octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli scienziati dicono che avere una casa troppo buona fa male all’accoppiamento dei panda

Quando si tratta di creare l’habitat perfetto per l’insediamento dei panda giganti, sembra che gli esperti possano fare di peggio che prestare attenzione alla storia dei tre orsi.

I ricercatori hanno scoperto che c’è un punto debole quando si tratta di favorire il flusso genico per gli animali: è più grande quando l’80% dell’area è considerato un habitat ideale per gli orsi – ad esempio, contiene foreste di bambù. Dopo questo punto, i modelli riportano un rapido declino del successo degli individui nella proliferazione e riproduzione.

Lo studio sembra essere l’ultimo a suggerire che, come ha scoperto Riccioli d’oro, può esserci la giusta quantità di qualcosa, con il principio che appare nei campi infuriati di Fare sport Per esplorare i pianeti esterni.

Quest’anno, i funzionari cinesi hanno affermato che i panda giganti sono stati Non è più in pericolo di estinzione In natura, il successo degli sforzi di conservazione – compreso il lavoro per espandere i loro habitat – significa che gli animali possono ora essere classificati semplicemente come “vulnerabili”.

Un cambiamento simile è stato fatto nella classifica cinque anni fa dall’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), anche se il corpo osserva che il cambiamento climatico potrebbe spazzare via più del 35% dell’habitat di bambù del panda nei prossimi 80 anni.

Una preoccupazione è che la frammentazione dell’habitat possa portare all’isolamento dei panda, il che significa che potrebbero finire senza cibo a sufficienza o incapace di riprodursi.

Ma l’ultimo studio, Pubblicato sulla rivista Conservation Biology Basandosi su modelli informatici combinati con analisi genetiche delle feci di panda nella riserva naturale cinese di Wolong, suggeriscono che almeno alcuni degli habitat imperfetti potrebbero produrre benefici.

READ  La sonda di Marte si svuota al primo tentativo di prelevare un campione di roccia

Lo studio rileva che mentre la connettività funzionale – o flusso genico – aumenta all’aumentare della proporzione di habitat all’interno di un paesaggio, diminuisce quando tale proporzione supera l’80%. I ricercatori suggeriscono che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che l’abbondanza di risorse significa che i panda hanno meno bisogno di diffondersi.

Tuttavia, il team, con sede presso la Michigan State University, ha notato che è stata osservata una tendenza diversa per la diversità genetica dei panda: questa è diminuita leggermente all’aumentare della proporzione di paesaggi nativi che erano la casa, ma dopo circa il 25% è aumentata con l’aumentare di un’altra.

Lo studio rileva che mentre è necessaria una grande quantità di habitat per sostenere i panda, sottolineando l’importanza della conservazione, un ambiente tutt’altro che ideale potrebbe portare benefici.

“La scoperta che la quantità ottimale di habitat per la connettività funzionale è inferiore al 100% offre speranza per aree già disturbate dell’habitat del panda e suggerisce che tali aree non dovrebbero essere escluse nei piani di gestione come inadeguate”, ha scritto il team.

“Inoltre, prendendo di mira un paesaggio ‘patch’ come bersaglio, i piani per collegare sottopopolazioni isolate di panda potrebbero essere più realistici e pratici di quanto si pensasse in precedenza”.

Claudio Celero, professore di biologia della conservazione all’Università di Oxford, che non è stato coinvolto nella ricerca, ha affermato che lo studio potrebbe avere implicazioni oltre alla protezione dei panda.

“La maggior parte dei grandi carnivori vive in paesaggi sempre più frammentati. La natura caotica della loro interazione con le attività umane potrebbe spingere più animali a diffondersi o percorrere ulteriori distanze e potrebbe portare a una maggiore interdipendenza genetica e promuovere la persistenza della popolazione”, ha affermato.

READ  Telescopio spaziale Hubble della NASA in tempo reale: passa al backup delle correzioni hardware difettose