diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I migranti si accampano di notte al confine polacco dopo una giornata tesa

VARSAVIA, Polonia (AP) – La polizia antisommossa polacca e bobine di filo spinato martedì si sono scontrati con i migranti, comprese le famiglie con bambini piccoli, che erano accampati oltre il confine in Bielorussia, in mezzo a una tesa situazione di stallo al confine orientale dell’Unione Europea.

Le autorità polacche hanno riferito che la situazione al confine è stata calma durante la notte e martedì, ma le autorità hanno affermato che si stavano preparando per qualsiasi eventualità. Il ministero della Difesa polacco ha detto, martedì, che un folto gruppo di truppe bielorusse si sta dirigendo verso il campo di migranti.

Tuttavia, non c’era modo di verificare in modo indipendente ciò che stava accadendo. I giornalisti hanno una capacità lavorativa limitata in Bielorussia e lo stato di emergenza in Polonia ha tenuto i giornalisti e altri fuori dalla regione di confine.

Il giorno prima, le tensioni sono esplose quando un folto gruppo di migranti ha cercato di raggiungere illegalmente la Polonia, secondo un video pubblicato dalle autorità polacche sui social media.

Respinti dalle forze polacche, gli emigranti si stabilirono poi nel campo durante la notte, con tende e fuochi lungo il confine.

Il blocco di lunedì ha intensificato una crisi lungo un confine che ribolliva da mesi, poiché il regime autoritario del presidente bielorusso Alexander Lukashenko incoraggiava i migranti a entrare illegalmente nell’Unione europea.

L’Unione europea ha risposto martedì inasprendo le regole sui visti per i funzionari bielorussi su quello che ha definito un «attacco ibrido» contro il blocco di 27 nazioni.

Il quartier generale dell’UE ha affermato che sta «sospendendo parzialmente» un accordo concluso con la Bielorussia che allenta le regole sui visti.

READ  L'Indonesia adotta misure di emergenza dopo l'aumento dei casi di coronavirus

La mossa colpisce membri del governo bielorusso, legislatori, diplomatici e rappresentanti della Corte Suprema. Aumenta la burocrazia di viaggio e richiede loro di presentare documenti aggiuntivi e pagare di più per i visti.

in un Video Pubblicato su Twitter, tende e falò Si può vedere, a temperature quasi gelide, che la polizia polacca fa un annuncio avvertendo i migranti di attraversare il confine polacco solo ai valichi di frontiera ufficiali, dove sono richiesti i visti.

Ma a partire da martedì mattina, il valico più vicino a Koznica, nel nord-est del Paese, è stato chiuso.

La situazione segna un’escalation in mesi di pressione migratoria contro Lituania, Polonia e, in misura minore, Lettonia, i tre paesi dell’Unione Europea al confine orientale del blocco con la Bielorussia. L’Unione europea afferma che la Bielorussia sta esercitando pressioni e intende destabilizzare il blocco in rappresaglia per le sanzioni occidentali.

Martedì mattina il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, accompagnato dal ministro della Difesa Mariusz Blaszczak, si è recato al confine per incontrare le guardie di frontiera e altri funzionari della sicurezza. Morawiecki li ha elogiati, anche a nome dell’Unione Europea, per la loro «efficace difesa dei nostri confini».

«Non sappiamo da cos’altro verrà il regime di Lukashenko – questa è la verità», ha detto Moravitsky.

Nel frattempo, martedì il governo lituano ha chiesto al parlamento di dichiarare lo stato di emergenza lungo il confine con la Bielorussia per un mese dalla mezzanotte.

Lo stato di emergenza sarà in vigore lungo l’intera lunghezza del confine e cinque chilometri (tre miglia) nell’entroterra, nonché nelle strutture di accoglienza per migranti a Vilnius e in altre parti del paese.

READ  Bennett per annunciare la sua adesione all'opposizione per formare un nuovo governo israeliano per estromettere Netanyahu

La misura includerà la limitazione del diritto degli immigrati privi di documenti che risiedono in Lituania di comunicare per iscritto o per telefono, tranne che per contattare le autorità del paese.

La maggior parte dei migranti proviene dal Medio Oriente e dall’Africa che ha approfittato dell’apertura di una nuova rotta migratoria per entrare in Europa, spesso cercando di raggiungere i familiari che sono già emigrati in Germania o in altri paesi dell’Europa occidentale.

La Polonia ha ricevuto forti segnali di sostegno e solidarietà dall’Unione Europea, dagli Stati membri dell’UE e dagli Stati Uniti mentre è alle prese con la sua crisi di confine.

Il ministro dell’Interno tedesco uscente Horst Seehofer ha dichiarato martedì che tutti i paesi dell’UE «devono stare uniti, perché Lukashenko usa il destino delle persone con il sostegno del presidente russo Vladimir Putin per destabilizzare l’Occidente». Ha invitato la Commissione europea a sostenere la Polonia nella messa in sicurezza del confine.

«I polacchi stanno fornendo un servizio molto importante a tutta l’Europa», ha detto.

Finora, i nazionalisti al potere in Polonia hanno rifiutato l’aiuto dell’agenzia di frontiera dell’Unione europea, Frontex.

Molti immigrati si recano a Minsk, la capitale della Bielorussia, con visti turistici, e da lì viaggiano in taxi fino al confine con la Polonia. L’Unione europea sta cercando di fare pressione sulle compagnie aeree affinché non facilitino l’immigrazione illegale.

Sebbene i voli diretti dall’Iraq a Minsk siano stati sospesi ad agosto, secondo i rapporti sulla migrazione interna dell’UE visti dall’Associated Press, i migranti hanno viaggiato in Bielorussia tramite voli commerciali e charter dalla Siria, dalla Turchia, dagli Emirati Arabi Uniti e persino dalla Russia.

READ  182 resti umani in tombe anonime trovate sul sito di un'ex scuola residenziale

I contrabbandieri hanno annunciato sui social media un mezzo di trasporto dalla Bielorussia alla Germania in auto. Secondo i rapporti, gli autisti che contrabbandavano persone attraverso il confine polacco-tedesco provenivano principalmente da paesi non UE, sebbene fossero coinvolti anche cittadini dell’UE. Molti immigrati sono finiti in Germania. Ma un rapporto ha detto che alcuni hanno continuato il loro viaggio fino alla Finlandia in traghetto attraverso la Svezia.

___

Geir Molson ha contribuito a Berlino, Lorne Cooke a Bruxelles, Liudas Dapkus a Vilnius, Lituania, e Renata Brito a Barcellona, ​​​​Spagna.