diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli immigrati dicono che i bielorussi li hanno portati al confine dell’UE e hanno fornito tronchesi

Sulaymaniyah, Iraq – L’improvviso afflusso di immigrati in Bielorussia dal Medio Oriente, che ora è al centro di una crisi politica in Europa, non è stata una semplice coincidenza.

Gli agenti di viaggio iracheni hanno affermato che il governo bielorusso ha allentato le regole sui visti ad agosto, rendendo un viaggio nel paese un viaggio in Europa più appetibile rispetto alla pericolosa traversata marittima dalla Turchia alla Grecia.

I voli sono aumentati dalla compagnia aerea statale e poi hanno aiutato attivamente il trasporto di migranti dalla capitale Minsk ai confini con Polonia, Lettonia e Lituania.

Le forze di sicurezza bielorusse hanno dato loro indicazioni su come attraversare i paesi dell’UE, distribuendo persino tronchesi e asce per sfondare le recinzioni di confine.

Le mosse, che i leader europei hanno descritto come un cinico stratagemma per «armare» i migranti nel tentativo di punire l’Europa, hanno aperto le porte alle persone disperate per fuggire da una regione afflitta da instabilità e alta disoccupazione.

Ora, migliaia di persone sono bloccate o si nascondono lungo il confine in condizioni gelide, né richieste dai paesi dell’UE né, come dimostrano le circostanze, dal paese che le ha attirate lì per primo.

La marea umana ha trasformato città come Sulaymaniyah, nella regione del Kurdistan iracheno, in affollati porti di partenza per i migranti desiderosi di intraprendere il viaggio costoso e pericoloso per avere la possibilità di una vita migliore in Europa.

Man mano che sui social media si diffondeva la notizia che la Bielorussia offriva una via per l’Europa, il numero di immigrati si è moltiplicato in modo esponenziale.

Mulla Rawaz, un agente di viaggio a Sulaymaniyah, ha detto che vendeva circa 100 pacchi a settimana per viaggi in Bielorussia. I pacchetti includevano un biglietto per un paese terzo, un alloggio di transito e un visto bielorusso.

Giovedì, nel mercato di Medina, Brayer Muhammed, 25 anni, stava facendo affari con la vendita di vestiti caldi.

«Bei vestiti per la Bielorussia!» Ha urlato, portando maglioni acrilici spessi e giacche invernali tirate da una scatola di cartone. «Per la neve della Bielorussia!»

Anche quando le giovani famiglie in Iraq offrivano le loro case come garanzia per raccogliere fondi per il viaggio, le prove lo dimostrano Leader autocratico della Bielorussiae Alexander G. Lukashenko, regolava l’immigrazione per creare una crisi per l’Unione europea.

Funzionari europei hanno affermato che la compagnia aerea bielorussa statale ha aumentato i voli dal Medio Oriente a Minsk. Secondo il ministero degli Esteri lituano, le autorità bielorusse hanno facilitato il rilascio dei visti attraverso l’agenzia di viaggi statale Tsentrkurort.

Secondo il ministro della Difesa lettone Artis Pabriks e Vranak Vyakorka, consigliere anziano del leader dell’opposizione bielorussa, Svyatlana Tsykhanuskaya, i migranti arrivati ​​a Minsk sono stati sistemati in almeno tre hotel di proprietà del governo.

READ  Diplomatico russo trovato morto a Berlino, l'ambasciata ha rifiutato l'autopsia

Il signor Pabriks ha affermato che gli agenti dell’intelligence bielorussa sono stati coinvolti nel trasporto di migranti al confine e che sono stati utilizzati autobus militari.

Diversi migranti iracheni hanno affermato che le forze di sicurezza bielorusse hanno fornito loro strumenti per violare la recinzione di confine polacca.

Bayar Awat, un curdo iracheno bloccato sul lato bielorusso del confine polacco, ha affermato che le guardie bielorusse hanno aiutato il suo gruppo a raggiungere il confine segnalando un percorso che aggirava il valico di frontiera ufficiale ed emergeva vicino a un varco tagliato nella recinzione di confine.

