diciembre 6, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I ricoveri per coronavirus stanno peggiorando per i residenti neri di Los Angeles

I casi di coronavirus e i tassi di ospedalizzazione stanno peggiorando per i residenti neri della contea di Los Angeles, un segnale preoccupante meno di un mese dopo che la California ha riaperto completamente la sua economia.

Tra metà maggio e metà giugno, il tasso di casi COVID-19 in due settimane è aumentato del 18% tra la popolazione nera, ma è diminuito del 4% per i residenti ispanici, del 6% per i residenti bianchi e del 25% per gli americani asiatici. Il tasso di ospedalizzazione per i residenti neri – che hanno meno probabilità di riceverli da altri gruppi razziali ed etnici – è cresciuto dell’11% mentre per i residenti asiatici americani è diminuito del 12%, i residenti ispanici del 29% e i bianchi del 37%.

Gli esperti hanno espresso sgomento e allarme per l’alto numero di ricoveri tra la popolazione nera. Questa tendenza sottolinea come, nonostante la devastante corsa autunnale e invernale della contea di Los Angeles, molte persone rimangano vulnerabili e non vaccinate. I medici avvertono che gli ultimi numeri potrebbero preludere a un aumento dei decessi nelle prossime settimane e mesi.

«Con bassi tassi di vaccinazione, oltre a una variabile delta, questo può effettivamente muoversi molto rapidamente per distruggere le comunità nere, in particolare nei nostri centri urbani, di nuovo», ha affermato il dott. Kirsten Pepins Domingo, epidemiologo dell’Università della California, a San Francisco. «Quando vedi un numero crescente di casi, devi prestare attenzione, perché ciò significa che queste persone sono vulnerabili alle infezioni».

Le tendenze sottolineano anche come, nonostante i rispettabili tassi di vaccinazione complessivi della contea di Los Angeles, che sono alla pari con la media statale, ci sono ancora molti gruppi di comunità con un’accettazione delle vaccinazioni molto inferiore.

«È davvero irregolare nei nostri centri urbani. Le nostre comunità nere hanno i tassi di vaccinazione più bassi», ha detto Pippins Domingo. «Quello che vediamo a Los Angeles è quello che vedremo in altri centri urbani: i casi e i ricoveri aumenteranno tra coloro che non sono stati vaccinati”, e le comunità nere saranno colpite.

A peggiorare le cose è la rapida diffusione della variante delta, che è probabilmente due volte più contagiosa dei ceppi che si sono diffusi in tutto il mondo lo scorso anno. «La versione Delta ha davvero cambiato il gioco qui» – un fatto che dovrebbe incoraggiare solo i giovani, che sono stati meno entusiasti della vaccinazione – a farsi vaccinare al più presto, ha detto Pippins Domingo.

Secondo gli ultimi dati, i residenti neri della contea di Los Angeles hanno quasi tre volte più probabilità dei residenti bianchi di ricevere una diagnosi di coronavirus, essere ricoverati di recente con COVID-19 o morire a causa della malattia.

READ  Strane onde radio dal cuore della Via Lattea eccitano gli scienziati

«Questi tassi sproporzionatamente aumentati di casi e ricoveri nella popolazione nera sono motivo di preoccupazione e richiedono azioni strategiche per prevenire l’ulteriore trasmissione di malattie e malattie», ha affermato Barbara Ferrer, direttore della sanità pubblica per la contea di Los Angeles.

Nel periodo di due settimane terminato il 19 giugno, a 46 su 100.000 residenti neri della contea di Los Angeles è stato diagnosticato il coronavirus. Le cifre corrispondenti per i residenti latinoamericani, bianchi e asiatici erano rispettivamente di 22, 17 e 6 casi per 100.000.

Tra i recenti dati di ospedalizzazione razziale ed etnica della contea, l’unico gruppo razziale o etnico che ha visto un nuovo caso di coronavirus e i tassi di ospedalizzazione sono peggiorati tra metà maggio e metà giugno è stata la popolazione nera.

