diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I critici affermano che l’accordo da 500 milioni di dollari di Biden con l’Arabia Saudita è in conflitto con la politica sulle armi «offensive» La politica estera degli Stati Uniti

Un nuovo contratto militare per l’amministrazione Biden del valore di $ 500 milioni con Regno Arabia Saudita È contro lo spirito della politica pubblica della Casa Bianca bloccare tutte le vendite di armi «offensive» al regno per l’uso contro gli Houthi nello Yemen, secondo i critici dell’accordo.

Il contratto militare consentirà all’Arabia Saudita di mantenere la sua flotta di elicotteri d’attacco nonostante il loro precedente utilizzo nelle operazioni. A cui.

La decisione dell’amministrazione di porre fine alle cosiddette armi «offensive» dell’Arabia Saudita è stato uno dei primi obiettivi di politica estera di Joe Biden e riflette ciò che il presidente degli Stati Uniti ha definito il suo impegno a «porre fine a ogni sostegno» per una guerra che aveva creato un «attacco umanitario e strategico disastro.»

Il Regno dell’Arabia Saudita ha ottenuto il permesso dal Ministero degli Affari Esteri di concludere un contratto per supportare la flotta di elicotteri Apache e Black Hawk del Royal Saudi Land Forces Aviation Command e una futura flotta di elicotteri Chinook. Include la formazione e l’assistenza a 350 appaltatori statunitensi per i prossimi due anni, oltre a due dipendenti del governo degli Stati Uniti. L’accordo è stato annunciato per la prima volta a settembre.

A mio parere, questa è una contraddizione diretta con la politica della direzione. «Questa attrezzatura può essere utilizzata in operazioni offensive, quindi lo trovo particolarmente inquietante», ha affermato Seth Bender, direttore dell’advocacy per il Project on Middle East Democracy.

La decisione di approvare il contratto di manutenzione militare arriva mentre l’amministrazione Biden sembra ammorbidire il suo approccio al regno, con diversi incontri ad alto livello tra alti funzionari dell’amministrazione e le loro controparti saudite.

Gli esperti che studiano il conflitto in Yemen e l’uso di armi da parte dell’Arabia Saudita e dei suoi alleati affermano di ritenere che gli elicotteri d’attacco Apache siano stati per lo più schierati lungo il confine saudita-yemenita. Dicono anche che è difficile identificare specifiche violazioni del diritto umanitario internazionale avvenute a seguito dell’uso di Apache da parte dei sauditi, in parte perché dati così dettagliati sono scarsi e difficili da verificare.

L’organo investigativo interno della coalizione a guida saudita, noto come Joint Incident Assessment Team (JAT), assolve i governi membri dalla responsabilità legale nella stragrande maggioranza degli incidenti. Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti ed Egitto sono gli unici paesi in alleanza con le flotte Apache.

La violazione più mortale del diritto umanitario internazionale che coinvolge l’uso documentato di un Apache si è verificata nel marzo 2017, quando 42 rifugiati somali sono fuggiti dallo Yemen a Port Sudan, un cittadino yemenita. Sono stati uccisi dopo che la loro barca è stata colpita da un missile di una nave da guerra della coalizione, poi sparando da un elicottero Apache.

Un rapporto del settembre 2017 su AirForces Monthly affermava che cinque elicotteri Apache operati dai sauditi erano andati persi nello Yemen, suggerendo fortemente che fossero stati utilizzati in operazioni offensive.

È difficile immaginare come un accordo di manutenzione di elicotteri militari non sosterrà le operazioni militari saudite in Yemen, ha affermato Tony Wilson, fondatore e direttore del progetto Security Force Monitor presso lo Human Rights Institute della Columbia Law School.

Un soldato saudita si trova vicino a un aereo cargo dell’aeronautica militare in un aeroporto nel governatorato di Ma’rib, nello Yemen centrale. Foto: Abdullah Al-Qadri/AFP/Getty Images

Michael Knights, un membro del Washington Institute for Near East Policy, ha affermato di ritenere che gli Apache siano stati utilizzati per quelle che ha descritto come «missioni di difesa» lungo il confine yemenita, quindi la vendita del contratto di manutenzione non era incompatibile con il White Deal . Posizione di partenza generale. Ha detto che la mossa probabilmente riflette il riconoscimento da parte dell’amministrazione Biden che la sconfitta degli Houthi da parte dell’Arabia Saudita, che hanno ricevuto sostegno dall’Iran, avrebbe inviato un «messaggio negativo».

