septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I capi usano “strumenti per tatuaggi” per monitorare i dipendenti che lavorano da casa | Tecnica

DrAvid, 23 anni, ammette di aver provato una fitta di sollievo quando la prima ondata di Covid-19 ha chiuso il suo ufficio ad Arlington, in Virginia. Fresco di college, era nuovo al lavoro e stava lottando per fare clic con i suoi compagni di squadra. Forse pensava che questa sarebbe stata una bella pausa dalle “cose ​​faccia a faccia”: politica d’ufficio e chiacchiere. (Il suo nome è stato cambiato per questa storia.)

“Non avrei potuto sbagliarmi di più”, dice David.

Questo perché, durante la prima settimana di lavoro in remoto, David e il suo team hanno conosciuto una piattaforma di monitoraggio digitale chiamata Sneek.

Ogni minuto circa, il software catturava un’immagine dal vivo di David e dei suoi colleghi attraverso le webcam del laptop della loro azienda. Sul muro della sala d’attesa della conferenza digitale erano sparse immagini in costante cambiamento che tutti i membri del team potevano vedere. Facendo clic sul viso di un collega, questo verrà trascinato da un lato in una videochiamata. Se sei abbastanza fortunato da sorprendere qualcuno che curiosa o si stuzzica il naso, puoi inoltrare la foto incriminata a una chat di gruppo tramite l’integrazione di Sneek con la piattaforma di messaggistica Slack.

Secondo il co-fondatore di Sneek Del Currie, il software ha lo scopo di replicare The Office. “Sappiamo che molte persone lo troveranno una violazione della privacy e lo capiamo al 100%, e non è la risposta per queste persone”, afferma Corey. “Ma ci sono anche molte squadre che sono davvero buoni amici e amano tenersi in contatto quando si lavora insieme”.

Per David, Snake è stato un rompicapo. Ha lasciato dopo meno di tre settimane di lavoro. “Mi sono iscritto per gestire il loro marketing digitale, non per trasmettere il mio soggiorno”, mi ha detto.

Non si rendeva conto che la sua esperienza faceva parte di un boom diffuso nel controllo dei lavoratori, che sarebbe diventato una caratteristica standard della vita sul lavoro.

L’ascesa delle spie

È rappresentato software di monitoraggio remoto come Sneek, noto anche come “tattleware” o “bossware” Qualcosa da un mercato di nicchia prima del covid. Ma tutto è cambiato nel marzo 2020, quando i datori di lavoro hanno rimescolato le politiche del lavoro da casa all’improvviso. Ad aprile dello scorso anno, le ricerche su Google per “monitoraggio remoto” sono aumentate. 212% su base annua; Entro aprile di quest’anno, continua così Un altro aumento del 243%.

Uno dei principali attori del settore, ActivTrak, ha riferito che solo nel mese di marzo 2020 l’azienda è passata da 50 a 800 aziende. Nel corso della pandemia, l’azienda ha mantenuto questa crescita e oggi ne è orgogliosa 9000 clienti – o, come dichiari, più di 250.000 utenti individuali. Time Doctor, Teramind e Hubstaff – che insieme ad ActivTrak costituiscono la maggior parte del mercato – Hanno tutti sperimentato una crescita simile nei potenziali clienti.

Questi programmi offrono ai capi un mix di opzioni per monitorare l’attività online dei lavoratori e valutare la loro produttività: dall’acquisizione di schermate dei dipendenti alla registrazione delle sequenze di tasti e al monitoraggio della loro navigazione. Ma nel mercato del software in rapida crescita, è probabile che ogni piattaforma porti qualcosa di nuovo in tavola. C’è FlexiSpy, che fornisce funzionalità di intercettazione; Spytech, famoso per l’accesso ai dispositivi mobili; e NetVizor, che ha il vantaggio dell’acquisizione remota.

Le piattaforme Battleware non sono certo le uniche responsabili dell’espansione del monitoraggio sul posto di lavoro. Si dice che i datori di lavoro facciano affidamento sui dipartimenti IT interni per monitorare le e-mail per le frasi riportate in aumento del tasso Rispetto a prima della pandemia. Ricevendo avvisi quando alcuni dipendenti discutono di “reclutamento” o “stipendio”, ad esempio, la direzione spera di sapere quando i dipendenti cercano pascoli più verdi.

Anche le grandi aziende tecnologiche hanno immerso le dita dei piedi nel gioco di spionaggio, con vari gradi di successo. Nell’aprile 2020, Zoom ha rapidamente ripristinato un’impostazione di “monitoraggio dell’attenzione” a breve termine, che avvisava l’ospite di una chiamata quando un partecipante era lontano da una riunione per più di 30 secondi. E a dicembre, Microsoft Mi inchino al grido degli esperti di tecnologia Sul rilascio di a Punteggio di produttività per il gruppo 365, che ha classificato gli individui in base a criteri che includevano l’uso della posta elettronica e la connettività di rete; Lo strumento non identifica più gli utenti per nome.

