né internet», ha detto il ministro italiano per il cambiamento energetico in un’intervista a FT. «I cittadini devono capirlo».

Singolani, fisico ed educatore, è stato nominato quest’anno dal Primo Ministro Mario Draghi al rinnovato impegno italiano per ridurre le emissioni di carbonio. È responsabile della spesa di un terzo dei 200 miliardi di euro dell’Italia nel fondo di 800 miliardi dell’UE per il recupero dell’epidemia.

Il maggior beneficiario di questo fondo è l’Italia. Dopo due decenni di stagnazione, il denaro offre a Roma un’opportunità di una generazione per riavviare la sua economia, sotto la guida di Troy, con un cambiamento verde incentrato sui suoi piani di finanziamento per la ripresa.

Cingolani ha fissato l’obiettivo di generare almeno il 70% della sua elettricità da energie rinnovabili entro il 2030, un grande passo avanti rispetto all’impegno del 55% di Roma nei confronti dell’UE. Il livello attuale è del 34%.

Negli ultimi anni la transizione dell’Italia alle rinnovabili si è interrotta. Tra il 2015 e il 2020, della capacità totale installata di 116 GW, sono stati messi in linea solo 2 gigawatt di vento e 3 GW di luce solare, secondo i ricercatori del team della campagna Ember.

Le rinnovabili costituiscono solo il 17 per cento della composizione energetica totale dell’Italia, che dipende dal costoso gas naturale, di cui il 95 per cento è importato. «Il nostro mix energetico è pessimo», ha detto Singolani.

READ  Il nightclub miliardario della Sardegna incolpa il governo per l'esplosione Italia

Il Paese è stato duramente colpito dal recente aumento dei prezzi del gas. Il governo ha già stanziato 3 3 miliardi per aiutare le famiglie povere e le piccole imprese a pagare le bollette e sta preparando un ulteriore pacchetto di aiuti il ​​prossimo anno.

Singolani ha affermato che l’Italia dovrebbe triplicare la sua capacità di produzione da eolico e solare entro il 2030. «B non ha un piano.»

Tale ambito può essere ampliato alla luce della famigerata burocrazia italiana e della frequente opposizione politica a nuovi progetti infrastrutturali. Il ministro ha affermato che i progetti di energia rinnovabile da 3 GW sono attualmente sospesi a causa di obiezioni sull’impatto sul paesaggio e sul patrimonio.

Mulini a vento sul collare d’Italia. Paesaggio e Patrimonio © Alessandra Tarantino / AP Alcuni progetti di energia rinnovabile da 3GW nel Paese sono attualmente bloccati a causa di obiezioni all’impatto.

Uno dei principali obiettivi del piano di ripresa epidemica dell’Italia è regolamentare procedure amministrative di lunga durata per aprire la crescita.

Singolani ha affermato che l’Italia ha attuato una «più potente semplificazione» delle regole e delle procedure per l’approvazione di nuovi progetti da quando Draghi è entrato in carica alla guida del governo di unità nazionale a febbraio, in seguito al crollo della precedente amministrazione. I funzionari stimano che potrebbe ridurre il tempo necessario per ottenere l’approvazione per un progetto infrastrutturale da 1.200 a 270 giorni, che è «il migliore della classe», ha affermato.

Il governo federale ha adottato nuovi «poteri alternativi» che consentono alle autorità regionali e locali e ad altre agenzie di ignorare i ritardi prolungati nell’approvazione dei progetti infrastrutturali.

Singolani ha affermato che il fondo per la ripresa dell’UE – 27 27 miliardi stanziati per la produzione di energia e l’industria – porterebbe solo una parte del paese verso l’obiettivo dell’UE di emissioni nette di carbonio entro il 2050. Rocket per andare dalla Terra a Marte. La sfida finirà tra cinque anni», ha detto.

Singolani ha affermato che, sebbene l’Italia abbia gradualmente eliminato la produzione nucleare in seguito al referendum del 1987, dovrebbe considerare di ripristinarla. Ha detto che l’uso dell’energia nucleare per raggiungere gli obiettivi 2030 per le energie rinnovabili è «troppo tardi» perché attualmente non ci sono investimenti e competenze nel settore. Ma entro il 2050, la domanda di elettricità pulita sarà cinque volte superiore a quella che l’Italia dovrebbe produrre nel 2030, quindi tutte le tecnologie, compresi i piccoli reattori modulari, dovrebbero essere prese in considerazione, ha affermato.

«Non sono un fan del nucleare, sono un fan dell’innovazione», ha detto Singolani, che è entrato nel governo da Leonardo, una società di sicurezza dove era chief technology officer.

Già Direttore Scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia, si è definito “Ministro della Tecnologia. . . Non sono un politico».

Quando gli è stato chiesto se fosse possibile portare il pubblico con sé in una massiccia espansione delle rinnovabili, è stato onesto: «Come in altri posti, la risposta è no».

Tuttavia, «è importante non creare ideologia a partire dall’energia», ha detto. I governi devono essere «molto ragionevoli», soprattutto quando si tratta di aumentare il prezzo del carbonio.

Roma ha precedentemente espresso dubbi sui piani dell’UE di estendere il suo piano di commercio delle emissioni alle case e ai trasporti, il che potrebbe aumentare le tariffe energetiche per i consumatori. Ha detto che vuole capire l’impatto economico sulle famiglie prima di offrire le sue benedizioni.

«Vogliamo fare cose buone, ma nel frattempo ci sono problemi sociali», ha detto Singolani. «La sostenibilità è un compromesso.»