diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I chimici della TSU e dell’Italia salveranno l’umanità dalle piogge acide

TSU Catalytic Research Laboratory, TSU Laboratory of New Materials e il Consiglio Nazionale delle Ricerche d’Italia (ISMN-CNR, Palermo) Nano Structures Research Institute hanno vinto il finanziamento per i progetti di ricerca italo-russi. Gli scienziati della TSU e dell’Italia svilupperanno catalizzatori per inattivare gli ossidi di azoto che causano le piogge acide.

84 progetti hanno presentato domanda per il finanziamento e 12 progetti hanno vinto i seguenti 7 concorsi: ricerca spaziale; Scienza di vita; Energia e ambiente; Astronomia, fisica e fisica applicata; ; ; E Scienze della Terra.

Olga Vodyankina, Capo del Dipartimento di Fisica e Chimica della Polpa presso la Facoltà di Chimica DSU, ha dichiarato: «Il nostro progetto per purificare le emissioni di scarico dei motori diesel dagli ossidi di azoto ha vinto una competizione molto dura nella categoria delle scienze della vita.

Gli scienziati condurranno ricerche di base e applicative per sviluppare catalizzatori bimetallici altamente efficaci in grado di ossidare gli ossidi di azoto in azoto molecolare. Tratterà gli ossidi di azoto e proteggerà le principali città dalle piogge acide.

«Il trattamento del protossido di azoto è un problema pertinente. Le principali città del mondo monitorano quotidianamente i livelli di protossido di azoto, più volte al giorno in Francia.

Seguendo una delle regole del concorso, il team di implementazione del progetto sarà composto principalmente da giovani scienziati – studenti, laureati e candidati scientifici della Facoltà di Chimica della TSU. Il progetto collaborativo includerà le attrezzature e le attrezzature esclusive di un’azienda di ricerca sui materiali nanostrutturati per determinare le proprietà catalitiche del laboratorio di ricerca catalitica DSU. I laboratori hanno deciso di scambiare personale e di tenere seminari e conferenze congiunti.

READ  Vincenzo Nibali al via a Ginro de Italia: Questa è una corsa contro il tempo, sono molto contento di averla vinta

La ricerca sulla multifunzionalità è iniziata a Tomsk a metà del XX secolo. Negli ultimi 10 anni, il laboratorio è passato a un nuovo livello di ricerca di base e ricerca e sviluppo applicativi in ​​virtù di accordi con aziende russe e internazionali.

Negli ultimi 5 anni, il laboratorio ha pubblicato più di 45 articoli, citati in database internazionali come Scopus e Web of Science, 28 articoli su riviste Q1, Applied Catalysis B: Environment (Top 2%, Impact-Factor 19.503).

Attualmente, il team sta portando avanti con successo un progetto importante «Nuovi catalizzatori e processi di catalisi per affrontare le sfide dell’energia rispettosa dell’ambiente e del risparmio di risorse, compresi i processi per neutralizzare le emissioni derivanti dalla lavorazione di materie prime bio-rinnovabili e dalla produzione chimica ed energetica». Supportato dalla Russian Science Foundation.