Nonostante le polemiche, gli strumenti per tatuaggi e il monitoraggio remoto non scompariranno presto, anche se i dipendenti torneranno a modelli di business indoor e ibridi.

Le statistiche sembrano dimostrare che siamo abituati all’idea di un certo livello di sorveglianza nella nostra vita lavorativa. Foto: Hayley Blackledge/Almy Stock Photo

“Non c’è alcun segno reale di un rallentamento di questa tendenza”, afferma Juan Carlos, ricercatore digitale e sostenitore della privacy presso l’Università di Melbourne. “Non c’è alcun segno di cambiamento legislativo in nessuna giurisdizione che posso nominare, e nessun segno di opposizione da parte dei dipendenti, anche quando sono consapevoli che sta accadendo”.

“Molti di loro sono troppo contenti per lasciarli scivolare”

Se tutto questo è un’intrusione aziendale, o semplicemente la responsabilità, dipende in gran parte da quale parte del recinto ti trovi. I colletti bianchi di tutto il mondo considerano da tempo che le loro e-mail devono essere monitorate sul posto di lavoro; Nel frattempo, magazzini, uffici e negozi sono regolarmente monitorati da telecamere a circuito chiuso.

Le statistiche sembrano dimostrare che siamo abituati all’idea di avere un certo livello di sorveglianza integrato nella nostra vita professionale. in un studi recenti, quasi tre quarti dei lavoratori hanno affermato che la loro produttività non sarebbe stata compromessa anche se sapessero che il loro datore di lavoro li stava osservando.

E mentre la giuria non ha ancora deciso se ci sia qualche vantaggio nel monitoraggio remoto, Elizabeth Lyons, professoressa associata di management presso l’Università della California a San Diego, è pronta a fare l’avvocato del diavolo.

“un studio Abbiamo scoperto che le persone che svolgono attività di raccolta dati al di fuori dell’ufficio erano più produttive quando sapevano di essere monitorate, rispetto ai colleghi a cui non era stato detto di essere monitorate”, afferma Lyons. Il monitoraggio ha aumentato la soddisfazione dei lavoratori, aggiunge, osservando che i dipendenti remoti spunti di valore Il che indica che le loro prestazioni sono parte integrante dell’organizzazione.

Tuttavia, Lyons riconosce che quando il monitoraggio diventa prepotente, il morale dei dipendenti ne risentirà.

“Negli altri studi che abbiamo esaminato, i lavoratori dicevano fondamentalmente: ‘Se un manager osservasse tutto ciò che faccio, non farei nulla al di là di ciò che si aspettano da me'”, afferma Lyons.

C’è poi il tema della privacy. Carlos, un ricercatore digitale, è preoccupato che il boom degli strumenti per tatuaggi abbia fatto pendere bruscamente la bilancia a favore del suo datore di lavoro.

“Prima della pandemia, il confine tra lavoro e gioco era [clearer] In altre parole, l’orologio si è fermato alla porta”, dice Carlos.

Ma l’avvento degli strumenti per tatuaggi sta cambiando il gioco. Se un dipendente utilizza un computer abilitato a spiare e occuparsi del lavoro fuori orario, il datore di lavoro può accedere facilmente ai propri dati personali, fino alle password dell’online banking e ai messaggi di Facebook.

Carloz ammette che la maggior parte dei datori di lavoro probabilmente non si preoccupa di raccogliere le informazioni personali dei propri dipendenti. Vogliono sapere su quali siti web lavorano i dipendenti e in quali attività dividono il loro tempo durante la giornata lavorativa. Tuttavia, se il capo Fare Ti senti come se stessi curiosando a tuo piacimento, come sottolinea Carlos, “Sostanzialmente non c’è protezione legale offerta [those employees] nella maggior parte dei paesi occidentali.

Ma da allora, giusto o sbagliato che sia, [surveillance software] È inquadrato come un compromesso per il lavoro a distanza, quindi molti di loro sono tutti molto contenti di lasciarli scivolare”, afferma Carlos.

Il che ci riporta a David. Nelle settimane dopo aver lasciato coraggiosamente il suo primo lavoro dopo il college, il giovane marketer digitale ha ottenuto un lavoro in una nuova azienda Sneek-free. Dice che è più felice di questo.

“Ma una delle prime cose che mi hanno chiesto di fare è stata iscrivermi a Hubstaff”, ride.

READ  L'esclusivo presidente di Weibo, la State Corporation intende rendere privato il Twitter cinese - Fonti