julio 1, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I leader dell’UE soppesano nuove sanzioni contro la Russia in mezzo a «catena di attacchi»

  • Gli Stati baltici guidano le richieste dell’UE per una posizione dura sulla Russia
  • Le potenze occidentali temono un attacco russo all’Ucraina
  • Le sanzioni economiche potrebbero colpire Nord Stream 2
  • Il primo vertice del nuovo cancelliere tedesco Schulz
  • La Russia dice che vuole garanzie di sicurezza dall’Occidente

BRUXELLES (Reuters) – I leader degli Stati baltici e dell’Europa centrale hanno dichiarato giovedì che l’Unione europea è sotto attacco dalla Russia su più fronti e deve unirsi per nuove sanzioni economiche, poiché la Lituania ha segnalato il rischio di possibili attacchi militari russi dalla Bielorussia.

Gli avvertimenti al vertice dell’Unione Europea sono stati tra i più diretti delle ultime settimane, poiché gli Stati Uniti e i suoi alleati della NATO cercano di scoraggiare un possibile attacco russo all’Ucraina e ridurre il margine di sorpresa per Mosca. Molti alleati della NATO sono anche stati membri dell’Unione Europea.

«Stiamo già affrontando una serie di attacchi. Li vedo tutti collegati», ha detto ai giornalisti il ​​primo ministro lettone Krisjanis Karenz, riferendosi a quelli che ha detto essere l’armamento dei migranti mediorientali al confine della Bielorussia con l’Unione europea e i prezzi artificialmente alti per Russia. Gas naturale e disinformazione russa.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

L’Ucraina resta il principale focolaio di tensione tra Russia e Occidente. Washington afferma che la Russia ha ammassato più di 100.000 soldati al confine con l’Ucraina, forse per invaderlo. Mosca afferma di avere il diritto di spostare le sue forze nel suo territorio come meglio crede, ma afferma che le manovre sono puramente difensive.

I leader dell’Unione europea metteranno in guardia contro «gravi conseguenze» se la Russia invaderà l’Ucraina, secondo una bozza di dichiarazione finale del vertice vista da Reuters. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno preso una posizione simile.

READ  Kamala Harris al frente de una delegación presidencial a EAU tras la muerte del líder

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato giovedì che la Russia sta aumentando, non riducendo, le sue forze al confine.

«Non vediamo alcuna indicazione che questa mobilitazione si fermi o rallenti. Al contrario, sta continuando», ha detto ai giornalisti al quartier generale della NATO, in piedi accanto al presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Stoltenberg ha affermato che al confine con l’Ucraina ci sono «truppe, carri armati, artiglieria, unità corazzate, droni e sistemi di guerra elettronica russi pronti per il combattimento».

Il Cremlino nega le accuse dell’Occidente, compreso qualsiasi piano per invadere l’Ucraina. Dice di avere legittimi interessi di sicurezza nella regione e mercoledì ha proposto agli Stati Uniti di non espandere la NATO verso est o di posizionare nuovi sistemi d’arma vicino ai confini della Russia.

‘situazione pericolosa’

Ma i vicini della Russia nella regione baltica hanno attaccato quelli che considerano i tentativi di Mosca di offuscare il confine tra pace e guerra.

Lo ha detto il presidente lituano Gitanas Nosida, il giorno dopo che i leader dell’UE hanno tenuto un vertice con l’Ucraina e altre quattro ex repubbliche sovietiche a Bruxelles. Per saperne di più

Ha citato la preoccupazione che la Russia possa incorporare la Bielorussia, che confina con la Polonia e due Stati baltici, nei suoi sistemi militari e utilizzare il suo territorio «come una potenziale piattaforma per attaccare i paesi vicini».

E qualsiasi sanzione coordinata dell’UE dipenderà probabilmente dalla Germania, il cui nuovo cancelliere di centrosinistra, Olaf Schulz, ha adottato una linea molto più dura rispetto al suo predecessore di centrodestra, Angela Merkel.

Tuttavia, i diplomatici hanno affermato che Berlino rimarrà combattuta se rischiare le forniture di gas naturale russo alle sue imprese e alle sue case questo inverno, opponendosi a Mosca.

READ  Il genocidio in Ruanda: Macron riconosce la responsabilità "schiacciante" della Francia

La Germania, la Francia e l’Ucraina mercoledì hanno cercato di rilanciare la formula «Normandia», un’iniziativa di pace diplomatica con la Russia per porre fine al conflitto nell’Ucraina orientale tra i separatisti filo-russi e le forze di Kiev.

«Sottolineeremo ancora una volta che l’inviolabilità delle frontiere è una base importante per la pace in Europa e che insieme faremo tutto ciò che è in nostro potere per garantire che questa inviolabilità continui», ha detto Schulz ai giornalisti al suo primo vertice UE come leader della Germania.

L’Occidente ha imposto sanzioni economiche alla Russia nel 2014 per l’annessione della Crimea dall’Ucraina. Le misure hanno preso di mira i settori energetico, bancario e della difesa della Russia.

Il primo ministro sloveno Janez Jansa ha suggerito che una delle opzioni dell’UE nel suo confronto con Mosca potrebbe essere quella di impedire il funzionamento del nuovo gasdotto Nord Stream 2 tra Russia e Germania.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Robin Emmott, Sabine Siebold, Kate Abnett, Jan Stropchevsky e Gabriela Bacsinska; scrittura di Robin Emmott; montaggio di John Chalmers

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.