septiembre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Fauci vuole fare i vaccini per la prossima pandemia prima che colpisca

Da un lato, il mondo è stato fortunato con il nuovo coronavirus. Per puro caso, gli scienziati hanno trascorso anni a studiare i coronavirus, sviluppando esattamente gli strumenti necessari per realizzare i vaccini Covid una volta pubblicata la sequenza genetica del virus.

Ma cosa accadrebbe se la prossima epidemia provenisse da un virus che causa la febbre di Lassa, o dal ceppo Ebola in Sudan, o dal virus Nipah?

Promosso dal Dott. Anthony S. Fauci, direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, per un piano ambizioso e costoso per prepararsi a scenari così terrificanti. Costerebbe “pochi miliardi di dollari” all’anno, ha detto, il primo raccolto richiederebbe cinque anni e coinvolgerebbe un enorme gruppo di scienziati.

L’idea è quella di realizzare vaccini “modello” per proteggere dai virus di circa 20 famiglie che potrebbero portare a una nuova pandemia. Utilizzando strumenti di ricerca che si sono dimostrati efficaci per Covid-19, i ricercatori possono scoprire la composizione molecolare di ciascun virus, scoprire dove dovrebbero colpirlo gli anticorpi e esattamente come indurre il corpo a produrre quegli anticorpi.

“Se otteniamo il finanziamento, cosa che penso che accadrà, probabilmente inizierà nel 2022”, ha detto il dott. Fauci, aggiungendo di aver promosso l’idea “in discussioni con la Casa Bianca e altri”.

Anche il dottor Francis Collins, direttore del National Institutes of Health, ha pensato che sarebbero stati probabilmente stanziati i fondi necessari, descrivendo il progetto come “avvincente”.

“Mentre iniziamo a contemplare una conclusione positiva della pandemia di Covid-19, non dobbiamo tornare all’inazione”, ha affermato il dottor Collins.

Gran parte del sostegno finanziario proverrà dall’Istituto Dr. Fauci, ma un progetto di questa portata richiederà fondi aggiuntivi che devono essere stanziati dal Congresso. Il budget per l’Infectious Diseases Institute per quest’anno è di poco più di 6 miliardi di dollari. Il dott. Fauci non ha specificato l’importo aggiuntivo richiesto.

READ  L'Oklahoma ha segnalato più di 1.200 nuovi casi di COVID-19

Se le reti di sorveglianza rilevano un nuovo virus che viene trasmesso dagli animali all’uomo, la logica è che gli scienziati potrebbero fermarlo vaccinando le persone durante le epidemie producendo rapidamente il prototipo del vaccino. E se il virus si diffondesse prima che il mondo si rendesse conto di cosa stava succedendo, i vaccini iniziali potrebbero essere diffusi più ampiamente.

“Il nome del gioco sarà cercare di limitare le ricadute alle epidemie”, ha affermato il dottor Dennis Burton, ricercatore di vaccini e presidente della divisione di immunologia e microbiologia presso lo Scripps Research Institute.

Il progetto Model Vaccines nasce da un’idea del Dr. Barney Graham, vicedirettore del Centro per la ricerca sui vaccini presso l’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive. Ha presentato l’idea nel febbraio 2017 in una riunione speciale dei direttori di istituto.

Il dottor Graham ha affermato che i virus minacciano di diventare epidemie anno dopo anno: influenza suina H1N1 nel 2009, chikungunya nel 2012, coronavirus nel 2013, Ebola nel 2014 e Zika nel 2016. Ogni volta, gli scienziati hanno cercato di creare un vaccino. . Il loro unico successo è stato un successo parziale, con un vaccino contro l’Ebola che ha aiutato a controllare l’epidemia ma non avrebbe funzionato contro altri ceppi di Ebola. Altre epidemie sono diminuite prima che i vaccini fossero prodotti o testati.

“Eravamo stanchi”, ha detto il dottor Graham.

Ma i ricercatori hanno sviluppato nuovi strumenti nell’ultimo decennio che potrebbero fare una grande differenza. Hanno permesso agli scienziati di visualizzare le strutture molecolari dei virus, isolare gli anticorpi che bloccano i virus e vedere dove si legano. Il risultato è stata la capacità di realizzare una “progettazione basata sulla struttura” di nuovi vaccini che colpiscano l’agente patogeno in modo più preciso.

READ  Nessuna maschera al lavoro? La proposta della California dice che i dipendenti non devono farlo, se tutti vengono vaccinati

Quando ha sentito l’idea del Dr. Graham nel 2017, il Dr. Fauci è stato ispirato. “Io e gli altri del Comitato Esecutivo siamo rimasti scioccati dal fatto che qualcosa di veramente realizzabile”, ha affermato il dott. Fauci.

Il dottor Graham ha pubblicato a carta di revisione Delinea la proposta in Nature Immunology nel 2018. Ma senza l’urgenza di una minaccia pandemica, la sua idea è rimasta tale.

Ora, però, molti credono che sia giunto il momento.

John Mascola, direttore del Centro per la ricerca sui vaccini dell’istituto, ha affermato che l’Istituto di allergie e malattie infettive ha creato un foglio di calcolo per ciascuna delle 20 famiglie virali che mostra ciò che è noto sull’anatomia e le vulnerabilità di ciascun agente patogeno.

“Per ogni famiglia virale, siamo in uno stato diverso di conoscenza e sviluppo del vaccino”, ha affermato il dott. Mascola. I vaccini per la febbre di Lassa e il virus Nipah, ad esempio, sono nelle prime fasi. Vaccinazioni Chikungunya e Zika.

Le lacune nello sviluppo di vaccini saranno colmate da borse di ricerca per scienziati accademici. “C’è molto entusiasmo tra i ricercatori accademici”, ha affermato il dottor Barton Hines, direttore del Duke Institute for Human Vaccines. Sebbene la proposta non sia ben nota al grande pubblico, il dottor Fauci ha affermato di averne discusso in conversazioni con il pubblico scientifico.

Il dottor Fauci ha affermato che il programma stabilirà anche accordi di cooperazione con le aziende farmaceutiche per produrre rapidamente i primi vaccini.

READ  I bambini statunitensi ora ottengono quasi il 70% delle loro calorie da cibi "ultra-elaborati".

Questo è quello che è successo con gli scatti del Covid-19. L’epidemia di SARS e la sindrome respiratoria mediorientale hanno spinto gli scienziati a lavorare su un vaccino per il coronavirus. Ciò ha portato alla scoperta che i coronavirus utilizzano una proteina appuntita per infettare le cellule, ma la punta cambia facilmente forma e deve essere posizionata per essere utile come vaccino. I ricercatori hanno scoperto che si può fare, con piccoli cambiamenti molecolari nella proteina spike.

Giorni dopo la pubblicazione della nuova sequenza del coronavirus, gli scienziati hanno progettato vaccini per combatterla.

Questo è ciò che può fare la preparazione alla pandemia, ha affermato il dott. Fauci. Vorrebbe avere vaccini primari per 10 famiglie virali su 20 nei primi cinque anni di attività.

“Ci vorrebbero grandi quantità di denaro”, ha ammesso il dottor Fauci. “Ma dopo quello che abbiamo passato, è fuori discussione.”