junio 29, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I prezzi mondiali del petrolio sono vicini al livello più alto degli ultimi sette anni

Lunedì i prezzi del petrolio sono stati scambiati all’interno di un range ravvicinato di un massimo di sette anni, minacciando di spingere ulteriormente l’inflazione globale al rialzo poiché l’offerta è rimasta limitata e i timori di un rallentamento della domanda causato dalla pandemia sono svaniti.

Il greggio Brent, lo standard internazionale, è aumentato di oltre il 10 per cento nelle prime due settimane dell’anno fino a 86,71 dollari al barile, superando il livello più alto dello scorso ottobre, avvicinandosi a livelli che non si vedevano dal 2014, quando il prezzo del petrolio ha superato i 115 dollari.

Il benchmark petrolifero statunitense West Texas Intermediate è aumentato di oltre il 12% dall’inizio dell’anno fino a un massimo di $ 84,78, appena al di sotto del picco dello scorso anno. Alcuni analisti si aspettano che il greggio di riferimento venga scambiato al di sopra dei 100 dollari al barile anche quest’anno, a meno che non vi sia un aumento significativo dell’offerta.

«Questo è un momento molto rischioso in questo momento nel mercato petrolifero», ha affermato Helima Croft, responsabile della strategia globale delle materie prime presso RBC Capital Markets. Siamo nella zona del petrolio rosso [US] Presidente [Joe] Biden che è assolutamente pronto a chiedere all’OPEC più barili».

La crescita dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è aumentata del 7% su base annua a dicembre, il ritmo più veloce dal 1982, dopo che un rally di sei mesi nei mercati dell’energia ha fatto aumentare il costo della vita in tutto il mondo.

La Casa Bianca ha invitato i maggiori produttori mondiali di petrolio ad aumentare la produzione più velocemente per aiutare a controllare l’inflazione. Ma l’OPEC e i suoi alleati sono rimasti fedeli al piano Concordato a luglio L’anno scorso per compensare gradualmente i tagli alla produzione all’inizio della pandemia, di soli 400.000 barili al giorno al mese.

READ  La pandemia sta facendo più male a questi studenti

La strategia ha aiutato i prezzi del petrolio a riprendersi dal rally di agosto, riprendendosi rapidamente dopo che la rapida diffusione della variante del coronavirus Omicron a novembre ha innescato un’ondata di vendite.

Ma non tutti i membri del gruppo OPEC+ – che comprende produttori come Arabia Saudita, Iraq e paesi alleati come Russia e Kazakistan – sono stati in grado di raggiungere i loro obiettivi mensili, il che significa che l’organizzazione stava aumentando la produzione appena al di sotto del suo obiettivo mensile. Gli analisti hanno detto.

In Europa – dove viene scambiato il gas naturale livelli storici A causa dell’elevata domanda, dello scarso stoccaggio e delle scarse forniture dalla Russia – timori di possibile L’invasione russa dell’Ucraina Aumenta l’incertezza sui mercati energetici.

“Anche se non c’è interruzione nella fornitura, [those] Le tensioni pagheranno [oil] «Il prezzo è potenzialmente di $ 100 al barile», ha detto Croft.

Bjarne Schieldrop, analista capo delle materie prime presso il gruppo finanziario svedese SEB, ha affermato che spetta ai produttori con capacità inutilizzata, come l’Arabia Saudita, agire se vogliono evitare che i prezzi salgano.

«Le difficoltà di approvvigionamento dall’Angola, dalla Nigeria e dalla Libia, insieme ai prezzi eccezionalmente elevati del gas naturale e a un mercato globale del diesel ristretto, sono forze naturali al rialzo per il greggio leggero dolce», ha affermato.

“Dato questo, potremmo vedere azioni opposte da parte di quelli [Opec+] Lascia ai membri una capacità di riserva anche se ciò significa rompere i loro cappelli individuali per evitare che il prezzo del petrolio salga oltre i 100 dollari al barile».