diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli scienziati rivelano perché gli squali bianchi possono attaccare gli umani

(CNN) – Ci sono sempre state teorie secondo cui quando è bianco squali Mordere gli umani è un caso di scambio di identità. Ora, una nuova ricerca che simula il modo in cui gli squali vedono il mondo ha dimostrato che potrebbe essere davvero così.

I ricercatori della Macquarie University di Sydney in Australia hanno scoperto che gli esseri umani che nuotano o pagano le tavole assomigliano molto alle foche e ai leoni marini agli occhi dei giovani squali bianchi.

I grandi squali bianchi, insieme agli squali toro e agli squali tigre, sono responsabili del maggior numero di morsi sugli esseri umani, hanno detto i ricercatori in un comunicato stampa mercoledì.

È il pesce predatore più grande del mondo, secondo il World Wildlife Fund (WWF), ed è noto per strappare piccoli pezzi dalle sue prede, che vengono poi inghiottite intere.

Ma nonostante la loro temibile reputazione, i grandi squali bianchi sono una specie in via di estinzione e il loro numero è in calo, secondo il WWF.

I ricercatori hanno studiato e confrontato video subacquei di foche, leoni marini e umani che nuotano in modi diversi, insieme a boe rettangolari e pagaiate su tavole da surf di diverse dimensioni, utilizzando telecamere fisse e mobili per catturare il filmato.

«Abbiamo collegato la GoPro a un microbike subacqueo e l’abbiamo sintonizzato per viaggiare a una velocità di crociera tipica degli squali predatori», ha detto in una dichiarazione l’autrice principale Laura Ryan, ricercatrice post-dottorato in sistemi di rilevamento degli animali presso il Laboratorio di neurobiologia della Macquarie University.

Utilizzando un catalogo di dati neuroscientifici sugli squali, i ricercatori hanno quindi applicato filtri alle riprese video e hanno creato un software di modellazione che simulerebbe il modo in cui il cucciolo di squalo bianco vede i movimenti e le forme di vari oggetti.

I ricercatori hanno confermato che gli esseri umani che nuotano e pagano le tavole da surf hanno una grande somiglianza con foche e leoni marini agli occhi dei piccoli squali bianchi, supportando la teoria della falsa identità dietro alcuni dei morsi.

La maggior parte degli squali è daltonica, il che significa che i colori sulle tavole da surf e sulle mute non fanno molta differenza quando si tratta di squali che vedono gli umani nell’acqua, hanno detto i ricercatori.

«Capire perché si verificano morsi di squalo può aiutarci a trovare modi per prevenirli, mantenendo al sicuro sia gli esseri umani che gli squali», ha aggiunto Ryan.