octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli scienziati trovano prove che gli esseri umani realizzassero vestiti 120.000 anni fa antropologo

a partire dal Moda medievale per scarpe a punta Per i corsetti vittoriani stirati in vita e i moderni tessuti in pelliccia, ciò che indossiamo è una finestra sul nostro passato.

I ricercatori ora affermano di aver trovato alcune delle prove più antiche di esseri umani che usano vestiti nella grotta Marocco, con la scoperta di strumenti in osso e ossa di animali scuoiati, indicando che la pratica risale ad almeno 120.000 anni.

La dottoressa Emily Hallet, del Max Planck Institute for the Science of Human History in Germania, e prima autrice dello studio, ha affermato che il lavoro ha rafforzato l’idea che i primi esseri umani in Africa fossero inventivi e pieni di risorse.

“Il nostro studio aggiunge un altro tassello alla lunga lista di comportamenti umani distintivi che iniziano ad emergere nella documentazione archeologica dell’Africa circa 100.000 anni fa”, ha detto.

Mentre è improbabile che pelle e pelliccia rimangano nei sedimenti per centinaia di migliaia di anni, secondo studi precedenti Guardando il DNA dei pidocchi dei vestiti Hanno suggerito che l’abbigliamento potrebbe essere apparso già 170.000 anni fa – potrebbe essere stato indossato da umani anatomicamente moderni in Africa.

L’ultimo studio aggiunge più peso all’idea che i primi esseri umani possano aver avuto qualcosa come un guardaroba.

Scrivere in i ScienceHallett e colleghi riferiscono di come hanno analizzato le ossa di animali scavate in una serie di scavi che durano diversi decenni nella grotta di Contribanders, sulla costa atlantica del Marocco. La grotta è stata precedentemente rivelata per contenere i resti dei primi umani.

Hallett ha detto di aver iniziato a studiare le ossa di animali nel 2012 perché era interessata a ricostruire la dieta dei primi esseri umani e ad esplorare se ci fossero cambiamenti nella dieta associati ai cambiamenti nella tecnologia degli strumenti in pietra.

Tuttavia, lei e i suoi colleghi hanno trovato 62 ossa da strati datati tra 120.000 e 90.000 anni fa che mostravano segni di essere stati trasformati in strumenti.

Ossa di volpe della sabbia, sciacallo dorato e gatti portano altri indizi che mostrano segni di taglio associati alla rimozione della pelliccia. Illustrazione: Jacopo Niccol Serasone

Sebbene lo scopo di molti degli strumenti rimanga sconosciuto, il team ha trovato oggetti larghi e di forma rotonda noti come mazze formati da costole di mucca.

“Gli strumenti a forma di pacciame sono ideali per raschiare e quindi rimuovere i tessuti connettivi dermici e dermici interni durante il processo dermico o di formazione del pelo, perché non penetrano nella pelle o nella pelle”, ha scritto il team.

Ossa di volpe della sabbia, sciacallo dorato e gatti portano altri indizi che mostrano segni di taglio associati alla rimozione della pelliccia.

Il team ha anche trovato un dente di balena che sembra essere stato usato per staccare la pietra. “Non mi aspettavo di trovarlo perché non sono stati identificati resti di balene in nessun contesto pleistocenico in Nord Africa”, ha detto Hallett.

Mentre Hallett ha affermato che gli strumenti in osso avrebbero potuto essere usati per preparare la pelle per altri usi, le prove raccolte suggeriscono che è probabile, in particolare per le pellicce, che i primi umani realizzassero vestiti.

Ma rimangono misteri, incluso come sarà l’abbigliamento risultante e se è stato utilizzato principalmente per la protezione dagli elementi o per scopi più simbolici.

Hallett ha aggiunto che crede che i Neanderthal europei e altre specie sorelle stessero realizzando vestiti con pelli di animali 120.000 anni fa, non ultimo perché vivevano in ambienti temperati e freddi.

“È probabile che l’abbigliamento e gli strumenti estesi per i primi esseri umani facessero parte del pacchetto che ha portato al successo adattivo degli umani e alla nostra capacità di avere successo a livello globale e in climi estremi”, ha affermato.

Dr. Matt Pope, esperto di Neanderthal all’UCL archeologia Chi non è stato coinvolto nello studio, ha affermato che i vestiti avevano quasi sicuramente un’origine evolutiva 120.000 anni fa, citando tra le altre prove la scoperta di raschietti di pietra ancora più antichi, alcuni con tracce di lavori in pelle.

Ma ha aggiunto che la nuova ricerca suggerisce che l’Homo sapiens nella Grotta dei Contrabandieri, come i Neanderthal di siti come Abri Peyrony e Pech-de-l’Azé in Francia, ha realizzato strumenti specializzati per trasformare le pelli di animali in pelle morbida e flessibile. Materiali che possono essere utili anche per pensiline, frangivento e persino contenitori.

“Questo è un adattamento che va oltre la semplice adozione di vestiti, ci permette di immaginare vestiti più resistenti all’acqua, più aderenti e più facili da spostare rispetto alla semplice pelle rotta”, ha detto Bob. “Le prime date di questi strumenti dalla grotta di Contrebandiers ci aiutano a comprendere ulteriormente le origini di questa tecnologia e la sua distribuzione tra i diversi gruppi di primi esseri umani”.

READ  "Mi sbagliavo": infermiere arrabbiate raccontano il rimorso dei pazienti non vaccinati sul letto di morte