diciembre 9, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I lavori si sono fermati in una «base militare cinese» negli Emirati Arabi Uniti dopo gli interventi degli Stati Uniti | Cina

Le agenzie di intelligence statunitensi hanno trovato prove quest’anno di lavori di costruzione su quella che credevano essere una struttura militare cinese segreta in Nord America Gli Emirati Arabi UnitiQuesto si è fermato dopo l’intervento di Washington, secondo un rapporto, venerdì.

Il Il giornale di Wall Street Ha affermato che le immagini satellitari del porto di Khalifa hanno rivelato lavori di costruzione sospetti all’interno di un terminal per container che è stato costruito e gestito dalla compagnia di navigazione cinese COSCO.

Le prove includevano massicci scavi di quello che sembrava essere un edificio a più piani e il fatto che il sito fosse coperto in un apparente tentativo di eludere il controllo.

Secondo il rapporto, l’amministrazione Biden ha avuto colloqui urgenti con le autorità degli Emirati, che sembravano ignorare le attività militari. Ha detto che le discussioni includevano due conversazioni dirette tra Joe Biden e il principe ereditario di Abu Dhabi Mohammed bin Zayed Al Nahyan a maggio e agosto.

A fine settembre è stato Sicurezza nazionale degli Stati Uniti Il consigliere, Jake Sullivan, e il coordinatore per il Medio Oriente della Casa Bianca, Brett McGurk, si sono recati negli Emirati Arabi Uniti e hanno fornito dettagli sull’intelligence statunitense sul sito alle autorità degli Emirati, con McGurk che è tornato questa settimana per incontrare il principe ereditario. Dopo che i funzionari statunitensi hanno recentemente ispezionato il sito di Khalifa, i lavori di costruzione sono stati sospesi, afferma il rapporto.

Il rapporto arriva quattro anni dopo che la Marina cinese ha istituito una struttura a Gibuti, la sua prima base oltremare, che è stata posizionata all’interno di un porto commerciale gestito dalla Cina, a Doraleh.

READ  La bozza di accordo COP26 pubblicata l'ultimo giorno contiene un linguaggio debole ma senza precedenti sui combustibili fossili

L’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti a Washington non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento, ma ha dichiarato al Wall Street Journal: «Gli Emirati Arabi Uniti non avevano alcun piano di accordo, colloqui o intenzione di ospitare una base militare cinese o un avamposto di alcun tipo».

«Gli Emirati hanno detto che non sarebbe successo», ha detto un alto funzionario degli Stati Uniti. Vi rimando agli Emirati per questo particolare progetto. Ma posso dirvi che siamo impegnati nella nostra partnership duratura tra gli Stati Uniti e gli Emirati Arabi Uniti».

Il rapporto degli Emirati Arabi Uniti è l’ultimo esempio della crescente rivalità globale tra gli Stati Uniti e Cina. Lo stesso giorno, il Dipartimento di Stato ha avvertito Pechino che gli Stati Uniti sarebbero intervenuti per difendere le navi filippine in caso di attacco armato cinese, a seguito di un incidente in cui le navi della marina cinese hanno usato cannoni ad acqua contro le navi di rifornimento filippine nel Mar Cinese Meridionale.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha definito l’azione cinese «pericolosa, provocatoria e ingiustificata».

In una dichiarazione, Price ha affermato che Pechino «non dovrebbe interferire con le legittime attività filippine nella zona economica esclusiva delle Filippine». «Gli Stati Uniti stanno con i nostri alleati filippini a sostegno dell’ordine marittimo internazionale basato su regole e riaffermano che un attacco armato alle navi generali filippine nel Mar Cinese Meridionale invocherebbe gli impegni di difesa congiunti degli Stati Uniti».

«La caratteristica principale delle relazioni USA-Cina in questo momento è la competizione, e siamo in competizione in tutte le aree ovunque», ha affermato Kurt Campbell, coordinatore Indo-Pacifico della Casa Bianca.

«Pensiamo che sia possibile competere responsabilmente in modo sano, ma allo stesso tempo, il presidente capisce… che sarà importante cercare di creare delle barriere… che impediranno al rapporto di virare in pericolose arene di confronto», ha detto Campbell venerdì all’Istituto per la pace degli Stati Uniti.

Campbell ha detto che in vertice virtuale All’inizio della settimana, Biden e Xi Jinping hanno concordato passi provvisori per tenere colloqui tra i funzionari di entrambi i paesi volti a ridurre i rischi di conflitto per incidente o errore di calcolo, in particolare per quanto riguarda le armi nucleari.

«Quello che vorremmo fare… è coinvolgere la Cina in discussioni su cosa faremmo se incontrassimo un qualche tipo di azione non intenzionale», ha detto. «Siamo nelle primissime fasi di questo tipo di discussione, e penso che sarebbe giusto dire che il presidente Xi ha indicato che sarebbero stati almeno coinvolti in quella discussione, che avremmo identificato le persone giuste per quel tipo di discussione, e questo potrebbe includere forse persone dal lato militare, e anche altre parti dei nostri governi”.

Campbell ha affermato che Biden ha anche cercato colloqui sulle politiche nucleari di entrambi i paesi, ma ha notato che Xi non ha ancora accettato questo tipo di discussioni.

“Vogliamo avere una discussione molto generale su quelle che potremmo chiamare questioni dottrinali su… alcuni passi che potresti intraprendere nel campo del nucleare. [that] potenzialmente destabilizzante». La Cina in passato non è mai stata interessata al controllo degli armamenti. Sono stati generalmente riluttanti a parlare di limitazioni operative. Sono stati molto attenti a rivelare qualsiasi cosa relativa alle caratteristiche chiave della loro posizione di difesa e simili. Quindi penso entriamo in questo con attenzione.

«Ero alla riunione», ha aggiunto Campbell. «Penso che il presidente Xi abbia indicato di essere pronto per parte di tutto questo, ma penso che dovrà essere testato nel tempo».