septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli scienziati trovano alcuni pipistrelli che balbettano proprio come i bambini: NPR

Dopo aver ascoltato per ore i cuccioli di pipistrello in natura, gli scienziati hanno identificato otto caratteristiche del chiacchiericcio che i bambini condividono con i pipistrelli dalle ali più grandi.


BG Thomson/Fonte scientifica

Trascorri del tempo con il tuo bambino e probabilmente sentirai dei pettegolezzi. Ora, una nuova ricerca mostra che anche i pipistrelli possono fare proprio questo.

un foglio Inserito giovedì Nell’ultimo numero della rivista Scienza Trova somiglianze tra il balbettio infantile e il balbettio di Il pipistrello alato più grande (Scopteryx Belenita) – un piccolo tipo di pipistrello che vive nell’America centrale e meridionale.

I ricercatori ritengono che sia i pipistrelli che gli umani si siano evoluti balbettando come precursori di comportamenti vocali più complessi come il canto o, nel caso delle persone, il parlare.

“È pazzesco”, dicono queste due specie strettamente imparentate lontane dai pettegolezzi. Ahana Fernandez, un ecologo comportamentale animale presso il Museo di Storia Naturale di Berlino, in Germania.

Fernandez, coautore del nuovo documento di ricerca, spera che le somiglianze nelle voci dei bambini possano eventualmente rivelare geni comuni utilizzati nel processo di apprendimento fonemico.

Vari tipi, come chiacchiere

Il pipistrello alato più grande è una piccola creatura relativamente modesta. “Sono davvero carini”, dice Fernandez. “Hanno facce amiche.”

Fernandez ha passato innumerevoli ore a guardare i pipistrelli e Registra la loro voce. All’orecchio umano, gli insulti possono sembrare una serie di toni acuti ripetitivi.

“Di solito abbiamo una colonia in cui abbiamo molti piccoli di pipistrelli e poi uno dei cuccioli inizia a chiacchierare”, dice. “Spettegolano a volte per 40 minuti.”

Il loro gossip è unico. Sebbene gli uccelli canori e gli umani chiacchierino, i ricercatori non hanno trovato altre specie di pipistrelli che chiaccherano.

Anni fa, era Miriam Knornschild, capo del Laboratorio di Ecologia Comportamentale e Bioacustica del museo (e capo di Fernandez), che per primo ha notato che i cuccioli di pipistrello facevano qualcosa che sembrava un chiacchiericcio. Pensavo che suonassero come bambini, e quando Fernandez ha iniziato a lavorare con i pipistrelli, l’ho sentita anche io: “È così chiaro, così forte”, dice. “E sì, pensavo anche ai bambini che chiacchierano.”

Fernandez e il gruppo di ricerca hanno deciso di studiare il delirio in modo sistematico. Hanno identificato una serie di otto diverse caratteristiche che si trovano nelle chiacchiere infantili umane. Ad esempio, i bambini balbettano in modo non casuale: “Producono una specie di sillaba in modo ritmico… ‘ba ba ba’ e poi passano al successivo ‘da da da'”, dice.

Quando i ricercatori hanno ascoltato i pipistrelli, hanno scoperto che i loro temperamenti erano simili. Come i bambini, i piccoli di pipistrello ripetono le “sillabe” iniziali che alla fine compaiono nelle loro canzoni quando sono completamente sviluppate. Il chiacchiericcio era anche ritmico e universale tra tutti i giovani pipistrelli, sebbene solo i maschi “cantassero” più avanti nella loro vita.

Il balbettio è un modo migliore per piangere?

Il lavoro di Fernandez e colleghi sembra mostrare chiaramente che questo tipo di pipistrello blatera Eric Jarvis, un ricercatore della Rockefeller University di New York che studia l’apprendimento vocale negli uccelli canori.

“I loro risultati sono coerenti con l’ipotesi che l’apprendimento vocale e le capacità di chiacchiere vadano di pari passo”, ha detto in una e-mail.

Ma questo lascia ancora la domanda su come si siano evolute le chiacchiere in primo luogo, dice D. Kimbrough Oller, che è professore alla Scuola di Scienze e Disturbi della Comunicazione dell’Università di Memphis e non è stato direttamente coinvolto nello studio.

Un’ipotesi è che il balbettio sia iniziato come un modo per attirare l’attenzione dei genitori, senza essere disturbato dal pianto costante, Lui dice. Attraverso le chiacchiere, i bambini possono segnalare che sono in forma e che meritano attenzione.

“Una volta che il balbettio inizia da terra, può fornire una base per adulti con abilità vocali che possono essere utilizzate per qualcos’altro”, afferma Oller.

In altre parole, il balbettio potrebbe essere iniziato come una semplice alternativa al pianto, ma ha presto trovato un uso evolutivo nei tipi di apprendimento fonologico, consentendo ai bambini di sviluppare le abilità necessarie più avanti nella vita.

Jarvis crede che il balbettio possa esistere in un continuum, con alcuni generi che non imparano le canzoni e anche la lingua. Dice che questo ultimo studio sulle chiacchiere nei pipistrelli dovrebbe fornire la base per future ricerche sulle chiacchiere e sull’apprendimento vocale in altri animali.

Per quanto riguarda i pipistrelli, Fernandez afferma che il pipistrello dalle grandi ali è l’unica specie conosciuta di pipistrello, ma crede che ci siano altre specie là fuori: “Abbiamo più di 1.400 specie di pipistrelli in tutto il mondo”, dice. “Sono sicuro che ne troveremo un altro.”