septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I fisici in California fanno un passo avanti storico nella fusione nucleare

Gli scienziati nucleari usano laser delle dimensioni di tre campi da calcio Martedì ha detto Hanno generato un’enorme quantità di energia dalla fusione, che può offrire speranza per lo sviluppo di una nuova fonte di energia pulita.

Gli esperti hanno concentrato la loro gigantesca schiera di quasi 200 raggi laser su un punto minuscolo per creare un’enorme esplosione di energia, otto volte più di quanto abbiano fatto in passato.

Sebbene l’energia sia durata per un tempo molto breve – solo 100 trilionesimi di secondo – ha avvicinato gli scienziati al Santo Graal dell’accensione della fusione, il momento in cui generano più energia di quanta ne consumano.

“Questa scoperta è un progresso storico per la ricerca sulla fusione di autoconfinamento”, ha affermato Kim Bodell, direttore del Lawrence Livermore National Laboratory, che gestisce il National Ignition Facility in California, dove è stato condotto l’esperimento questo mese.

Alcuni scienziati considerano la fusione nucleare un’energia potenziale per il futuro, soprattutto perché produce pochi rifiuti e nessun gas serra.

Si differenzia dalla fissione, una tecnologia attualmente utilizzata nelle centrali nucleari, in cui i legami dei nuclei atomici pesanti vengono rotti per rilasciare energia.

Nel processo di fusione, due nuclei atomici leggeri vengono “accoppiati” per formare un nucleo pesante.

In questo esperimento, gli scienziati hanno utilizzato due isotopi dell’idrogeno, che hanno dato origine all’elio.

Questo è il processo che avviene nelle stelle, compreso il nostro sole.

“Le squadre del NIF hanno svolto un lavoro eccezionale”, Lei disse Professor Stephen Rose, condirettore del Centro per la ricerca in quest’area presso l’Imperial College di Londra.

READ  La legge della California potrebbe cambiare le pratiche commerciali di Amazon

“Questo è il progresso più significativo nella fusione inerziale dal suo inizio nel 1972”.

Ma Jeremy Chittenden, condirettore dello stesso centro a Londra, ha avvertito che rendere utilizzabile questa fonte di energia non sarebbe stato facile.

“Trasformare questo concetto in una fonte rinnovabile di energia elettrica sarà probabilmente un processo lungo e comporterà il superamento di importanti sfide tecniche”, ha affermato.

© AFP