agosto 13, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I Giochi di Pechino hanno preso vita all’ombra del COVID e del conflitto

  • Spumante cerimonia presentata a un pubblico dimagrito
  • Nessun biglietto venduto per gli eventi olimpici a causa del COVID
  • Xi e Putin proclamano l’amicizia «senza limiti»
  • I leader sostengono pubblicamente le posizioni degli altri su Ucraina e Taiwan
  • Sfondo di rivalità mai visto dai boicottaggi dell’era della Guerra Fredda

PECHINO, 4 feb (Reuters) – Il presidente cinese Xi Jinping ha aperto venerdì le Olimpiadi invernali di Pechino che non solo portano il segno della pandemia globale di coronavirus, ma stanno anche mescolando sport e politica globale come pochi altri hanno fatto dall’era della Guerra Fredda.

La scintillante cerimonia di apertura si è conclusa con un membro della minoranza uigura cinese – al centro delle critiche internazionali sui diritti umani – che ha contribuito ad accendere il calderone olimpico, poche ore dopo che Xi aveva annunciato una nuova alleanza strategica con il presidente russo in visita Vladimir Putin. Per saperne di più

Tremila artisti sono saliti su un palco composto da 11.600 metri quadrati di schermi LED ad alta definizione nel famoso stadio Bird’s Nest, prima che una folla si fosse assottigliata dalle restrizioni COVID-19. Per saperne di più

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

I ballerini si riversavano agitando steli verdi luminosi per celebrare il primo giorno di primavera sul calendario cinese, seguito da un’esplosione di fuochi d’artificio bianchi e verdi che scrivevano la parola «Primavera».

Su un cubo tridimensionale che ricorda un blocco di ghiaccio, i laser hanno scolpito le figure di ciascuno dei precedenti 23 Giochi Invernali. Il blocco è stato poi «rotto» dai giocatori di hockey su ghiaccio, permettendo agli anelli olimpici di emergere, tutti in bianco.

READ  Gli operatori umanitari affermano che l'attacco aereo etiope nel nord-ovest del Tigray ha ucciso 56 persone

L’accensione del calderone dello stadio da parte dell’ultimo atleta della staffetta della torcia, la cui identità è stata tenuta segreta fino all’ultimo momento, di solito fornisce il culmine alla fine della cerimonia di apertura delle Olimpiadi, e questa si è rivelata particolarmente significativa.

Dinigeer Yilamujiang, uno sciatore di fondo ventenne nato ad Altay, nella regione occidentale dello Xinjiang, ha acceso la fiamma insieme all’atleta di combinata nordica Zhao Jiawen.

Il trattamento riservato dalla Cina ai musulmani uiguri nello Xinjiang – che Washington considera un genocidio – è stato l’innesco di un boicottaggio diplomatico da parte di diversi paesi occidentali, compresi gli Stati Uniti.

GRUPPI ETNICI

La Cina respinge le accuse di violazioni dei diritti umani e ha cercato di trasmettere uno spirito di inclusione durante la cerimonia, in cui la bandiera cinese è stata fatta passare tra 56 persone in rappresentanza dei suoi gruppi etnici prima di essere innalzata per l’inno nazionale.

La cerimonia è stata organizzata dal regista Zhang Yimou, che riprende il ruolo del trionfo dei Giochi estivi di Pechino del 2008.

Ma come in Giappone sei mesi fa, la pandemia di COVID-19 ha imposto severi vincoli, anche riducendo il numero di visitatori in grado di assistere allo spettacolo di persona.

Con la Cina che si attiene ancora a una politica «zero Covid» nonostante la variante Omicron si stia diffondendo rapidamente in tutto il mondo, gli organizzatori hanno deciso il mese scorso di non vendere i biglietti al pubblico, tenuto fuori da un «circuito chiuso» di concorrenti e altro personale.

Anche se di dimensioni inferiori rispetto ai Giochi del 2008 – soprannominati il ​​»coming out party» della Cina – le Olimpiadi invernali di Pechino sono organizzate da una Cina che è molto più prospera, potente, sicura di sé e conflittuale sotto Xi.

READ  Ex soldato britannico trama la fuga in Afghanistan con 400 sfollati

Ore prima che iniziassero, Xi e Putin svelato la loro alleanzaproclamando un’amicizia «senza limiti» tra i loro paesi.

Era un duro promemoria di uno sfondo di rivalità geopolitica mai vista dai boicottaggi della Guerra Fredda degli anni ’80, quando gli Stati Uniti si rifiutarono di partecipare alle Olimpiadi di Mosca e l’Unione Sovietica rimase lontana da Los Angeles.

Con le tensioni su entrambi i lati della massa eurasiatica ai massimi degli ultimi decenni, Putin e Xi si sono pubblicamente schierati a vicenda per una serie di lamentele, in particolare l’Ucraina, dove l’Occidente accusa Putin di prepararsi alla guerra.

SOSTEGNO RECIPROCO

Il leader russo – che ha ospitato le sue Olimpiadi invernali a Sochi nel 2014, giorni prima di inviare truppe per impadronirsi della penisola ucraina di Crimea – ha ringraziato Xi per averlo invitato, aggiungendo: «Sappiamo di prima mano che questo è un lavoro enorme». Per saperne di più

In una giuntura Dichiarazione russo-cinesePechino ha appoggiato l’appello di lunga data della Russia alla NATO per fermare la sua espansione – la richiesta centrale di Mosca in una disputa con i paesi occidentali che affermano di credere che Putin si stia preparando per la guerra in Ucraina.

La Russia, che ha solo più di 100.000 soldati alla frontiera ucraina, nega di pianificare un’invasione, ma afferma che potrebbe intraprendere un’azione militare non specificata, le sue richieste di sicurezza sono soddisfatte.

Mosca, da parte sua, ha affermato di sostenere pienamente la posizione di Pechino su Taiwan e di contrapporsi all’indipendenza taiwanese in qualsiasi forma. Per saperne di più

Il presidente del Comitato Olimpico Internazionale Thomas Bach ha esortato i leader politici mondiali a osservare una «tregua olimpica» e «dare una possibilità alla pace».

READ  Mappe che mostrano l'entità delle inondazioni in Europa

Ma i leader politici degli Stati Uniti e di altri paesi occidentali erano assenti, avendo citato la persecuzione degli uiguri e di altre minoranze musulmane, cosa che Pechino nega.

Gruppi per i diritti umani accusano la Cina di tortura, lavoro forzato e detenzione di 1 milione di persone nei campi di internamento nello Xinjiang.

La Cina li chiama strutture di rieducazione e formazione, dice che sta combattendo l’estremismo religioso e nega gli abusi.

«Selezionando un atleta uiguro per accendere la torcia, la Cina sta cercando di affrontare le critiche dell’Occidente sul genocidio o la persecuzione degli uiguri e sulla sinocizzazione delle minoranze etniche», ha affermato Ma Haiyun, esperta di Xinjiang e professore associato a Frostburg Università statale del Maryland.

«Ma non credo che questo possa avere molto effetto sull’Occidente, che tende a pensare che la maggior parte di ciò che la Cina propone sia comunque uno spettacolo».

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting di Yew Lun Tian, ​​Chen Aizhu a Singapore e Gabriel Crossley a Pechino, Vladimir Soldatkin e Oksana Kobzeva a Mosca; Scritto da Peter Graff e Kevin Liffey; montaggio di David Evans

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.