octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I problemi energetici della Cina espongono la debolezza strategica

PECHINO – L’azienda di panificazione non può ottenere tutta la potenza di cui ha bisogno per le sue panetterie. Un fornitore chimico di alcuni dei maggiori produttori mondiali di vernici ha annunciato tagli alla produzione. Una città costiera ha cambiato le sue regole di razionamento dell’elettricità per i produttori quattro volte in un giorno.

La carenza di elettricità in Cina si sta diffondendo tra fabbriche e industrie, mettendo alla prova la posizione della nazione come capitale globale della produzione affidabile. La carenza ha spinto le autorità ad annunciare mercoledì una corsa nazionale per estrarre e bruciare più carbone, nonostante i loro precedenti impegni a ridurre le emissioni causali. Cambiamento climatico.

Le miniere che sono state chiuse senza permesso hanno ricevuto l’ordine di riaprire. Riapriranno anche le miniere di carbone e le centrali elettriche a carbone che sono state chiuse per riparazioni. Sono in fase di elaborazione incentivi fiscali per le centrali a carbone. I regolatori hanno ordinato alle banche cinesi di fornire molti prestiti al settore del carbone. I governi locali sono stati avvertiti di essere più vigili sulle restrizioni all’uso dell’energia che sono state imposte in parte in risposta alle preoccupazioni relative al cambiamento climatico.

“Faremo del nostro meglio per aumentare la produzione e l’offerta di carbone”, ha dichiarato mercoledì a Pechino durante una conferenza stampa Zhao Qinxin, segretario generale della Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma, la più grande agenzia di pianificazione economica della Cina.

A seconda di quanto carbone potrà essere estratto e bruciato presto, la carenza di elettricità in Cina potrebbe sollevare dubbi sul fatto che Pechino possa raggiungere la robusta crescita economica che i cinesi si aspettano nei prossimi mesi.

La crisi dell’elettricità ha messo in luce anche la crisi della Cina Debolezze strategiche: È un maiale energetico sempre più vorace e affamato. La Cina è anche emersa come il più grande emettitore al mondo di gas serra con un ampio margine, principalmente grazie alla sua già pesante dipendenza dal carbone.

L’economia n. 2 al mondo si basa su industrie ad alta intensità energetica come acciaio, cemento e prodotti chimici per alimentare la crescita. Sebbene molti nuovi impianti siano più efficienti delle loro controparti statunitensi, anni di controlli governativi sui prezzi dell’elettricità hanno indotto altri settori e la maggior parte dei proprietari di case a rimandare i miglioramenti.

Con l’arrivo della stagione del riscaldamento invernale, che richiederà alla Cina di scavare e bruciare più carbone, Pechino deve valutare se consentirà alle fabbriche di continuare a fornire materiali industriali con piena inclinazione alle catene di approvvigionamento globali.

Il razionamento energetico sembra essersi leggermente allentato dalla fine del mese scorso, quando Interruzioni di corrente e blackout diffusi Le fabbriche sono state colte di sorpresa. Ma la stagione del riscaldamento invernale inizia ufficialmente venerdì nel nord-est e continua nella Cina centro-settentrionale il mese prossimo.

La Cina deve affrontare scelte difficili. Brucia più carbone del resto del mondo messo insieme ed è il secondo consumatore di petrolio dopo gli Stati Uniti.

La Cina sta rapidamente espandendo l’uso del gas naturale, nonché dei pannelli solari, delle turbine eoliche e delle dighe idroelettriche. Tuttavia, la Cina non ha ancora una capacità sufficiente per soddisfare la domanda. Anche il passaggio all’energia verde può richiedere molta energia: la mancanza di fornitura di elettricità nel paese ha aumentato i costi di produzione dei pannelli solari.

Le forniture limitate e sostenute potrebbero costringere la Cina a rimodellare la sua economia, proprio come gli alti prezzi del petrolio negli anni ’70 hanno costretto il Nord America e l’Europa a cambiare. Quei paesi hanno sviluppato automobili più efficienti, hanno adottato altri combustibili, hanno trovato abbondanti nuove forniture e hanno spostato la produzione all’estero, principalmente in Cina. Ma il processo è stato lungo, doloroso e costoso.

Per ora, la Cina sta accelerando il consumo di carbone meno di un mese prima che i leader mondiali si incontrino a Glasgow per discutere di affrontare il cambiamento climatico.

Il consiglio di amministrazione della Camera di commercio dell’Unione europea in Cina ha dichiarato mercoledì che la carenza di elettricità è peggiorata questa settimana in alcune città ed è diminuita in altre. Si aspettavano che i problemi di elettricità continuassero fino a marzo.

Fino a quando non c’è abbastanza energia online, le fabbriche cinesi rischiano scioperi inaspettati e destabilizzanti. Le fabbriche in Cina consumano il doppio di elettricità rispetto al resto dell’economia del paese. Ma Jun, direttore dell’Istituto per gli affari pubblici e ambientali, un gruppo di ricerca e advocacy a Pechino, ha affermato che le fabbriche cinesi tendono ad aver bisogno dal 10 al 30 percento in più di energia rispetto alle loro controparti occidentali.

La Cina ha ottenuto maggiori guadagni di efficienza energetica negli ultimi due decenni rispetto a qualsiasi altro paese, ha affermato Brian Motherway, capo dell’efficienza energetica presso l’Agenzia internazionale dell’energia a Parigi. Ma poiché la Cina ha iniziato il secolo con un settore industriale inefficiente, non ha raggiunto l’Occidente, ha detto.