Alla domanda se l’amministrazione avesse esaminato l’uso di Apache da parte dei sauditi prima di accettare il contratto, un portavoce del Dipartimento di Stato ha affermato di aver «riesaminato attentamente tutte le accuse di violazioni dei diritti umani o del diritto umanitario internazionale», comprese quelle legate al governo saudita. coalizione guidata.

Il dipartimento ha affermato di aver concluso che la «grande maggioranza» degli incidenti è stata causata da munizioni aria-terra provenienti da velivoli ad ala fissa, spingendo l’amministrazione a sospendere due spedizioni di munizioni aria-terra precedentemente sospese.

Il portavoce del Dipartimento di Stato ha affermato che Biden ha affermato sin dai primi giorni della sua presidenza che gli Stati Uniti lavoreranno con l’Arabia Saudita «per aiutare a rafforzare le sue difese, come richiesto dal crescente numero di attacchi Houthi sul suolo saudita».

Questa proposta continuazione dei servizi di supporto alla manutenzione aiuta l’Arabia Saudita a mantenere le sue capacità di autodifesa per affrontare le minacce attuali e future. Il portavoce ha affermato che queste politiche sono intrecciate con la direttiva del presidente Biden per rivitalizzare la diplomazia statunitense per sostenere il processo guidato dalle Nazioni Unite per raggiungere un accordo politico e porre fine alla guerra in Yemen.

Ma altri esperti hanno affermato che il contratto da 500 milioni di dollari rappresentava una chiara inversione di tendenza da parte della Casa Bianca ed era un segno che Biden aveva in gran parte abbandonato la sua promessa elettorale. Trasformare il regime del principe Mohammed in un paria..

Molti esperti ti diranno che non c’è differenza tra armi difensive e armi offensive. «Quindi penso che fare questa distinzione fin dall’inizio sia stato un tentativo mirato di creare spazio per perseguire la cooperazione militare», ha affermato Yasmine Farouk, studiosa del Carnegie Endowment for International Peace.

«Quando è arrivato per la prima volta alla Casa Bianca, hanno mantenuto la sua storia sulla revisione delle vendite di armi, fino a quando non è avvenuta questa vendita», ha aggiunto Farouk.

Seth Bender ha affermato che mentre gli Stati Uniti sono coinvolti nei negoziati, i loro sforzi finora non hanno avuto successo. «Non potevano cambiare le dinamiche sul campo o i calcoli dei principali attori».

Gli esperti sono anche sempre più preoccupati per la mancanza di responsabilità per le violazioni dei diritti umani dopo Bahrain, Russia e altri membri del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite. Vota per chiudere le indagini della commissione sui crimini di guerra Nello Yemen.

Gli investigatori hanno precedentemente affermato che possibili crimini di guerra sono stati commessi da tutte le parti in conflitto.

Qualcuno vicino alla questione ha detto che era chiaro circa una settimana prima del voto che la decisione di estendere il lavoro del cosiddetto Gruppo di eminenti esperti (GEE), come sono noti gli inquirenti, era in stallo.

Il Bahrain, ha detto la persona, ha guidato la pressione contro il rinnovo, e la decisione del Giappone di astenersi è stata alla fine «la cosa che lo ha davvero ucciso», ha detto la persona.

«Ciò che ha fatto è stato inviare un messaggio che, ancora una volta, nel contesto dello Yemen, dell’Arabia Saudita e degli stati del Golfo sono immuni e protetti in termini di responsabilità collettiva per ciò che è accaduto negli ultimi sette anni», ha detto la fonte.

Il nostro compito era continuare a ricordare alle parti in conflitto che non si possono fare queste cose senza conseguenze. Ora quella voce non c’è più».

Un portavoce del Dipartimento di Stato ha affermato che gli Stati Uniti sono profondamente delusi dal fatto che il Consiglio per i diritti umani non abbia rinnovato il mandato del Gruppo di eminenti esperti sullo Yemen.

READ  I problemi energetici della Cina espongono la debolezza strategica