noviembre 27, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli americani inseguono il folle complotto elettorale di Trump nella prigione della mafia in Italia

ROMA – Una delle letali teorie del complotto di QAnon sostiene che le elezioni presidenziali statunitensi siano state rubate a Donald Trump con l’aiuto di due hacker italiani di breve durata che in qualche modo hanno dirottato un satellite per alterare i risultati calcolati delle macchine elettorali statunitensi.

Ora è chiaro che questa bizzarra teoria non è confinata agli angoli oscuri della rete di complotti di QAnon. Il potere del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti potrebbe essere stato messo in atto nel tentativo di dimostrare che il presidente Biden ha rubato le elezioni in questo modo.

Un funzionario carcerario italiano e un avvocato della mente dell’hacking hanno detto a The Daily Beast che due americani si sono avvicinati illegalmente a uno degli hacker all’interno di una prigione italiana, pochi giorni prima della morte di Trump. Un disperato tentativo di scacciare questa folle cospirazione.

L’opportunità del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti di lavorare su questa teoria è stata sollevata per la prima volta lo scorso giugno quando sono state pubblicate e-mail segrete su quella che è diventata nota come la cospirazione #Ithaligate ed è apparsa nel libro di Jonathan Carlin. Tradimento, Che graffia la superficie della polemica.

Carl afferma di credere fermamente che gli hacker siano stati in grado di manomettere i satelliti, a quel punto un funzionario del Pentagono, Ezra Cohen, ha chiesto all’ambasciata americana a Roma di indagare sull’hacker Arturo d’ nella città portuale di Salerno, nel sud Italia. Elia di Eboli e il suo complice nel crimine, Antonio Rossi, stanno scontando la pena per hackerare la compagnia di forniture militari italiana.

READ  Tra più di 19 mesi riapriranno i club del Milan in Italia

La trama è falsa, ma «vive» ancora negli angoli oscuri della rete cospirativa di QAanon ed è ora al centro di un’indagine interna sulle carceri italiane.

Il Daily Beast ha trovato l’avvocato di D’Elia, Nicola Naboniello, che ha confermato l’arrivo degli americani e si è detto «spaventato» che persone che pensava fossero agenti dei servizi segreti statunitensi lo avrebbero interrogato. «Non ha ammesso di essere stato interrogato. In effetti, nessuno dovrebbe avvicinarsi a lui senza andare da me», ha detto Naboniello. «Va oltre l’assurdo.»

In effetti, insiste sul fatto che in qualche modo ha provocato inavvertitamente i risultati della macchina per il voto e che spera che gli americani convincano il suo cliente che lo lasceranno in pace se ammette che potrebbe essere successo. Invece, de Elia ha chiamato il suo avvocato, che ha subito sporto denuncia in carcere.

Gli italiani di età inferiore ai 30 anni vengono puniti per aver violato il sistema informatico della società di distribuzione militare italiana Leonardo Spa. Non ha nulla a che fare con i satelliti statunitensi, le macchine per il voto degli Stati Uniti o qualsiasi elezione.

Secondo Tradimento, Lo pseudo-successore di Michele Roosevelt Edwards, cambiò il suo nome in Michele Ballarin e cercò di salvare la defunta compagnia aerea italiana Alitalia dalla bancarotta e negoziare il rilascio della nave mercantile dai pirati somali. Ha trovato qualcuno da sussurrare all’orecchio di Trump a una festa a Mar-a-Lago.

Tra negoziare con i pirati e sognare complotti, Ballard una volta fallì il parlamento italiano, impegnando 100 milioni di dollari per far ripartire Alitalia. Non ha volato. Ha fallito miseramente sulla nave mercantile, infatti gli armatori ucraini della nave hanno chiesto all’allora segretario di Stato Hillary Clinton di chiamarlo perché la sua interruzione ha alzato il costo del riscatto a 35 milioni di dollari, secondo diversi resoconti nella storia. .

