septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I bambini statunitensi ora ottengono quasi il 70% delle loro calorie da cibi “ultra-elaborati”.

Foto dell'articolo intitolato I bambini degli Stati Uniti ora ottengono quasi il 70% delle loro calorie da &# 39;  super elaborazione & # 39;  cibo

Foto: Kate Gillon (Getty Images)

Un nuovo rapporto frustrante rileva che i bambini e gli adolescenti stanno mangiando più cibi ultra-elaborati rispetto a 20 anni fa, con questi alimenti che ora costituiscono oltre i due terzi della loro dieta.

Gli alimenti ultra-processati vengono notevolmente alterati, utilizzando Molti ingredienti aggiunti Come grassi, amidi, zuccheri, coloranti alimentari e stabilizzanti. Questi ingredienti aggiunti possono far sembrare il cibo diverso, avere un sapore diverso o aumentarne la durata rispetto agli alimenti minimamente lavorati che sono in gran parte consumati perché si trovano in natura. (In altre parole, una ciambella non è un alimento minimamente lavorato.) Questi alimenti consumati in quantità eccessive sono collegati all’obesità e alle malattie cardiache e, infine, tasso di mortalità. Ma negli Stati Uniti abbiamo un file fare affidamento sulle cose.

Esistono diverse definizioni di ciò che costituisce cibo troppo trasformato, ma l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura ha voce in capitolo sistema di valutazione. Gli alimenti ultra-processati non sono uguali; Alcuni di questi processi fortificano il cibo con ulteriori nutrienti, anche se molti processi privano gli alimenti di fibre e proteine ​​e li sostituiscono con zucchero e sale. Una nuova ricerca sul consumo di alimenti ultra-processati da parte dei giovani è pubblicato Oggi sulla rivista JAMA.

Hamburger, pizza, patatine fritte e altri prodotti delle catene di fast food.

Foto: Matt Cardi (Getty Images)

I ricercatori hanno studiato le abitudini alimentari dei bambini americani di età compresa tra 2 e 19 anni, utilizzando 10 cicli di dati del National Health and Nutrition Examinati.nel sondaggio. Questo sondaggio è organizzato dal Center for Disease Control programma di studi sulla salute che Prende Inventario di molte malattie e indicatori di salute, inclusa la nutrizione, in circa 5.000 adulti e bambini americani ogni anno. Hanno scoperto che entro il 2018 il 67% dell’apporto calorico totale tra bambini e giovani adultiLe uova provenivano da alimenti ultra trasformati, rispetto al 61% nel 1999. (In precedenza Il numero era troppo non bene; Apparentemente Le abitudini alimentari vanno di male in peggio.) Questo aumento calorico è stato ulteriormente scomposto dal team di ricerca: il più grande aumento di calorie da alimenti ultra-elaborati è stato quello di cibi pronti e surgelati, che si sono diffusi dal 2,2% all’11,2 % del consumo calorico totale. Il balzo successivo è stato quello degli snack e dei dolci confezionati, che sono passati dal 10,6% al 12,9% del consumo totale. Le calorie degli alimenti minimamente lavorati sono diminuite dal 28,8% al 23,5% della dieta totale.

Il lato positivo è che le calorie delle bevande zuccherate sono state dimezzate, dal 10,8% al 5,3% delle calorie totali.

Il team non ha riscontrato differenze significative nel consumo di alimenti ultralavorati tra i gruppi economici o Livelli di istruzione dei genitori. “La mancanza di disparità basate sull’istruzione dei genitori e sul reddito familiare suggerisce che gli alimenti ultra-elaborati sono prevalenti nelle diete dei bambini”, ha affermato Fang Fang Zhang, epidemiologo nutrizionista presso la Tufts University e uno degli autori dello studio, presso l’università. comunicato stampa. “Questa scoperta supporta la necessità dei ricercatori di monitorare completamente le tendenze del consumo alimentare, tenendo conto del consumo di alimenti ultra-lavorati”.

ALTRO: Un nuovo studio sulla dieta conferma i tuoi peggiori sospetti sugli alimenti ultra-processati

READ  Cosa devi sapere sulla variante Mu COVID-19 e sugli ultimi vaccini di richiamo