octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli ospedali rumeni sono pieni di pazienti COVID in mezzo al rifiuto diffuso dei vaccini

BUCAREST (Reuters) – Dopo aver vissuto tre ondate della pandemia di COVID-19 senza ammalarsi, la 55enne Roxana Pasco pensava di essere abbastanza sana da resistere al virus e ha deciso di rifiutare il vaccino.

Ora Pascu, che gestisce una piccola impresa, è uno dei circa 1.040 pazienti COVID-19 attualmente in terapia intensiva in tutta la Romania poiché i casi sono raddoppiati nell’ultima settimana e i letti di terapia intensiva sono pericolosamente scarsi.

Con il secondo tasso di vaccinazione più basso dell’Unione europea, la Romania si sta preparando per una quarta ondata dell’epidemia che sembrerà travolgere gli ospedali in cui il personale medico sta già lavorando.

“Pensavo che se avessi potuto superare tre ondate senza essere infettato, avrei potuto passarne un’altra senza un vaccino”, ha detto Pascoe con voce debole che riusciva a malapena a parlare.

Mentre l’Unione Europea ha vaccinato completamente il 72% della popolazione adulta, la Romania ha gestito solo il 34%, esponendo una radicata sfiducia nelle istituzioni statali, campagne di disinformazione, scarse infrastrutture rurali e scarsa educazione ai vaccini.

Il governo, che ha allentato le restrizioni nonostante la minore assunzione di vaccini, ha mancato l’obiettivo di vaccinare 10 milioni di persone entro settembre, con poco più di 5 milioni di vaccini assunti. Circa il 40% degli operatori sanitari e delle scuole non è stato vaccinato e finora i funzionari hanno evitato di renderlo obbligatorio.

Mercoledì, la Romania aveva solo 32 letti di terapia intensiva e stava lottando per aggiungerne altri a causa della carenza di personale. I tassi di infezione giornalieri si stanno avvicinando al livello record di oltre 10.000 e i funzionari della sanità pubblica hanno stimato questo mese che la Romania potrebbe vedere tra 15.000 e 20.000 nuovi casi giornalieri a ottobre. Per saperne di più

READ  Il volontario Marshall muore dopo Brands Hatch

Nella capitale Bucarest, Beatrice Mahler, direttrice del Marius Nasta Pulmonary Institute, stava cercando di trovare personale in un’unità mobile di terapia intensiva.

Una panoramica dell’unità mobile di terapia intensiva (ICU) in preparazione per ricevere pazienti con coronavirus (COVID-19) presso il Marius Nasta Pulmonary Institute di Bucarest, Romania, 22 settembre 2021. Foto Inquam / Octav Ganea via REUTERS

“Al momento ho grossi, grossi problemi ad aprire questa famiglia, perché non possiamo lavorare senza dipendenti”.

Ha aggiunto che l’obitorio dell’istituto era pieno e stava cercando di affittare frigoriferi per conservare i corpi.

“Ho paura perché non so quanto possiamo aiutare se non siamo abbastanza”, ha detto Anita Timofti, infermiera capo dell’unità di terapia intensiva presso l’istituto. “Ho il sospetto che non ci sarà abbastanza spazio per il numero di persone sfortunate che si ammaleranno”.

Restrizioni, compreso il coprifuoco nel fine settimana, vengono reintrodotte nelle città e nei villaggi con un numero elevato di casi. Le scuole si spostano sempre più online.

Oltre agli sforzi per trovare più personale e fornire più posti letto, i funzionari intendono inviare unità mobili di vaccinazione alle scuole e offrire una lotteria con coupon e premi in denaro per aumentare le vaccinazioni.

“La cosa principale è la capacità di fornire cure mediche specialistiche a chi ne ha bisogno. Le risorse umane sono ciò che limita la nostra capacità”, ha affermato il viceministro della Salute Andre Pasio.

Per quanto riguarda Basco, ha intenzione di farsi vaccinare dopo che si sarà ripresa. Così fa Raoul Aden, un paziente di 20 anni, che ansima per il respiro attraverso un ventilatore.

READ  20 aziende di carne e prodotti lattiero-caseari emettono più gas serra di Germania, Gran Bretagna e Francia | industria della carne

“Ho intenzione di vaccinarmi al 100%”, ha detto.

(Segnalazione di Louisa Ely e Octave Jania); Montaggio di Raisa Kasulowski

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.