agosto 3, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I dati preliminari mostrano che il partito filo-occidentale ha vinto le elezioni moldave

  • In Occidente, la Russia è in competizione per l’influenza in un povero paese ex-sovietico
  • Il presidente filo-occidentale spera di ottenere la maggioranza per combattere la corruzione
  • Accusa il parlamento uscente di ostacolare le riforme economiche

CHISINAU (Reuters) – Il partito filo-occidentale del presidente moldavo Maya Sandu ha vinto lunedì le elezioni parlamentari anticipate sulla base di una piattaforma anticorruzione e delle riforme, secondo i dati della Commissione elettorale centrale.

Sandow spera di ottenere la maggioranza nell’assemblea da 101 seggi per attuare le riforme che, secondo lei, sono state impedite dagli alleati del suo predecessore filo-russo, Igor Dodon.

I dati mostrano che dopo aver contato il 99,63% dei voti, nel nuovo consiglio saranno rappresentate solo tre forze politiche. Il Partito islamico malese ha ricevuto il 52,60% dei voti, mentre il suo principale rivale, il blocco socialista e comunista, ha ricevuto il 27,32%.

Il partito di Ilan Shor, un uomo d’affari condannato per frode e riciclaggio di denaro in relazione a uno scandalo bancario da un miliardo di dollari, ha ricevuto il 5,77% dei voti. Schur nega ogni illecito.

L’Occidente e la Russia si contendono l’influenza nella minuscola ex repubblica sovietica di 3,5 milioni di persone, che è una delle più povere d’Europa e ha subito un forte rallentamento economico durante la pandemia di COVID-19.

Sandhu, un ex economista della Banca Mondiale che favorisce legami più stretti con l’Unione Europea, ha sconfitto Doddon l’anno scorso ma è stato costretto a condividere il potere con il parlamento eletto nel 2019 e il governo guidato da legislatori alleati con Doddon.

Ad aprile, Sandhu ha sciolto il parlamento, con la PAS che aveva 15 deputati mentre i socialisti Dodon avevano 37 deputati. Insieme ai suoi alleati, controllava una maggioranza di 54 deputati.

READ  Tucker Carlson di Fox News parla alla conferenza di estrema destra in Ungheria dopo l'incontro con Viktor Orban

“Spero che la Moldavia oggi concluda un’era difficile, l’era del governo dei ladri in Moldova. I nostri cittadini dovrebbero sentire e sperimentare i benefici di un parlamento pulito e di un governo che si preoccupa dei problemi delle persone”, ha detto Sandu su Facebook.

Ha detto che intende, dopo il conteggio finale dei voti, formare un nuovo governo il prima possibile.

Non è ancora chiara la distribuzione dei seggi in Parlamento, in quanto i voti dei partiti che non hanno ottenuto voti sufficienti per entrare in Parlamento verranno distribuiti ai vincitori.

La Moldova, stretta tra l’Ucraina e la Romania, membro dell’UE, negli ultimi anni ha dovuto affrontare scandali di instabilità e corruzione, inclusa la scomparsa di 1 miliardo di dollari dal sistema bancario.

Dodon, ospite fisso a Mosca, formò un blocco elettorale con i comunisti che accusarono Sandhu di perseguire una politica filo-occidentale che avrebbe portato al crollo dello stato.

“Faccio appello ai futuri deputati nel nuovo parlamento: non dobbiamo permettere che si verifichi una nuova crisi politica in Moldova. Sarebbe bello se avessimo un periodo di stabilità politica”, ha detto Dodon dopo le elezioni.

scritto di Pavel Pollyuk; Montaggio di Raisa Kasulowski e Richard Boleyn

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.