mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli Stati Uniti esortano la Cina a usare la propria influenza con Mosca sull’Ucraina

PECHINO/WASHINGTON (Reuters) – Giovedì gli Stati Uniti hanno invitato la Cina a usare la sua influenza sulla Russia per spingere per una soluzione diplomatica alla guerra. Crisi ucrainaMa gli esperti di politica dubitano che Pechino sosterrà Washington nello scontro.

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha parlato al telefono con il segretario di Stato americano Anthony Blinken e Pechino ha affermato di volere che tutte le parti rimangano calme e «si astengano dal fare cose che aumentino le tensioni e esacerbano la crisi».

Il Dipartimento di Stato ha affermato che Blinken ha sottolineato la necessità di allentare le tensioni e ha avvertito dei rischi economici e per la sicurezza di qualsiasi aggressione russa.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il sottosegretario di Stato americano per gli affari politici Victoria Nuland ha affermato che i messaggi degli Stati Uniti a Pechino sono stati molto chiari.

«Chiediamo a Pechino di usare la sua leva con Mosca per stimolare la diplomazia, perché se c’è un conflitto in Ucraina, non andrà bene nemmeno per la Cina», ha detto Nuland in una normale conferenza stampa del Dipartimento di Stato. «Ci sarà un enorme impatto sull’economia globale. Ci sarà un enorme impatto nel campo energetico».

L’ambasciatore cinese alle Nazioni Unite Zhang Jun ha affermato che la «secolare tregua olimpica» per i Giochi invernali di Pechino, che inizieranno il 4 febbraio, inizierà il 28 gennaio.

«Cogliamo questa opportunità per promuovere la pace, la solidarietà, la cooperazione e altri valori comuni condivisi da tutta l’umanità, per rendere il nostro mondo un posto migliore», ha scritto Zhang su Twitter.

READ  L'Australia ha battuto il mondo con il suo lockdown per il Covid. Ora è profondamente diviso su come riaprire

La Russia ha rafforzato per mesi le sue forze al confine con l’Ucraina e ha chiesto alla NATO di ritirare truppe e armi dall’Europa orientale e impedire all’Ucraina, l’ex stato sovietico, di unirsi alla coalizione militare guidata dagli Stati Uniti.

Gli alleati della NATO lo rifiutano, ma si dicono pronti a discutere le misure di controllo degli armamenti e di rafforzamento della fiducia.

Daniel Russell, il massimo diplomatico statunitense per l’Asia sotto l’ex presidente Barack Obama, ha affermato che mentre la Cina non può essere contenta della prospettiva di invadere l’Ucraina alla vigilia delle Olimpiadi, «Wang Yi ha scelto di difendere le ‘legittime preoccupazioni per la sicurezza’ della Russia piuttosto che offrire qualsiasi supporto a Blinken».

Bonnie Glaser del German Marshall Fund degli Stati Uniti ha affermato che Pechino potrebbe essere uno spoiler per qualsiasi tentativo degli Stati Uniti e dei suoi alleati di imporre costi alla Russia.

«È improbabile che gli Stati Uniti riescano a persuadere la Cina ad entrare in Ucraina. Pechino non sosterrà l’uso della forza, ma simpatizza con le opinioni russe sulla NATO. E non si tratta solo dei Giochi Olimpici», ha affermato Glaser.

Ha aggiunto che se gli Stati Uniti e l’Unione Europea impongono sanzioni alla Russia, «è probabile che la Cina adotti misure per mitigare la sua influenza».

Membri del servizio militare russo accanto a un veicolo corazzato BTR-82 durante un’esercitazione in piazza Kuzminsky nella regione meridionale di Rostov, Russia, 26 gennaio 2022. (Reuters) / Sergey Pivovarov

Espansione della NATO

Il suo ministero ha affermato che Wang, apparentemente riferendosi all’espansione della NATO nell’Europa orientale, ha detto a Blinken che la sicurezza di un paese non può essere a scapito di altri e che la sicurezza regionale non può essere garantita rafforzando o addirittura espandendo i blocchi militari. Per saperne di più

READ  Piccolo aereo precipita vicino a Milano, uccidendo tutti a bordo

Gli Stati Uniti hanno esortato l’Ucraina e la Russia a tornare a una serie di accordi per porre fine alla guerra separatista tra i popoli di lingua russa nell’Ucraina orientale. Ma i passi stipulati nel cosiddetto accordo di Minsk 2 rimangono non attuati, con la Russia che insiste sul fatto di non essere parte in conflitto e quindi non vincolata dai suoi termini come grave ostacolo.

L’analista di Rand Derek Grossman ha affermato che la versione cinese della telefonata con Blinken affermava che Wang aveva messo in evidenza Minsk, anche se la Russia non aveva mai aderito ad essa.

«Non vedo molto spazio per la cooperazione USA-Cina qui, sfortunatamente … gli Stati Uniti dovranno chiudere la porta alla futura espansione della NATO fino a quando la Cina non si unirà e il Segretario Blinken ha già affermato che questo non è un inizio».

errori

Wang ha affermato che il nuovo accordo di Minsk è «un documento politico fondamentale che è riconosciuto da tutte le parti e deve essere attuato efficacemente». Ha affermato che la Cina sosterrà gli sforzi compiuti in linea con la «tendenza e lo spirito dell’accordo».

La Cina ha rafforzato i legami con la Russia mentre aumentano le tensioni tra Pechino e Washington su questioni dal commercio ai diritti umani, Taiwan e le rivendicazioni marittime ad ampio raggio della Cina.

Il presidente russo Vladimir Putin dovrebbe visitare la Cina la prossima settimana per le Olimpiadi invernali.

Le forze russe hanno invaso la Georgia nell’agosto 2008 mentre Putin era in Cina per partecipare alle cerimonie di apertura delle Olimpiadi estive di Pechino. La crisi ha colto di sorpresa alcuni paesi occidentali.

READ  L'Austria ordina il blocco dei residenti che non hanno ricevuto il vaccino COVID-19

Wang ha sottolineato lo stato freddo delle relazioni di Pechino con Washington, affermando che gli Stati Uniti «continuano a commettere errori nelle loro parole e azioni nei confronti della Cina, causando nuovi shock alle relazioni».

«La priorità assoluta in questo momento è che gli Stati Uniti smettano di interferire nelle Olimpiadi invernali di Pechino, smettano di giocare con il fuoco sulla questione di Taiwan e smettano di creare vari gruppi anti-cinesi», ha affermato.

Gli Stati Uniti, il Canada, l’Australia e la Gran Bretagna hanno dichiarato che non avrebbero inviato alcun funzionario del governo ai Giochi a causa della situazione dei diritti umani della Cina. La Cina nega le violazioni dei diritti e rifiuta quella che chiama la politicizzazione dello sport.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Ryan Wu e Gabriel Crossley a Pechino, Akrit Sharma a Bengaluru, David Bronstrom e Michael Martina a Washington, Michelle Nichols a New York; Montaggio di Robert Percell, William MacLean e Grant McCall

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.