octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di liberare riserve petrolifere di emergenza per domare i prezzi elevati del carburante

Il segretario all’Energia degli Stati Uniti Jennifer Granholm ha sollevato la prospettiva di rilasciare petrolio greggio dalla Strategic Petroleum Reserve del governo, dichiarando che “tutti gli strumenti sono sul tavolo” mentre l’amministrazione Biden affronta un aumento politicamente rischioso dei prezzi della benzina.

Con il prezzo medio della benzina alla pompa di 3,19 dollari al gallone – il prezzo più alto in sette anni – la Casa Bianca teme che l’aumento dei costi del carburante danneggerà le sue prospettive politiche in vista delle elezioni di medio termine del prossimo anno.

“È uno strumento in esame”, ha detto Granholm del rilascio di forniture di greggio dalla National Strategic Petroleum Reserve, che secondo gli analisti potrebbe calmare i mercati petroliferi e far abbassare i prezzi.

Granholm, inoltre, non ha escluso il divieto di esportazione di petrolio greggio. “Questo è uno strumento che non abbiamo usato, ma è anche uno strumento”, ha detto Strategie di transizione energetica al vertice FT Mercoledì.

La Strategic Petroleum Reserve, situata vicino al Golfo del Messico, è la più grande riserva di emergenza di petrolio greggio al mondo. La riserva, gestita dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, conteneva 617,8 milioni di barili di petrolio la scorsa settimana, circa un mese di domanda di prodotti petroliferi statunitensi.

L’ultimo rilascio importante è stato nel 2011, quando l’amministrazione Obama ha lavorato con altri membri dell’Agenzia internazionale dell’energia per sfruttare le scorte di emergenza per far scendere i prezzi elevati. Il Congresso ha anche permesso alle vendite periodiche di aumentare le entrate del governo.

Le esportazioni di petrolio greggio degli Stati Uniti non sono state limitate dal Congresso Eliminazione delle restrizioni federali nel 2015.

READ  Ecco cosa farebbe la Fed, se seguisse ciò che Powell ha detto nel discorso di Jackson Hole l'anno scorso

Il prezzo del greggio statunitense si è attestato a 77,60 dollari al barile mercoledì pomeriggio, al livello più alto dal 2014. È aumentato insieme ad altri prezzi delle materie prime, facendo temere che l’inflazione energetica possa fermare la ripresa economica globale dopo la pandemia.

Lunedì, il gruppo di produttori di petrolio dell’OPEC+ ha ignorato le richieste del governo degli Stati Uniti di aumentare la produzione più rapidamente di quanto l’organizzazione avesse già pianificato. Invece, mi sono attenuto ai piani per rilasciare un file aggiuntivo 400.000 barili Un giorno al mercato a novembre, come parte di un graduale arretramento degli storici tagli all’offerta dello scorso anno.

La decisione dell’OPEC+ è stata un duro colpo per la Casa Bianca, che aveva chiesto aumenti più rapidi. Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale di Biden, ha sollevato la questione durante una recente visita in Arabia Saudita, hub dell’OPEC.

Bollettino bisettimanale

L’energia è il business indispensabile del mondo e la fonte di energia è la sua newsletter. Ogni martedì e giovedì, direttamente nella tua casella di posta, Source Energy ti porta notizie essenziali, analisi lungimiranti e intelligenza interiore. Registrati qui.

“SPR [releases] È arrivato al tavolo dopo un ns dopo che Jack Sullivan ha rifiutato a Riyadh e la direzione ha realizzato produttori di olio di scisto “Non sarà in grado di aumentare la produzione abbastanza velocemente”, ha affermato Bob McNally, presidente del Rapidan Energy Group ed ex consigliere della Casa Bianca George W. Bush.

Granholm ha detto che gli Stati Uniti sono rimasti delusi e che “tutti speravano che ci fosse un’offerta aggiuntiva disponibile in modo che i prezzi non salissero”.

READ  I futures su azioni ingannano gli investitori, creando opportunità di acquisto

Ha anche detto che gli Stati Uniti stavano facendo “tutto il possibile” per affrontare il problema gas naturale forniture che hanno fatto salire i prezzi in Europa e in Asia, anche tenendo conto delle accuse di “manipolare Dal mercato “dalla Russia.

Nel Regno Unito i prezzi del gas sono scesi a livelli record Mercati obbligazionari Questa settimana, i commercianti hanno pesato il danno economico all’economia britannica dall’aumento dei prezzi del carburante.

In Asia, mercoledì, una guerra di offerte con gli acquirenti europei ha spinto i prezzi del carico di GNL sul mercato spot sopra i 50 dollari per milione di unità termiche britanniche, un massimo storico e una drammatica inversione rispetto ai prezzi record del maggio dello scorso anno. .