READ  L'Italia vuole la riforma delle tariffe elettriche con l'aumento dei costi energetici - fonti

Il Bureau of Prisons italiano si concentra specificamente su come gli americani sono entrati nelle carceri senza autorizzazione. Il primo fronte punta alla deputata No-Vox Sarah Kunial, la versione italiana di Marjorie Taylor Green, che all’epoca faceva parte del popolare movimento a 5 stelle e sarebbe arrivata con gli americani. Era vicino all’allora primo ministro Giuseppe Conte, che fece amicizia con Trump e tentò invano di elevare il suo profilo internazionale. Se il «permesso» provenga direttamente da lui è oggetto di una soffiata dell’indagine carceraria italiana, che potrebbe richiedere anni per essere completata.

LaPresse / Alamy foto d’archivio

Kunial è stato successivamente escluso dal Partito 5 Stelle per aver affermato che il vaccino del governo era come «esperimenti nazisti» e per aver chiamato le dure serrature «prigione degli italiani».

D’Elia ha rilasciato un’intervista in prigione al giornale della sua città natale, che ha dato il suo avvocato a The Daily Beast in cui ha descritto l’incontro, dicendo solo che Kunial va in prigione e vuole vederlo. «Ma poi è successo qualcosa di strano. Mentre eravamo lì, due soggetti mi si sono avvicinati con accenti americani», ha detto. «Era chiaro che volevano parlarmi separatamente. Ero sorpreso. Hanno introdotto il tema delle elezioni americane, stavano per chiedermi delle cose, ma li ho fermati. Ho chiamato la polizia penitenziaria. Ho segnalato la cosa. Insomma, ho cercato di proiettarmi. Mi sono reso conto che camminare sotto i miei occhi non era del tutto normale.

Non ha svolto alcun ruolo. «All’inizio sembrava uno scherzo. Ma poi è diventato tutto incredibilmente serio», ha detto. «Non ho rubato nulla. Non ho rubato nulla a nessuno. Ho creato malware.

Il giorno del suo arrivo – 19 gennaio 2021, dalle 11:00 alle 13:00 – Kuni è stato indicato come l’unico visitatore della prigione. I membri del Parlamento possono visitare le carceri italiane in qualsiasi momento. I filmati di sorveglianza, tuttavia, mostrano che non è entrata nella prigione da sola. L’indagine carceraria elenca tre americani che hanno agito come avvocato, che era con Kunial quel giorno, e intendevano «interrogare» l’hacker.

Il senatore italiano Enrico Borgi, insieme al PD o ai Democratici, ha suggerito che gli americani potrebbero essere perseguiti per spionaggio. «Cosa è successo al Carcere di Salerno, che ha rigidi protocolli sulle ispezioni carcerarie, ed è stato completamente ignorato?» Ha detto in una dichiarazione Repubblica. “Com’è possibile lasciare all’oscuro gli ufficiali qualificati? Questi sono gli elementi che vanno chiariti considerando l’importanza della storia e soprattutto scoprire cosa ha motivato il nostro collega truffatore ad agire in questo modo, chi lo ha ispirato e quali legami internazionali ha.

Secondo il libro di Carlin, l’ambasciata americana a Roma ha riferito che il complotto era una bufala e che l’attaccamento alla sicurezza al campo di Trump era stato nuovamente segnalato. «Nessun prigioniero ha detto nulla sull’interferenza nelle elezioni e il loro caso è completamente estraneo a qualsiasi cosa sia lontanamente coinvolta nelle elezioni presidenziali degli Stati Uniti del 2020», scrive Carl. «Non è chiaro se l’ufficiale di sicurezza presso l’ambasciata degli Stati Uniti a Roma sia stato effettivamente inviato a parlare con i detenuti».

Infatti, secondo l’indagine in corso, il collegamento difensivo – o qualcuno che agisce per suo conto – lo è ovviamente. Ora resta da vedere come sono entrati e chi ha dato loro le chiavi.