agosto 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I rendimenti italiani hanno toccato i minimi di 3 mesi mentre la BCE prepara un nuovo percorso politico

di Abhinav Ramnarayan

LONDRA (Reuters) – I rendimenti dei titoli di stato italiani hanno toccato il minimo su tre mesi martedì, poiché la Banca centrale europea ha annunciato che avrebbe tracciato un nuovo corso politico all’inizio della prossima settimana, aumentando la domanda di debito pubblico della zona euro.

I responsabili delle politiche dell’Eurozona hanno dichiarato lunedì che la banca centrale invertirà il suo cambio di strategia – che include un obiettivo di inflazione variabile e una maggiore attenzione agli acquisti di asset – nella sua prossima riunione per dimostrare che è seriamente intenzionata a rilanciare l’inflazione.

“La BCE è in grado e disposta a fornire maggiori stimoli per un periodo più lungo e questo si riflette nel mercato: rendimenti più bassi e spread ridotti”, ha affermato Rainer Güntermann, stratega dei tassi di interesse presso Commerzbank.

In effetti, martedì i tassi sui prestiti della zona euro sono scesi di 1-3 punti base su tutta la linea. L’Italia, uno dei paesi con il rating più basso dell’eurozona, è stata particolarmente performante, con i rendimenti dei titoli a 10 anni che sono scesi di 3 punti base a un nuovo minimo su tre mesi dello 0,71%.

Altri paesi, come Francia e Belgio, hanno visto il costo dei prestiti a 10 anni scendere di 1,5 punti base rispettivamente allo 0,03% e allo 0%.

La domanda di debito pubblico europeo è stata evidente anche nelle vendite di debito, con l’Unione europea che ha ottenuto oltre 147 miliardi di euro (174 miliardi di dollari) dalla domanda che vendeva obbligazioni combinate a 10 e 20 anni, secondo le note di due importanti società. Amministratori esaminati da Reuters.

READ  Il presidente Jason Wright ha affermato che il nuovo nome della squadra di calcio di Washington non avrà "associazione con le immagini dei nativi americani".

Prevede di raccogliere 5,25 miliardi di euro dalla tranche a 10 anni e 10 miliardi di euro dalla tranche a 20 anni, secondo una lettera agli investitori vista da Reuters, con un prezzo finale previsto per martedì.

Trading di riflessione

I rendimenti dei titoli di stato tedeschi e statunitensi sono rimasti un rifugio sicuro vicino ai minimi recenti, anche se i dati sull’inflazione statunitense hanno mostrato che i prezzi al consumo sono aumentati più del previsto a giugno nella più grande economia mondiale.

Nei dodici mesi fino a giugno, l’IPC è salito del 5,4%. È stato il più grande guadagno dall’agosto 2008 e ha seguito un aumento del 5,0% nei dodici mesi fino a maggio.

Sebbene il cosiddetto commercio di “deflazione” – inflazione alimentata dallo stimolo fiscale – abbia perso vigore nelle ultime settimane, gli analisti credono ancora che questo sia uno dei dati più importanti per i mercati in questo momento.

“La grande domanda per i mercati e la Federal Reserve (USA) è per quanto tempo continueranno le pressioni inflazionistiche. Molti degli aumenti dei prezzi nelle aree più colpite dalla riapertura nei prossimi mesi, ad esempio auto usate, hotel e aerei”, ha affermato Ambrose Crofton, strategist Global Marketplace presso JPMorgan Asset Management.

“Le persistenti sorprese dell’inflazione rialzista negli ultimi mesi suggeriscono che non è più appropriato che la Fed metta piede con fermezza sull’acceleratore”, ha aggiunto.

(1 dollaro = 0,8457 euro)

(Segnalazione di Abhinav Ramnarayan; segnalazione aggiuntiva di Thiagaraju Adinarayan e Yorok Bahjali; montaggio di Timothy Heritage, Alex Richardson e Gareth Jones)