octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Fonti dicono che l’Italia sta preparando un piano per porre fine al piano di prepensionamento

Il primo ministro italiano Mario Draghi con il cancelliere tedesco Angela Merkel (nella foto) parla ai giornalisti a Roma il 7 ottobre 2021. Andrew Medici / Piscina

  • Caro piano pensionistico anticipato che scade quest’anno
  • L’età pensionabile tornerà a 67 nel gennaio 2022
  • Entro il 2020, la spesa pensionistica italiana era del 17% del PIL

ROMA, 11 ottobre (IANS) L’Italia prevede di rendere più facile il pensionamento di gruppi selezionati di età compresa tra 62 o 63 anni, hanno detto funzionari a Reuters.

L’aumento dei costi pensionistici rende più difficile per l’Italia investire in altre aree o ridurre il proprio debito pubblico, che è il secondo più alto dell’Unione Europea.

Secondo i dati Eurostat, l’Italia, una delle popolazioni più antiche del mondo, spende per le pensioni più di qualsiasi altro paese dell’UE tranne la Grecia. L’Italia, invece, è molto vicina al costo dell’istruzione.

Vinto nel 2018 dal partito della Lega di destra, membro dell’Amministrazione di unità nazionale del presidente del Consiglio Mario Draghi, l’attuale schema “quota 100” consente alle persone di andare in pensione se hanno contribuito 38 anni e hanno almeno 62 anni.

Ma a partire da gennaio 2022, l’Italia tornerà a un sistema impopolare che consentirà ai pensionati a partire dai 67 anni, un piano che taglierà i costi nel 2011 al culmine della crisi del debito sovrano.

Per far fronte al cambiamento, tre fonti del governo hanno affermato che Roma prevede di ampliare alcune opzioni di prepensionamento che non consentono a disoccupati, disabili, badanti e lavoratori di andare in pensione all’età di 63 anni.

Il Tesoro mira a stabilire criteri per ampliare la gamma di persone che rientrano in questa categoria.

READ  Futinho multato di 3 milioni di dollari dal DPA Glovo, ordina modifiche alla gestione algoritmica di Raiders - TechCrunch

Un’altra misura in discussione è che alcuni gruppi di lavoratori dovrebbero poter andare in pensione se hanno almeno 62 anni, ma solo se accettano un’indennità mensile più bassa nell’ambito della “quota 100” nell’ambito di un regime più rigoroso rispetto alla “quota 100” .

Il piano complessivo deve ancora essere finalizzato poiché continuano le trattative tra i ministeri, che costano oltre 2 miliardi di euro (2,3 miliardi di dollari) e sarà presentato al parlamento entro il 20 ottobre come parte del budget 2022.

Il Tesoro stima che lo “stanziamento 100” aumenterà il costo delle pensioni al 17% del PIL entro il 2020.

Il tasso di crescita medio annuo della spesa pensionistica dal 2020 al 2021 è stato superiore rispetto a prima della riforma del 2011.

(1$ = 0,8641 euro)

Montaggio di Alexander Smith

I nostri standard: Politiche della Fondazione Thomson Reuters.