diciembre 9, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Francia e Italia cercano di aumentare l’influenza dell’UE attraverso un «accordo amichevole»

Due anni fa ci sono state tensioni tra Francia e Italia, con Parigi che ha richiamato il suo ambasciatore e un tumultuoso appellativo tra i leader – ma la firma del presidente Emmanuel Macron a Roma questa settimana di un «patto di amicizia» franco-italiano mostra lo stato d’animo. Cambiato.

L’Accordo Guerrero di 60 pagine rappresenta l’Accordo franco-tedesco del 1963, che promuove una stretta cooperazione in tutto, dalla politica estera alla sicurezza e alla cultura. L’idea era stata discussa nel 2017 da Macron e dall’ex presidente del Consiglio italiano Paolo Gentiloni, ma è affondata. L’anno successivo, da un’alleanza dei Cinque Stelle italiani e della Lega nazionalista, si scontrò duramente con Parigi per il suo trasferimento nell’Unione europea.

Ora il piano è stato ripreso sotto Macron e sotto il presidente del Consiglio italiano Mario Tragi. Guidate dall’ex presidente della Banca centrale europea a Roma, anche le leghe nazionaliste-populiste italiane si limitano a sostenere l’accordo.

«Ora vogliamo riprendere i colloqui con la Francia», ha detto ai media italiani Lorenzo Fontana, il legislatore della Lega responsabile della politica estera del partito.

Politicamente, il governo della Troika vuole utilizzare il suo eccellente rapporto con Parigi per svolgere un ruolo più attivo a livello europeo, soprattutto quando un nuovo governo prende il potere da Angela Merkel e si prevede che la Germania si concentri maggiormente sulla politica interna.

La Francia ha anche vantaggi significativi da una forte relazione. Il rafforzamento dei legami aiuterà Macron a rafforzare il centro moderato dell’Europa occidentale dell’UE, proteggendo al contempo un alleato chiave per sostenerlo come presidente francese dell’UE dall’inizio del 2022, guadagnando influenza contro i populisti interni.

READ  Sam Case è arrivato sesto ai Campionati UCI Mountaineering Cross Country in Italia

Il ponte tra Roma e Parigi aiuterà anche a negoziare la riforma post-epidemia delle regole finanziarie dell’UE. L’Accordo di stabilità e sviluppo mira a controllare il disavanzo e il debito pubblico ed è attualmente sospeso a causa dell’epidemia. Una guerra per le riforme potrebbe svilupparsi con i cosiddetti paesi «austeri» come Austria, Danimarca, Finlandia e Paesi Bassi.

Tuttavia, anche se Macron e Tragi sono al comando, non ci sarà una transizione graduale tra i due paesi, soprattutto sul fronte commerciale, dove sono frequenti gli attriti tra le industrie francesi e italiane concorrenti.

Le discussioni sulla possibile vendita di un produttore di armi italiano di proprietà di Leonardo, un gruppo di sicurezza controllato dallo stato a un rivale francese, potrebbero rivelarsi un test preliminare. Coloro che sono vicini alle trattative contrattuali si aspettano che le vendite vengano discusse durante la visita francese, ma lo scetticismo italiano significa che ci vorrà più tempo per prendere una decisione.

Molti vicini ai colloqui hanno affermato che KMW-Nexter, una joint venture per la sicurezza franco-tedesca, aveva offerto un’offerta libera di 650 milioni di euro per acquisire la divisione difesa di Leonardo. Questa categoria comprende due aziende precedentemente note come OTO Melara e Wass, che sono i principali produttori di artiglieria navale, torri per carri armati e siluri. L’offerta è di 200 metri in più rispetto al costruttore navale statale italiano Fincantieri.

Ma il movimento Cinque Stelle, un membro anziano del governo di coalizione di Tracy, ha iniziato una battuta d’arresto dicendo che si oppone alla «vendita di asset strategici italiani a investitori stranieri». Criticano l’idea della cessione anche i democratici, il ministro del Lavoro Andrea Orlando ei sindacati.

READ  La rete italiana Elo Alot estende la licenza di sicurezza per soddisfare la crescente domanda di servizi di sicurezza informatica

Nel fine settimana Orlando, di La Specia, cittadina ligure dove ha sede l’OTO Melara, ha detto che «non si tratta di protezionismo». [but] È molto chiaro che finanziare lo sviluppo di gruppi stranieri attraverso fondi nazionali non è una strategia prudente.

«Ho parlato [defence minister Lorenzo Guerini] Penso che sia molto chiaro su questo «, ha aggiunto.

Guerini è stato molto cauto nelle dichiarazioni pubbliche e molti funzionari a Roma hanno affermato che una soluzione non era semplice perché l’Italia era interessata a far parte del cosiddetto progetto franco-tedesco noto come il carro armato principale europeo.

I sostenitori del suo caso hanno lavorato per rendere disponibile online la trascrizione effettiva di questa dichiarazione. I critici affermano che l’Italia aiuterà la Francia a eliminare un concorrente chiave nella produzione di armi, mettendo in pericolo i posti di lavoro italiani.

L’allarme tra le imprese francesi e italiane ha portato a lunghe guerre di acquisizione in passato – così come alcuni malumori – in passato. «I gruppi industriali francesi hanno acquistato molte imprese italiane», ha affermato Philippe More Deforges, ex diplomatico e membro anziano del think tank dell’Istituto francese delle relazioni internazionali.

Soprattutto nei beni di lusso, mercanti francesi come Bernard Arnold e Franயிois Pinalt hanno creato iconici marchi italiani, tra cui Loro Piana, Bulgarian e Gucci.

Gli italiani hanno espresso preoccupazione per la creazione della Stellandis, una joint venture tra la francese FCA e PSA nella produzione di automobili. Parigi, a differenza di Roma, detiene una quota di minoranza nel gruppo integrato, che secondo loro aiuterà a garantire meglio gli stabilimenti e i posti di lavoro francesi.