Per ogni 100.000 residenti neri, 9,3 sono stati ricoverati di recente con COVID-19 nel periodo di due settimane terminato il 19 giugno. Tale tasso è passato da 8,4 nelle due settimane terminate il 22 maggio. Per i latini, quel tasso è sceso da sette a cinque; per uova da 4,3 a 2,7; E per gli americani asiatici, è da 1,7 a 1,5.

I dati più recenti, in uscita nei prossimi giorni, indicano che i tassi del nuovo coronavirus stanno iniziando ad aumentare anche tra la popolazione ispanica e bianca.

Nel complesso, i numeri sottolineano la persistenza della disuguaglianza in questa pandemia. Le comunità nere e latine sono state colpite particolarmente duramente, in parte perché molti residenti di quelle comunità hanno lavori che richiedono loro di lavorare fuori dalle loro case, mettendoli a maggior rischio di infezione.

«Si tratta di comunità che costituiscono i nostri lavoratori essenziali – molti dei quali vivevano in unità plurifamiliari, non erano in grado di isolarsi nelle loro case confortevoli, diffondendo così la malattia ad altri contatti stretti. Hanno vissuto anni di sottoinvestimenti, mancanza di accesso all’assistenza sanitaria , e vivendo in aree inquinate. , che influiscono sul loro benessere generale, causando condizioni croniche che li hanno resi più vulnerabili», Hilda Solis, sovrintendente della contea di Los Angeles Egli ha detto di recente.

“Lo dobbiamo a coloro che [we] È perduto, e coloro che ancora soffrono di questa ingiustizia … per correggerlo», ha aggiunto Solis.

La popolazione nera della contea di Los Angeles ha tra i più bassi tassi di vaccinazione tra i gruppi razziali ed etnici nella contea di Los Angeles.

I dati disponibili più recenti mostrano che il 44% dei residenti neri di età pari o superiore a 16 anni nella contea di Los Angeles ha ricevuto almeno una dose del vaccino, così come il 54% della popolazione ispanica. Al contrario, il 65% dei bianchi, il 61% dei nativi americani e il 75% dei residenti asiatici americani hanno ricevuto almeno un colpo.

READ  Ultime notizie sul coronavirus: ricoveri ospedalieri dello stato di New York ai minimi storici

Ferrer ha affermato che le differenze sono meno chiare tra gli anziani della contea di Los Angeles, forse perché il vaccino è disponibile da più tempo per le persone di età pari o superiore a 65 anni. Tra gli anziani, il 66% dei neri, il 67% dei nativi americani, il 76% degli ispanici, il 79% dei bianchi e l’80% dei residenti asiatici americani sono stati almeno parzialmente vaccinati.

I funzionari sono particolarmente preoccupati per le disparità tra i giovani neri e latini residenti. Tra gli adulti più giovani, fino all’età di 29 anni, il 28% della popolazione nera e il 42% dei residenti ispanici erano almeno parzialmente vaccinati; Questo è rispetto al 58% dei residenti bianchi e nativi americani e al 75% dei residenti americani asiatici.

Esistono disparità anche tra le altre comunità nere in California. a San Francisco, il 59% della popolazione nera di tutte le età ha ricevuto almeno una dose del vaccino. Al contrario, il 65% dei bianchi, il 71% dei latinos e il 77% degli asiatici americani residenti a San Francisco sono stati almeno parzialmente vaccinati.

Ma come dimostra l’esperienza a San Francisco, non è impossibile migliorare i tassi di vaccinazione tra le comunità più colpite. Il tasso di vaccinazione tra la popolazione ispanica a San Francisco è superiore a quello tra la popolazione bianca, contrariamente alla tendenza nella contea di Los Angeles.

Parte di questo successo è stata l’introduzione di operatori sanitari e volontari nei negozi e in altri luoghi in cui le persone si riuniscono e, una per una, incoraggiando le persone a farsi vaccinare. «Ci sono alcuni modi in cui dobbiamo ancora abbassare le barriere [to get vaccinated] Pippins Domingo ha detto:

Le comunità nere erano anche il bersaglio di un gruppo vile disinformazione Sforzo Pippins Domingo ha detto che i leader anti-vaccinazione, che hanno creato messaggi falsi, rafforzano la sensazione che i neri non dovrebbero fidarsi dei leader della medicina tradizionale.

