enero 26, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I patrioti pro-Pechino battono le elezioni di Hong Kong con un’affluenza record low

  • I Democratici evitano il voto
  • Il CEO Lam afferma che il processo elettorale ha un ampio sostegno
  • «Democrazia con caratteristiche di Hong Kong» – Ufficio di collegamento

HONG KONG (Reuters) – I candidati pro-Pechino hanno vinto un’elezione legislativa riformata da soli «patrioti» a Hong Kong che i critici hanno giudicato non democratico, poiché l’affluenza alle urne ha raggiunto il minimo storico in mezzo alla repressione delle libertà in città da parte della Cina.

L’affluenza alle urne del 30,2%, circa la metà della precedente affluenza alle urne nel 2016, è stata vista dagli attivisti pro-democrazia come un rimprovero alla Cina dopo aver imposto un’ampia legge sulla sicurezza nazionale e radicali cambiamenti elettorali per rendere la città più assertiva sotto il suo controllo autoritario. .

I candidati pro-Pechino e pro-Pechino hanno riempito quasi tutti i seggi, alcuni applaudendo sul palco al centro di conteggio dei voti e cantando «vittoria garantita».

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

Il leader di Hong Kong Carrie Lam ha dichiarato lunedì in una conferenza stampa che l’affluenza alle urne era già bassa, ma non ha potuto fornire ragioni specifiche per ciò.

«Ma 1,35 milioni sono andati a votare – non si può dire che non sia stata… un’elezione che non ha ottenuto molto sostegno dalla gente», ha detto Lam.

Alla domanda se la bassa affluenza alle urne significhi che il suo partito non ha un mandato pubblico, Starry Lee, presidente dell’Alleanza democratica per il miglioramento e l’avanzamento di Hong Kong (DAB) pro-Pechino che ha vinto la metà dei seggi eletti direttamente, ha detto che i Patriots – solo regole migliorerebbero la governance.

READ  Alle Nazioni Unite, i disordini ad Haiti, l'Etiopia solleva preoccupazione globale

«Le persone hanno bisogno di tempo per adattarsi a questo sistema», ha detto ai giornalisti al centro di conteggio dei voti.

L’elezione – che può contestare solo i candidati che sono stati esaminati dal governo come «patriottici» – è stata criticata da alcuni governi stranieri, gruppi per i diritti umani e partiti pro-democrazia di Hong Kong, che non hanno partecipato alle elezioni, come antidemocratiche .

La maggior parte della dozzina di candidati che si definivano moderati, incluso l’ex rappresentante democratico Frederick Fong, non è riuscita a ottenere un seggio e ha ceduto ai rivali pro-Pechino.

«Non è facile convincere le persone (a votare). Penso che si sentano indifferenti», ha detto Fong a Reuters.

Il precedente calo record per le elezioni legislative tenute dopo il ritorno della città nel 1997 dal dominio britannico a quello cinese era del 43,6% nel 2000.

Il Chinese Liaison Office di Hong Kong, rappresentante del governo di Pechino sul territorio, ha descritto le elezioni come «un riuscito esercizio di democrazia con le caratteristiche di Hong Kong».

In un white paper di 57 pagine pubblicato lunedì, il governo cinese ha affermato di aver fornito sostegno continuo a Hong Kong nello sviluppo del suo «sistema democratico» e ha criticato le proteste a favore della democrazia del 2019, spesso violente. Per saperne di più

Lam, che questa settimana è a Pechino per presentare il suo rapporto annuale ai leader di stato, ha affermato che il documento è stato tempestivo per confutare le critiche dei governi e dei media stranieri sulle elezioni.

Democrazia in stile Hong Kong

Gli analisti politici affermano che l’affluenza alle urne è una misura di legittimità in un’elezione in cui i candidati a favore della democrazia sono stati in gran parte assenti e un giro di vite ai sensi del Security Act e di altre leggi ha portato all’arresto di dozzine di candidati a favore della democrazia. Democratici che originariamente voleva fuggire e costrinse altri all’esilio. Per saperne di più

READ  L'Ucraina afferma che un attacco russo su larga scala potrebbe essere possibile a gennaio

In base all’adeguamento elettorale annunciato dalla Cina a marzo, la percentuale di seggi eletti direttamente è stata ridotta da circa la metà a meno di un quarto, ovvero 20 seggi. Per saperne di più

Quaranta seggi sono stati scelti da un comitato composto da fedelissimi di Pechino, mentre i restanti 30 seggi sono stati occupati da settori professionali e commerciali come la finanza e l’ingegneria, noti come distretti funzionali.

Anche il tasso di affluenza per questi gruppi professionali è sceso al 32,2% dal 74% nel 2016. Alcuni settori in cui gli elettori si sono tradizionalmente orientati verso la democrazia, tra cui istruzione, welfare e diritto, hanno registrato i tassi più bassi.

Nel 2019, l’ultima importante elezione cittadina per i seggi del consiglio di contea, l’affluenza alle urne è stata del 71% con circa il 90% dei 452 seggi vinti dai democratici.

L’agenzia di stampa Xinhua ha affermato che i risultati hanno mostrato la «vera volontà del popolo», mentre il quotidiano pro-Pechino, Ta Kung Pao, ha descritto il voto come «il maggior successo» dal passaggio di consegne del 1997.

Il democratico Sunny Cheung, che si è trasferito negli Stati Uniti per sfuggire al procedimento giudiziario ai sensi del Security Act, ha affermato che la maggior parte di Hong Kong «ha intenzionalmente boicottato le elezioni per esprimere il proprio dispiacere al mondo».

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

Segnalazione aggiuntiva di Jesse Bang. Scritto da James Pomfret e Marius Zaharia; Montaggio di Stephen Coates

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.