octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I lavoratori della produzione di Hollywood autorizzano lo sciopero

Donna Young della IATSE Local 700 Motion Picture Editors Guild scrive un messaggio sui salari equi per tutti sull’auto dei suoi membri del sindacato durante una manifestazione presso la Motion Picture Editors Guild IATSE Local 700 domenica 26 settembre 2021 a Los Angeles, California.

Myung Jae Chun | Los Angeles Times | Getty Images

I lavoratori sindacali dietro le quinte di Hollywood hanno votato in modo schiacciante per consentire uno sciopero a livello di settore.

L’Alleanza internazionale dei dipendenti del teatro ha affermato che il 90% degli elettori aventi diritto ha votato durante il fine settimana e oltre il 98% è a favore dell’autorizzazione allo sciopero.

“I membri hanno parlato forte e chiaro”, ha detto lunedì il presidente della IATSE Matthew Loeb in una dichiarazione. “Questo voto riguarda la qualità della vita, nonché la salute e la sicurezza di coloro che lavorano nell’industria cinematografica e televisiva. I nostri dipendenti hanno bisogni umani fondamentali come la pausa pranzo, un sonno adeguato e un fine settimana. In fondo la scala salariale, non valgono niente di meno che un salario di sussistenza.

Il voto arriva dopo mesi di trattative fallite tra il sindacato e l’Alleanza dei produttori cinematografici e televisivi, che rappresenta le principali società di produzione cinematografica e televisiva.

Questa decisione consente allo IATSE di iniziare uno sciopero se i colloqui con l’AMPTP rimangono in stallo. Questa è la prima volta nei 128 anni di storia dello IATSE che i membri del sindacato hanno autorizzato uno sciopero nazionale.

L’AMPTP ha dichiarato in una dichiarazione che rimane impegnata a raggiungere un accordo che manterrà il settore operativo.

“Apprezziamo molto i nostri membri dell’equipaggio IATSE e ci impegniamo a lavorare con loro per evitare chiusure del settore in un momento così cruciale, soprattutto perché il settore continua a riprendersi dalle ricadute economiche della pandemia di COVID-19”, ha affermato il gruppo.

READ  Il rapper di Baton Rouge Fredo Bang e Litte Yoshie arrestati a Miami

IATSE rappresenta un ampio spaccato di persone che lavorano nel settore, dai meccanici di studio ai guardaroba e ai truccatori. In totale, opera per conto di 150.000 membri della troupe negli Stati Uniti e in Canada, di cui circa 60.000 coperti da contratti televisivi e cinematografici esistenti in corso di rinegoziazione.

Il sindacato ha chiesto orari di lavoro migliori, condizioni di lavoro più sicure e benefici migliori.

“Spero che tu veda gli studi e comprenda il design dei nostri membri”, ha detto Loeb. “La palla è nel loro campo. Se vogliono evitare il colpo, torneranno al tavolo delle trattative e ci faranno un’offerta ragionevole”.

Raggiungere un accordo “richiede alle parti di lavorare insieme in buona fede con la volontà di scendere a compromessi ed esplorare nuove soluzioni per risolvere i problemi aperti”, ha affermato l’AMPTP.

tienilo con AMPTP, entrata in vigore nel 2018 È scaduto il 31 luglio ed è stato prorogato fino al 10 settembre. IATSE chiede nuovo accordo triennale Darebbe ai lavoratori che lavorano dietro le quinte salari più alti, pause pranzo, migliori contributi ai piani sanitari e pensionistici e un taglio ancora maggiore dei profitti dal flusso di produzione.

Le richieste arrivano sulla scia di uno dei periodi più turbolenti del settore, poiché i produttori hanno lavorato durante una pandemia globale per garantire che gli studi avessero contenuti da offrire ai consumatori.

La pandemia ha portato anche a un cambiamento irreversibile dell’ecosistema produttivo. Per 18 mesi, i consumatori sono rimasti bloccati a casa a guardare programmi TV e film. Questo aumento delle visualizzazioni ha dato servizi di streaming come Netflixe Disney+, HBO Max, E Amazon Prime Video Enormi guadagni in abbonamenti e canoni di abbonamento.

READ  'West Side Story' non tornerà a Broadway

Ha anche portato queste piattaforme a cercare più contenuti e ad aumentare il loro volume di produzione. Ciò significa che i lavoratori IATSE sono stati chiamati a lavorare più ore con l’aumentare del numero di progetti, ma la compensazione non è in linea con tale richiesta, ha affermato il sindacato.

Naturalmente, gli studios hanno anche dovuto affrontare difficili decisioni finanziarie durante la pandemia, poiché i cinema sono stati chiusi per quasi sei mesi e, anche quando riaprono, gli spettatori sono stati lenti a tornare. Molte aziende hanno scelto di distribuire i film nelle sale e nei servizi di streaming contemporaneamente. Sebbene ciò abbia contribuito ad aumentare il numero di abbonamenti, alla fine ha interrotto le vendite al botteghino.

Uno sciopero a livello di settore fermerebbe essenzialmente le produzioni hollywoodiane, in modo simile a quello che fece lo sciopero dello scrittore 14 anni fa. Questo sciopero tra il 2007 e il 2008 ha portato a molti spettacoli abbreviati o posticipati nuove stagioni e ha portato alla cancellazione di altre stagioni.