«La polizia bielorussa ci ha indirizzato nella foresta, quindi ha indicato le indicazioni per condurci nella foresta per tenerci lontani dal valico ufficiale di frontiera», ha detto.

Giovedì, un soldato bielorusso è stato ascoltato al telefono ordinare a un curdo iracheno di dirigere un gruppo di 400-500 migranti dal confine lituano verso il confine polacco.

«Tutte le persone che si trasferiscono qui vanno a Brest», gli disse il soldato in un inglese stentato, riferendosi alla città della Bielorussia al confine con la Polonia, perché c’erano troppi immigrati al confine con la Lituania.

Hanno detto che quando alcuni migranti hanno cercato di lasciare la foresta ghiacciata per tornare a Minsk, le guardie bielorusse hanno costretto molti di loro a tornare indietro, lasciando i migranti bloccati al confine.

Funzionari europei affermano che le misure fanno parte degli sforzi di Lukashenko per rispondere all’imposizione di sanzioni da parte dell’UE dopo aver affermato la vittoria in Elezioni contestate del 2020.

«Il discorso di Lukashenko, la politica dei visti e l’improvviso afflusso di migranti quest’estate indicano tutti il ​​coinvolgimento dello stato bielorusso e delle agenzie di viaggio», ha affermato Gustav Gressel, membro anziano del Consiglio europeo per le relazioni estere con sede a Berlino.

Venerdì, nel tentativo di arginare la crisi, diverse compagnie aeree hanno adottato misure per limitare il numero di viaggiatori in Bielorussia dal Medio Oriente. Gli agenti di viaggio in Iraq hanno affermato che la Turchia e l’Iran hanno iniziato giovedì a cancellare i biglietti per Minsk per i viaggiatori iracheni, siriani e yemeniti e che il governo ha impedito agli agenti di viaggio di vendere anche i biglietti di transito per la Bielorussia all’inizio della settimana.

Ma questo non importava ai disperati iracheni, che stavano già trovando rotte alternative attraverso Dubai, negli Emirati Arabi Uniti.

«Ho sentito che la situazione non è buona in Bielorussia, ma devo andare perché qui non c’è vita, né opportunità di lavoro, né diritti umani, né uguaglianza e giustizia, né gioia», ha detto Amer Karawan, un falegname. che giovedì è andato con tre amici in un’agenzia di viaggi a Sulaymaniyah per prendere i biglietti, sperando di arrivare in Bielorussia.

Karawan, che giovedì ha compiuto 20 anni, aveva preso in prestito $ 3.500 da un parente durante il viaggio. Ha detto che il gruppo non è stato scoraggiato dall’avvertimento dell’agenzia di viaggi che i biglietti via Iran e Turchia non sono rimborsabili e che non vi è alcuna garanzia che raggiungeranno la Bielorussia.

READ  Boris Johnson si autoisola dopo il contraccolpo contro le regole di quarantena

Ironia della sorte, la più grande fonte di migranti, la regione semi-autonoma del Kurdistan iracheno, è considerata la regione più stabile e più sicura del paese.

A differenza di molti dei loro genitori che sono diventati rifugiati sotto Saddam Hussein, questa volta i curdi dell’Iraq non fuggono dalla guerra o dal genocidio. Cercano un futuro che nemmeno una relativa pace nel paese gli ha fornito.

Nonostante la prosperità esteriore del Kurdistan iracheno, i giovani sono particolarmente avviliti dalla mancanza di lavoro, dalla corruzione, dall’oppressione e dai conflitti tribali che spesso mettono in ombra il sistema legale.

Prendono in prestito e prendono in prestito dai membri della famiglia per fare il viaggio.

La crisi ha fatto aumentare i prezzi dei visti per la Bielorussia, che in precedenza costavano circa 90 dollari e ora costano circa 1.200 dollari. La maggior parte degli immigrati ha affermato di aver pagato circa $ 3.000 per pacchetti che includevano visto, viaggio e alloggio per alcuni giorni.

