diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gopher Spotlight: Rachel Kilkely – University of Minnesota Athletics

pallavolo | 29/10/2021 15:00:00

Rachel Kilkelle È una specialista difensiva junior di Shakopee, Minnesota, che ha giocato in 70 partite in carriera (255 set), con una media di 2,24 buche e 0,26 assist per set. Kilkee ha 255 ricerche di lavoro, di cui 126 nel 2021. È specializzata in comunicazione strategica: pubblicità e pubbliche relazioni.

GS: Quali sport praticavi crescendo?
RK: Oltre alla pallavolo, ballava e giocava a calcio. Ho giocato molto a basket quando ero molto giovane. Ho dovuto scegliere tra la pallavolo o il ballo delle scuole medie e volevo restare con la pallavolo.

GS: Quando hai iniziato a prendere sul serio la pallavolo?
RK: Ho giocato per la squadra di mio zio quando ero in quarta elementare e poi in quinta ho giocato per la squadra dei ragazzi di Shakopee. Dopodiché ho iniziato a migliorare e mia madre mi ha suggerito di giocare in una squadra di club. All’inizio non volevo, ma l’hanno detto a mia madre [former Gopher and Shakopee native] Ashley Whitman ha suonato nell’aurora boreale e la ammiro molto. Così ho deciso di fare un tentativo.

GS: Ricordi quando ho iniziato a reclutarti per suonare al college?
RK: Era in terza media e praticamente ha iniziato con lettere ed e-mail da alcune scuole. Pensavo di andare in Iowa perché lì giocavano due miei compagni di squadra. Anche Iowa e Kansas facevano parte delle mie poche scuole migliori. Ho sempre voluto essere un gopher, quindi quando mi hanno contattato e hanno iniziato a reclutarmi, sapevo che era lì che volevo andare.

GS: Com’è stato il processo di assunzione con il Minnesota?
RK: [Assistant Coach] non lucido [Houk] Fissa una telefonata con me e vai da lì. [Assistant Coach] Lura [Kasey] Anch’io ho iniziato a contattarmi e in seguito ho sentito tutto lo staff. Ho fatto due visite non ufficiali e alla mia prima visita mi hanno offerto un posto. Mi sono impegnato in quella seconda visita ed ero pronto per essere un gopher!

GS: Cosa ha fatto risaltare i Gopher per te?
RK: Sono stato a un sacco di giochi di gopher cresciuto e mi è piaciuto tutto del Minnesota. Conoscevo l’intero gruppo di fronte a me come Sam [Seliger-Swenson] Alyssa Joyner, le gemelle Tab (Hannah e Paige) sono sempre state alla loro ricerca. Hanno giocato nella squadra dei Northern Lights come ho fatto io e volevo essere proprio come loro.

GS: Cosa significa per te guardare gli spalti ad ogni partita in casa e vedere la tua famiglia e i tuoi amici che tifano per te?
RK: Significa molto poter giocare in Minnesota perché è casa mia. È davvero divertente poter avere sempre la mia famiglia a sostenermi perché se fossi via non sarebbero in grado di farlo. È davvero speciale.

GS: Com’è stata la tua esperienza del primo anno come giocarci bene e poi partecipare alle Final Four?
RK: È stato davvero divertente. È stato davvero diverso perché è un passo così grande dal club al college. È stato un aggiustamento, ma è stato davvero bello vedermi suonare a questo livello. Mi è piaciuto molto suonare con Lexi [Hart] Taylor [Morgan] e Kylie [Miller] Perché sono stati davvero dei grandi modelli per me. Avere l’opportunità di andare alle Final Four è stata un’esperienza straordinaria e non vedo l’ora di tornarci,

GS: Quanto è diverso una folla affollata che gioca sul palco più grande della pallavolo da nessun fan che gioca in un’epidemia?
RK: L’intera situazione COVID è nel complesso molto frustrante. Poi, essendo atleti del college, non avevamo fan, non avevamo una vera vita sociale al di fuori della nostra squadra, e poi eravamo soli con un paio di altre squadre nel campus. Era davvero solitario e sembrava una città fantasma tutto l’anno. Penso che tutti i membri della squadra non fossero in un buon stato d’animo l’anno scorso.

GS: Ora che le cose sono tornate quasi alla normalità, come ci si sente ad essere in grado di riavere quasi tutti dalla squadra dell’anno scorso e lavorare per un’altra profonda corsa post-stagione?
RK: Ne abbiamo passate tante insieme e la nostra squadra è così unita. Quindi, essere in grado di stare insieme e sperimentare la pallavolo del college in un ambiente più naturale è molto divertente. Credo che siamo tutti sulla stessa pagina con i nostri obiettivi e ciò che vogliamo raggiungere e lavoriamo ogni giorno per raggiungere quegli obiettivi.

GS: Cosa vuoi migliorare continuamente nel tuo gioco?
RK: Lavoro sempre sul casting, ho bisogno di un servizio più duro nelle partite. Serve anche a ricevere e anche a difendere. Voglio diventare migliore in tutto.

GS: Qual è stata la parte più difficile dell’essere un giocatore di pallavolo D1?
RK: Penso che quando le cose non vanno bene, può essere difficile rimanere motivati ​​a fare tutto. Quando stai attraversando una fase difficile, sul campo o nella tua vita personale, è difficile essere motivati ​​ad andare a lezione, fare pratica e poi fare i compiti. Forse la cosa più difficile per me è che ci sono così tante cose che affrontiamo come studenti-atleti.

GS: Qual è stata la parte più gratificante del giocare a pallavolo al college?
RK: Mi piacerebbe poter giocare a Puff davanti ai nostri fan. Anche le altre arene Big Ten sono davvero divertenti con cui giocare. Penso che sia fantastico poter viaggiare e suonare di fronte a così tanti fan.

GS: Quando non giochi a pallavolo, cosa ti piace fare?
RK: Amo viaggiare e vedere posti nuovi. Mi piace anche fare shopping, provare nuovi caffè e uscire con gli amici. D’estate mi piace stare con gli amici al lago o in piscina.

Cibo preferito: Cibo italiano o sushi?
Fatto divertente: Ha ballato per sei anni in studio prima di dedicarsi alla pallavolo.
Ristorante preferito: Pulcino Phil A
Sport preferiti da guardare: Ginnastica
Luogo di vacanza preferito: Chiave di Siesta, Florida.
Programma TV preferito: Gioco Squid Ozark e una nuova ragazza.
La più grande ispirazione: Analfabeta.

READ  Mercurio e Cielo avanzano al secondo turno