Anche con la spinta di mercoledì per una maggiore produzione di carbone, ha affermato Zhao, la Cina continuerà i suoi sforzi per diventare più efficiente dal punto di vista energetico. Ha notato che gli Stati Uniti stanno bruciando più carbone quest’anno mentre l’economia statunitense inizia a riprendersi dalla pandemia.

L’effetto della mancanza di energia è stato misto. Gli impianti di assemblaggio di auto nel nord-est della Cina hanno ricevuto il permesso di continuare a funzionare, ma le fabbriche di pneumatici hanno quasi smesso di funzionare. Wuxi Honghui New Materials Technology, che produce prodotti chimici per i produttori di vernici di tutto il mondo, ha rivelato che le interruzioni di corrente hanno danneggiato la produzione.

Altri hanno rivelato difficoltà come Toly Bread, con la catena nazionale di prodotti da forno, e Fujian Haiyuan Composites Technology, un produttore di batterie per il produttore cinese di auto elettriche in rapida crescita.

Fred Jacobs, un commerciante di software di 57 anni a Seattle, ha ordinato due dischi rigidi ad alte prestazioni alla fine dell’estate dalla Cina, ma è stato rimborsato una settimana fa perché la mancanza di elettricità potrebbe causare ritardi di fabbrica.

“Sono rimasto sbalordito, perché ho sentito parlare di problemi di spedizione con la Cina, ma non di problemi energetici o di infrastrutture con i fornitori cinesi”, ha detto. “Ora il rischio è molto maggiore e comprerò da venditori americani anche se dovrò pagare di più”.

Le interruzioni di corrente hanno causato un tributo umano che potrebbe essere esacerbato se le case perdessero elettricità durante l’inverno. Almeno 23 lavoratori sono stati ricoverati in ospedale nel nord-est della Cina alla fine del mese scorso a causa di avvelenamento da monossido di carbonio quando l’elettricità è andata via in un grande impianto chimico.

Il governo sta adottando misure per migliorare l’efficienza, ad esempio consentendo ai servizi di pubblica utilità di aumentare i prezzi per gli utenti industriali e commerciali fino al 20% in modo che possano acquistare più carbone.

La Cina ha praticamente interrotto i nuovi investimenti nel carbone nel 2016 a causa dell’aumento delle preoccupazioni sulla sostenibilità del settore. Funzionari anticorruzione hanno avviato indagini incentrate su alcuni importanti giacimenti di carbone nella regione della Mongolia interna, scoraggiando ulteriormente gli investimenti.

Alla fine dell’estate molte miniere sono state chiuse per controlli sulla sicurezza. Inondazioni questo autunno Nella provincia dello Shanxi, il più grande centro di estrazione del carbone della Cina, almeno un decimo delle miniere della provincia sono state costrette a chiudere.

READ  Il primo ministro ad interim dell'Armenia rivendica la vittoria con un partito che guida in anticipo alle elezioni parlamentari

Con l’aumento della domanda dopo la pandemia, i prezzi sono saliti alle stelle. Le centrali elettriche si sono trovate a perdere soldi con ogni tonnellata di carbone bruciato, quindi gestivano circa i tre quinti della loro capacità.

I funzionari cinesi sperano di sostituire gran parte dell’energia a carbone con l’energia solare. Ma la produzione di pannelli solari in Cina richiede enormi quantità di elettricità, principalmente carbone.

Il silicio policristallino, la principale materia prima per i pannelli solari, è più che triplicato di recente, con la maggior parte dell’aumento nelle ultime due settimane, ha affermato Ocean Yuan, presidente di Grape Solar, un distributore di pannelli solari a Eugene, Oregon.

In Cina, il costo della costruzione di grandi parchi di pannelli solari è aumentato di circa il 25% dall’inizio di quest’anno.

“Non vedevamo un tale livello da anni”, ha detto Frank Hugwitz, un consulente cinese nel settore dei pannelli solari.

La Cina sta anche cercando di migliorare l’efficienza dell’industria siderurgica. Le sue acciaierie utilizzano ogni anno più elettricità di tutte le case del paese e costituiscono circa un sesto delle emissioni di gas serra della Cina.

Le aziende siderurgiche cinesi fanno ancora affidamento su altiforni alimentati a carbone che fondono principalmente il minerale di ferro per produrre acciaio. L’Occidente si è principalmente rivolto alla produzione di acciaio in efficienti forni ad arco elettrico, che fondono una miscela di rottami e minerale di ferro. La Cina sta cercando di migliorare la raccolta dei rottami dagli edifici demoliti, ha affermato Sebastian Lewis, un consulente cinese per l’energia e le materie prime, ma il passaggio ai forni ad arco elettrico sarà graduale.

Per ora, le preoccupazioni della Cina sono concentrate sull’inverno. Durante la forte ondata di freddo dello scorso dicembre, alcune città ha finito il carbone Ridurre le operazioni in fabbrica, spegnere lampioni e ascensori e limitare il riscaldamento degli uffici. I problemi sono sorti anche se le centrali elettriche hanno iniziato a svernare con diverse settimane di carbone nelle scorte.

Quest’anno, la provincia più grande della Cina ha solo da 9 a 14 giorni di stoccaggio, secondo CQCoal, la società cinese di dati sul carbone.

Le azioni sono basse, molto più basse di quanto dovrebbero essere”, ha affermato Philip Andrews Speed, specialista in energia cinese presso la National University of Singapore. “Sono in preda al panico a causa dell’inverno”.

io tu e Claire Vogue Contribuire alla ricerca.