Le cose che potrebbero aiutare a migliorare i tassi di vaccinazione nella popolazione nera includono ottenere più dosi negli uffici dei medici di base, che possono rispondere alle domande uno a uno Con i loro pazienti e in luoghi come chiese o altri gruppi comunitari in cui leader locali fidati stanno promuovendo l’importanza dei vaccini, ha affermato Pepins Domingo.

«A questo punto è davvero una partita a terra», ha detto Pepins Domingo. «Sarà lento – non accadrà così velocemente come abbiamo fatto all’inizio della campagna di vaccinazione. Ma è necessario ora, perché quando vedi questi casi in aumento e hai una variabile nota che si muove più velocemente attraverso le comunità, l’urgenza di farlo è già presente».

READ  Un singolo vaccino contro il coronavirus può fornire un'ampia immunità contro altri coronavirus

Ferrer ha affermato che la contea di Los Angeles ha fatto grandi passi avanti nel migliorare la disponibilità di vaccini nelle aree più colpite dove le risorse sono state inferiori per la vaccinazione, come l’invio di squadre mobili di vaccinazione e l’organizzazione del trasporto ai siti di vaccinazione.

Promettentemente, c’è stata una diminuzione della probabilità che una persona contragga o muoia di COVID-19 in base alle condizioni socioeconomiche di dove vive nella contea di Los Angeles.

Ma Ferrer ha detto che è necessario fare di più per vaccinare la popolazione nera e latina più giovane.

Ferrer ha affermato che anche i tassi di infezione da coronavirus tra i bambini hanno iniziato a salire leggermente da giugno.

Il drammatico calo settimanale dei tassi di vaccinazione settimanale è rallentato nelle ultime settimane.

Tuttavia, il ritmo delle vaccinazioni si è rivelato deludente per i funzionari sanitari della contea di Los Angeles. Ferrer una volta sperava che la contea avrebbe continuato a somministrare 100.000 prime dosi di vaccinazioni ogni settimana nel tentativo di raggiungere «l’immunità di gregge» entro la fine dell’estate, che avrebbe fermato la trasmissione diffusa in corso del coronavirus nella contea. Ferrer ha affermato che la contea di Los Angeles può ottenere l’immunità di gregge quando l’80% della popolazione dai 16 anni in su è vaccinata.

Ma la contea di Los Angeles ha mancato quell’obiettivo in ciascuna delle ultime quattro settimane per le quali sono disponibili i dati. Per sette giorni, terminati il ​​27 giugno, nella contea di Los Angeles sono state somministrate circa 69.000 prime dosi del vaccino; Nella settimana precedente ne sono stati somministrati circa 79.000; E nella settimana precedente, il loro numero aveva raggiunto circa 81.000.

Di questo passo, la contea di Los Angeles probabilmente non raggiungerà l’immunità di gregge finché, al più presto, ottobre.

Il grafico mostra la percentuale di residenti della contea di Los Angeles che sono stati completamente vaccinati ogni mese.

(Dipartimento di sanità pubblica della contea di Los Angeles)

Nella contea di Los Angeles, il 51% dei residenti di tutte le età è completamente vaccinato. È più basso che nella contea di San Diego, dove il 56% della popolazione è completamente vaccinato, e nelle contee di Orange e Ventura, al 53%. Al contrario, San Francisco riferisce che il 68% dei suoi residenti ha ricevuto una vaccinazione completa; Quel numero è del 66% nella contea di Santa Clara, la contea più popolosa della California settentrionale.

In tutta la California, il 51% della popolazione è completamente vaccinato. Le contee densamente popolate che sono in ritardo rispetto al tasso complessivo dello stato includono Sacramento (48%); Riverside, Fresno e San Joaquin (41%); San Bernardino e Stanislao (38%); e Kern (34%).