octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I ricercatori che hanno sviluppato la tecnologia mRNA dietro i vaccini Covid vincono il “Premio Nobel USA”

Il Dr. Drew Wiseman e Catalin Carrico dell’Università della Pennsylvania condivideranno il Lasker Clinical Research Prize 2021 per il loro lavoro nello sviluppo della tecnologia dell’RNA messaggero, ha detto la Fondazione Lasker.

“Questa svolta ha consentito il rapido sviluppo di vaccini altamente efficaci per Covid-19. Oltre a fornire uno strumento per sedare una pandemia devastante, l’innovazione sta alimentando progressi verso i trattamenti e la prevenzione per una serie di malattie diverse”, la fondazione, che ha premia dal 1945, si legge in una nota.

La loro tecnologia è stata concessa in licenza sia a BioNTech, che collabora con Pfizer per realizzare il suo vaccino, sia a Moderna, il cui vaccino è stato sviluppato in parte con finanziamenti federali statunitensi per la ricerca.

“L’impatto globale e il riconoscimento del lavoro di Weizmann e Carriko ha le sue radici in anni di ricerca insieme presso l’Università della Pennsylvania per studiare l’mRNA come potenziale terapia”, ha affermato l’Università della Pennsylvania in una nota.

Il loro studio innovativo, pubblicato nel 2005, ha scoperto che il loro concetto, che ha portato nuova speranza in un campo afflitto da scetticismo e false partenze, potrebbe essere una realtà: l’mRNA può essere alterato e quindi introdotto efficacemente nel corpo per avviare una risposta immunitaria protettiva. Il loro metodo per trasformare le cellule in fabbriche che possono produrre temporaneamente proteine ​​che agiscono come composti terapeutici o stimolano il sistema immunitario del corpo ad attaccare agenti patogeni specifici che riducono anche le risposte infiammatorie dannose”.

La fondazione ha affermato che l’utilizzo dell’RNA è un modo sicuro per produrre vaccini. “A differenza del DNA, l’mRNA non minaccerà l’integrità genetica della cellula ricevente perché non può integrarsi nel cromosoma e distruggere i geni residenti o causare altri danni mutazionali”, ha aggiunto.

READ  Lo studio sui criceti del National Institutes of Health valuta la trasmissione aerea di SARS-CoV-2

Questa tecnologia consente ai laboratori di produrre vaccini molto rapidamente – dovrebbero essere più veloci delle tecnologie precedenti – e ha aiutato Pfizer e Moderna a iniziare a produrre vaccini il giorno in cui il nuovo coronavirus è stato sequenziato nel gennaio 2020.

Carriko e Weisman si divideranno $ 250.000.

“A volte facevamo una domanda e facevamo un esperimento”, ha detto Cariko. “E ovviamente, invece di una risposta, abbiamo ricevuto altre 100 domande. È stato così divertente. Mi piace sottolineare che essere uno scienziato è divertente .” Permesso.

È stata retrocessa, interrogata e respinta.  Ora, il suo lavoro è alla base del vaccino contro il Covid-19

I precedenti vincitori del Premio Lasker sono stati Jonas Salk, che ha sviluppato un vaccino contro la poliomielite, il dott. William Foyge, che ha contribuito a debellare il vaiolo ed ex direttore dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, e il dott. Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergie e malattie infettive. Decine di vincitori del Premio Lasker hanno ricevuto premi Nobel.

Il dottor David Baltimore, un ricercatore del California Institute of Technology che ha vinto il premio Nobel per aver aiutato a scoprire la trascrittasi inversa – che alcuni virus usano per copiare il loro materiale genetico – ha battuto anche Lasker venerdì.

Pallitmore, direttore fondatore del Whitehead Institute for Biomedical Research presso il MIT, è uno dei principali ricercatori mondiali sull’HIV/AIDS. Ha ricevuto il premio Lasker-Koshland per risultati speciali in scienze mediche.