enero 22, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli operatori umanitari affermano che l’attacco aereo etiope nel nord-ovest del Tigray ha ucciso 56 persone

ADDIS ABABA (Reuters) – Un attacco aereo nella regione del Tigray in Etiopia ha ucciso 56 persone e ferito 30, compresi bambini, in un campo per sfollati, hanno detto sabato a Reuters due operatori umanitari, citando autorità locali e testimoni.

Il portavoce militare colonnello Geetnet Adan e il portavoce del governo Legis Tulu non hanno immediatamente risposto alle richieste di commento. Beilin Seyoum, portavoce del primo ministro Abiy Ahmed, non ha risposto a una richiesta di commento.

Il governo ha precedentemente negato di aver preso di mira i civili nel conflitto durato 14 mesi con le forze ribelli del Tigray.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Un portavoce del Fronte di liberazione del popolo del Tigray che combatte il governo centrale, Getachew Reda, ha dichiarato in un tweet su Twitter che «un altro crudele attacco di droni da parte di Abi Ahmed nel campo per sfollati interni di Dedebet ha causato la morte di persone. Finora 56 civili innocenti».

Gli operatori umanitari, che hanno chiesto l’anonimato perché non autorizzati a parlare con i media, hanno affermato che lo sciopero nella città di Didibet, a nord-ovest della regione vicino al confine con l’Eritrea, è avvenuto venerdì notte nella tarda notte.

All’inizio di venerdì, il governo ha rilasciato dal carcere diversi leader dell’opposizione e ha affermato che avrebbe avviato un dialogo con gli oppositori politici al fine di promuovere la riconciliazione. Per saperne di più

Entrambi gli operatori umanitari hanno affermato che le autorità locali hanno confermato il bilancio delle vittime. Gli operatori umanitari hanno inviato alla Reuters le foto che hanno affermato di aver scattato ai feriti in ospedale, inclusi molti bambini.

READ  La Lituania afferma che la Bielorussia sta spostando i migranti e prevede di costruire una barriera di confine اجز

Un operatore umanitario, che ha visitato il Cherry Plains General Hospital dove i feriti sono stati portati per le cure, ha detto che il campo ospita molte donne e bambini anziani.

«Mi hanno detto che le bombe sono arrivate nel cuore della notte», ha detto l’operatore umanitario. «Era completamente buio e non potevano scappare».

Le forze federali etiopi sono entrate in guerra con le forze ribelli del Tigrino nel novembre 2020. Dallo scoppio della guerra, Reuters ha riferito di atrocità commesse da tutte le parti, che le parti combattenti hanno negato.

Un operatore umanitario ha detto che uno dei feriti nello sciopero di venerdì, Asefa Gebrehoria, 75 anni, è scoppiato in lacrime mentre raccontava come il suo amico era stato ucciso. Era in cura per le ferite alla gamba sinistra e alla mano sinistra.

Un sopravvissuto a un attacco aereo delle forze governative etiopi riceve cure allo Sherry Chol General Hospital nella città di Didibet, nella regione settentrionale del Tigray, Etiopia, l’8 gennaio 2022. REUTERS/Stringer

I combattimenti hanno costretto una tempesta a lasciare la sua casa e ora il raid aereo ha distrutto il campo, dove almeno aveva un riparo anche se stava morendo di fame, ha detto all’operatore umanitario. Era arrivato in un campo per sfollati dalla città di confine di Hamira.

Prima dell’ultimo attacco, almeno 146 persone sono state uccise e 213 ferite in attacchi aerei in Tigray dal 18 ottobre, secondo un documento preparato dalle agenzie umanitarie e visto da Reuters questa settimana.

Sforzi di riconciliazione

Venerdì, con una mossa di riconciliazione, il governo ha rilasciato i leader dell’opposizione di diversi gruppi etnici. Tra loro c’erano alcuni leader del Fronte di Liberazione del Popolo del Tigray.

READ  Jennifer Rubin di WaPo strappa WH per non aver intensificato la missione di salvataggio in Afghanistan dopo aver tifato Biden per tutta la settimana

Il governo degli Stati Uniti ha detto che Abiy ha chiarito i passi che sta compiendo verso la riconciliazione nazionale al suo inviato speciale uscente per la regione, Jeffrey Feltman, quando ha visitato l’Etiopia questa settimana.

«Accogliamo con favore il rilascio dei prigionieri come un passo positivo in questo contesto», ha affermato un portavoce del Dipartimento di Stato.

L’Unione europea ha affermato che, sebbene il rilascio dei leader dell’opposizione sia stato un passo positivo, è preoccupata per il conflitto in corso nel Tigray, citando il recente attacco aereo.

«Tutte le parti devono cogliere l’opportunità per porre fine rapidamente al conflitto e avviare un dialogo», ha affermato il blocco in una dichiarazione rilasciata dal suo Alto rappresentante per gli affari esteri, Josep Borrell.

Il TPLF ha espresso i suoi dubbi sull’appello di Abiy alla riconciliazione nazionale.

«La sua routine quotidiana di negare il trattamento ai bambini indifesi e di inviare droni contro i civili di fronte alle sue accuse», ha scritto venerdì su Twitter il portavoce dell’organizzazione Getachew.

Il TPLF accusa le autorità federali di imporre un embargo sugli aiuti alla regione, che ha portato alla fame e alla carenza di beni di prima necessità come carburante e medicine. Il governo nega di ostacolare il passaggio dei convogli di aiuti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reportage redazionali di Addis Abeba; reportage aggiuntivo di Daphne Psaledakis a Washington; scritti di Duncan Meriri e Catherine Hureld); Montaggio di Frances Kerry e Helen Popper

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.