septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I dipendenti Apple chiedono un cambiamento nelle pratiche aziendali interne in una lettera aperta

Apple, in qualità di datore di lavoro e appaltatore, purtroppo non è estranea a molte questioni lavorative, legali ed etiche. Questo è stato generalmente il caso nel corso degli anni, con molti problemi che hanno acceso i riflettori più o meno a ondate. È vero, quando lavori sulla scala del gigante di Cupertino, qualche problema, da qualche parte nell’enorme macchina dell’azienda, è inevitabile. Tuttavia, ciò che parte del movimento #AppleToo ha iniziato a offrire va oltre i casi isolati o anche i singoli casi delle stesse questioni legate al lavoro e accusa le pratiche interne di Apple di creare un clima estremamente inquietante per gli incidenti.

Prima di entrare nelle cose, dobbiamo iniziare dicendo che non siamo in alcun modo affiliati con nessuna delle parti coinvolte, né possiamo verificare alcuna delle affermazioni. Tuttavia, alcune cose nella lettera aperta, che è stata recentemente sollevata da #AppleToo, hanno attirato la nostra attenzione e pensiamo che valga la pena indagare. Puoi leggere tutto Qui per te. Le sue richieste sono le seguenti:

  • 1. Aumentare la separazione tra proprietà digitale e fisica di proprietà dei lavoratori e di proprietà di Apple in tutte le politiche Apple.
  • 2. Fornire un compenso trasparente, equo ed equo a tutta Apple.
  • 3. Verifica tutte le relazioni con le terze parti.
  • 4. Responsabilità del team del personale, relazioni con i dipendenti, comportamento sul lavoro e leadership.
  • 5. Fornire un processo per ascoltare le preoccupazioni del gruppo attraverso un ciclo di feedback trasparente.

Certo, alcuni punti, in particolare quelli che riguardano l’equo compenso, sono un po’ vaghi, e purtroppo così insormontabili che potrebbero essere comunque affrontati in pochi paragrafi in una lettera aperta. Tuttavia, la maggior parte degli altri punti sembra essere incentrata sul presunto malfunzionamento e malfunzionamento del sistema di segnalazione interna di Apple, insieme al potenziale uso improprio dei dati personali dei dipendenti, compromettendo il senso di sicurezza e fiducia sul posto di lavoro. Per citare il personaggio stesso:

I lavoratori hanno ricevuto molta pressione cercando di ascoltare le preoccupazioni del gruppo al di fuori di ciò che è stato scelto durante le domande e risposte del municipio all’interno delle varie organizzazioni. Ciò ha lasciato molti incerti su chi fidarsi e a chi rivolgersi per chiedere aiuto con le preoccupazioni concordate che molti lavoratori condividono in quanto non vi sono attività o persone specifiche da segnalare attraverso metodi individuali, come PBP o manager.

Quindi, in poche parole, l’affermazione qui è che le strutture di reporting interne di Apple non funzionano correttamente. E secondo #AppleToo, neanche questi sono casi isolati.

Centinaia di noi hanno documentato le nostre storie di abusi, discriminazioni e molestie. Centinaia di noi hanno documentato le nostre storie attraverso canali interni e non abbiamo ricevuto alcun sollievo.

A giudicare da altre parti della lettera, alcune delle denunce stesse riguardano questioni molto serie.

Chiediamo una verifica imparziale da parte di terzi della struttura di reporting di Apple, dei team di relazioni con dipendenti e dipendenti, della condotta aziendale e di tutta la leadership esecutiva. Vogliamo riesaminare a fondo tutte le segnalazioni e i risultati di razzismo, discriminazione, abuso, molestie, soppressione di attività concertate e ritorsioni a seguito di questo controllo.

Poi c’è un ulteriore livello di incertezza e potenziale uso improprio delle informazioni personali dei dipendenti che presumibilmente si verificano in Apple.

Le politiche di Apple sulla privacy e sul tethering dei dispositivi assicurano inoltre che quando chiediamo asilo, rischiamo di occupare la nostra privacy personale. Quando chiediamo un permesso o un soggiorno tramite i partner per la salute mentale e fisica di Apple, siamo tenuti a divulgare ampie informazioni mediche personali ad Apple e a qualsiasi agente Apple per un periodo complessivo di due anni. Apple è molto orgogliosa delle proprie politiche sulla privacy, ma in quanto lavoratori sentono che la nostra privacy non ci interessa.

La lettera affronta anche aspetti più pratici e dettagli su questo punto della privacy.

I lavoratori Apple sono “fortemente incoraggiati” a sincronizzare iCloud personali con i propri dispositivi. Ciò ha portato all’aspettativa che i dati personali di molti lavoratori possano essere ricercati da Apple, secondo le loro politiche… Un account iCloud deve essere fornito con account di posta elettronica aziendali per mantenere privati ​​i dati personali dei lavoratori per coloro che desiderano rinunciare di iCloud @ Apple. Per i lavoratori che desiderano iscriversi, le politiche dovrebbero chiarire che i lavoratori hanno diritto alla privacy con tutto ciò che è al di fuori della cartella Apple Work… I lavoratori che hanno bisogno di hardware devono avere un numero dedicato e avere a disposizione un dispositivo personale che non sia legato al sistema di Apple. , inclusa la non pubblicazione dei numeri di telefono personali nella directory Apple. I dipendenti sono stati molestati sui loro numeri di telefono personali a seguito di questa politica.

Per quanto riguarda l’uso improprio delle informazioni personali di terzi, la lettera fa esplicito riferimento a due società: Sedgwick e NAVEX Global, che probabilmente hanno accesso ai dati dei dipendenti e hanno già una lunga storia di reclami e azioni legali contro di loro per uso improprio.

READ  Quanto hanno pagato in tasse i vincitori di Mega Millions e Powerball per il 2021

I dipendenti Apple chiedono un cambiamento nelle pratiche aziendali interne in una lettera aperta

In generale, esiste una serie di lamentele molto serie che dipingono un ambiente di lavoro semitossico. Ancora una volta, non possiamo parlare della validità di nessuna delle affermazioni, ma il movimento #AppleToo sembra prendere slancio online. Qui speriamo che tutto si aggiunga a un risultato positivo di qualche tipo.

Fonte