Molti migranti lasciano anche migliaia di dollari nei negozi di cambio valuta da inviare ai trafficanti che promettono di portarli al confine. Diversi hanno affermato che la tassa di contrabbando era di circa $ 3.000. Ma i migranti hanno detto che i trafficanti spesso fanno poco più che indicare in quale direzione dovrebbero camminare attraverso la fitta giungla.

Questo per non parlare dei costi emotivi che un immigrato deve affrontare nel lasciare la sua casa e la sua famiglia.

Venerdì, il signor Karawan, indossando una nuova giacca invernale verde petrolio e guanti, ha lasciato la sua casa per una corsa in taxi per l’aeroporto di Erbil, a quattro ore di distanza.

La madre e le due sorelle di Karawan, dopo averlo visto a Sulaymaniyah, stavano singhiozzando al cancello. Suo padre gli mise in mano il dinaro iracheno e aspettò che la portiera del taxi si chiudesse prima di asciugarsi le lacrime.

READ  La Cina vieta le transessuali in TV, come parte della campagna per rafforzare la censura sociale: NPR

«Mi sento malissimo», ha detto sua madre, Bayan Omar. «È il mio unico figlio. Se gli impedisco di andarsene cosa farà? Mi ha detto: ‘Puoi garantirmi una casa, una macchina, una vita, una possibilità di sposarmi?’ Non posso fermarlo».

Più tardi quel giorno, i voli del signor Karawan via Teheran e Istanbul sono stati cancellati. Stava aspettando a Erbil di essere riprenotato via Dubai.

Per chi è già arrivato in Bielorussia, la situazione è desolante. Al confine con la Lituania, diverse migliaia di migranti sono stati spinti verso un recinto di filo spinato e gli è stato impedito di avanzare o tornare.

Giovani uomini e famiglie con bambini piccoli che hanno camminato per giorni attraverso la foresta profonda si riuniscono intorno a campi di fortuna, bruciando legna da ardere per cercare di scaldarsi, secondo i video inviati dai migranti. Alcuni avevano piccole tende a scomparsa, altri si seppellivano nei sacchi a pelo sul terreno ghiacciato.

Sabato le autorità polacche hanno accusato i soldati bielorussi di aver distrutto parte della recinzione di confine vicino al villaggio di Jzerymica e di aver cercato di distrarre le guardie di frontiera polacche con laser e luci stroboscopiche per aiutare i migranti ad entrare nell’Unione europea. Tuttavia, la versione polacca dei fatti non ha potuto essere confermata perché il governo di Varsavia ha vietato a tutti i non residenti, compresi giornalisti e medici, di entrare nella zona di confine.

Almeno nove immigrati Morto In Polonia nelle ultime due settimane, la maggior parte è dovuta all’esposizione, secondo i funzionari polacchi. La Bielorussia non ha detto quante persone sono state uccise dalla sua parte del confine. I media polacchi hanno riferito giovedì che un ragazzo iracheno di 14 anni è morto congelato vicino al confine in Bielorussia.

«Abbiamo cibo e acqua ma non abbastanza», ha detto un curdo iracheno, che ha chiesto di farsi dare il cognome, Bhadino. Ha inviato video che mostrano donne incinte e bambini, alcuni con disabilità.

Ha anche inviato un video di se stesso e di un piccolo gruppo di immigrati che gentilmente reggevano un cartello con la scritta «Polonia – scusa».

«Oggi ci siamo scusati con l’Unione europea e la Polonia», ha detto. Sai perché siamo arrivati ​​al confine e abbiamo rotto la recinzione al confine. Ci scusiamo per questo».

Ma non si è scusato per aver tentato di raggiungere l’Europa. Ha detto che non aveva intenzione di tornare in Iraq.

Jane indovino Riportato da Sulaymaniyah, Iraq, e Eliane Peltier da Bruxelles. cantante Khalil e Barzan Jabbar Contribuito alla segnalazione da Sulaymaniyah, e Andrew Higgins da Varsavia.