agosto 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Euro 2020: l’Italia ha portato la felicità alla nazione per disperazione

L’Italia non è stata considerata un candidato pre-torneo per Euro 2020

Una foto in lacrime di Gianluigi Buffon ha riempito le pagine di quasi tutti i giornali d’Italia.

Il 13 novembre 2017, il paese simile a una scarpa da calcio non è riuscito a segnare un gol contro la Svezia per qualificarsi per la Coppa del Mondo.

È stata più di una tragedia nazionale: è stata chiamata la fine del mondo. Sulla copertina del famoso quotidiano rosa italiano Gazzetta dello Sport, il titolo diceva semplicemente: “The End”.

Gli italiani erano imbarazzati, agitati e francamente non troppo sorpresi. Quando a San Siro furono annunciati i nomi delle squadre in quella fatidica sera, gli italiani fischiarono quando si trattava di coach Giampiero Ventura.

Non c’era ritmo nella partita dell’Italia, solo un gruppo di individui che hanno fatto di tutto per evitare la vergogna di non qualificarsi. Il pubblico odiava la squadra e la Federcalcio, ma soprattutto l’allenatore.

Come nota La Repubblica, “l’apocalisse è blu” – il colore dell’azzurro – perché l’Italia non è riuscita a trovare un “misero bersaglio” contro “una Svezia povera, tecnicamente imbarazzata e tuttavia orgogliosa della sua resistenza”.

Sono state sollevate domande su come una nazione così orgogliosa possa essere caduta così lontano. Chi può far rivivere questo mostro blu? Carlo Ancelotti era l’uomo che tutti volevano. È stato Roberto Mancini ad averlo.

Mancini era un grande calciatore e un allenatore di successo che ha vinto in diversi paesi e costruito squadre forti, ma era una personalità che divideva.

Come calciatore, la sua posizione è stata inesorabilmente messa in discussione. Ha lottato con tutti e contro tutto, e quando ha segnato per l’Italia nel 1988, le sue esultanze hanno espresso più rabbia che gioia. I suoi colleghi avrebbero dovuto impedirgli di riferirsi in modo aggressivo a coloro che nella tribuna stampa hanno osato interrogarlo.

Non è stata una cattiva scelta vista la sua storia di successo da allenatore, ma farà sognare ancora l’Italia? Come avrebbe potuto cavarsela Ancelotti?

Quando la Gazzetta dello Sport ha riportato i pensieri di Mancini sul potenziale vincitore della Coppa del Mondo 2018 prima di confermare i suoi piani per la squadra italiana, il commento di un lettore sotto il pezzo è stato: “Neanche noi verremo con te all’Europeo”.

Tre anni dopo, l’Italia non è solo agli Europei, ma anche in finale.

Erano la squadra migliore del torneo, e televisioni italiane, giornali, opinionisti ed ex calciatori si sono avvicinati di soppiatto per scoprire nuovi superlativi per descrivere il fascino di Mancini, la bellezza di questa squadra e il notevole impatto che ha avuto. per unire il paese.

Dando 35 giocatori per la prima volta e concentrando i suoi sforzi sul gioco del calcio con l’accento sul far emergere il talento offensivo all’interno della sua squadra, Mancini ha scelto l’intrattenimento. La squadra italiana del 1988 di cui faceva parte, guidata da Azeglio Vicini, era altrettanto divertita e credeva anche nell’abbondanza di giovani, forse ispirando Mancini a costruire qualcosa di simile.

Agiscono secondo le parole dell’inno nazionale italiano, l’inno nazionale italiano, Giorgio Chiellini e i suoi colleghi, come se la loro vita dipendesse da questo: “Fratelli Italia, lasciamo una bandiera, una speranza che ci unisce tutti. Il tempo è venuto per noi per unirci”.

I giocatori italiani cantano l'inno nazionale
Il Canto degli Italiani è diventato il torneo preferito dai tifosi

La fratellanza è il soggetto di questa parte italiana. In un momento di disperazione sociale ed economica, il Paese aveva bisogno del calcio per riportare la gioia in questi tempi difficili, soprattutto dopo la pandemia.

Tra tutti questi neofiti, c’erano bambini che avevano una possibilità, alcuni dei quali non avevano ancora partecipato per la prima volta ai propri club. Ma crescendo insieme e affrontando le sfide come unità, hanno forgiato legami, ricordi e storie che hanno affascinato la nazione e ci hanno permesso di dimenticare i nostri problemi, almeno per un po’.

Quando l’Italia ha battuto la Spagna in semifinale, Lorenzo Insigne ha corso per una maglia di Leonardo Spinazzola, portandosela vicino mentre ogni membro del gruppo italiano si univa a lui per cantare il nome di Spina e dedicargli la sua vittoria. Lacrime mentre si allontanava dal Belgio dopo un infortunio traumatico che ha profondamente sentito la nazione e ogni giocatore, ha trascorso il viaggio di ritorno nel conforto di Spina, un giocatore che è stato inesorabilmente afflitto da infortuni nella sua carriera in corso.

Matteo Pessina parla dei barbecue dopo i giochi, del forno che lo chef italiano ha comprato per fare la sua pizza e dei ricordi che questo gruppo crea. Ma l’Italia potrebbe essere più amorevole con chi è nel campo della tecnologia.

Lì trovi Mancini e Gianluca Vialli, i fratelli tecnici italiani e artefici del miglior gol della Sampdoria negli anni ’90. Loro, insieme a molti dei loro compagni di squadra Blucerchiati, guidano questo gruppo e il loro legame è diventato ancora più forte, nonostante le tante battaglie che ognuno ha affrontato nella propria vita – non c’è sfida più grande del cancro che Vialli ha combattuto per così tanto tempo.

Il loro caldo abbraccio dopo il gol di Federico Chiesa contro l’Austria ha fatto piangere molti italiani. Quel momento umanitario ha ricordato al Paese quanto hanno affrontato negli ultimi tempi e quante vite sono state perse a causa di una pandemia di cui il loro Paese è stato l’epicentro. Ma l’hanno superato, come tutti speriamo.

Gli italiani festeggiano la vittoria in semifinale a Roma
La vittoria dell’Italia ai rigori sulla Spagna ha scatenato festeggiamenti selvaggi a Roma

L’Italia è ufficialmente innamorata e per un breve periodo il Paese è rimasto affascinato dal suo sport più amato. Articoli su articoli sono dedicati a questa squadra, dall’osservare le lotte dei giovani al diventare professionisti, all’apprezzare le loro madri che hanno sacrificato così tanto per consentire loro di proseguire la propria carriera.

Lo stesso Mancini se ne andò di casa all’età di 13 anni per dedicarsi al calcio. “Chiamava a casa 10 volte al giorno”, ha spiegato la madre al Corriere della Sera. Aveva bisogno di qualcosa? “No mamma, voglio solo sentire la tua voce, sapere come stai.”

La madre di Spina ha ricordato come suo figlio era stato ferito all’età di 14 anni e voleva solo tornare a casa. “Pensaci”, sussurrò sua madre. Per fortuna Spina ha ascoltato.

Tutto, dai loro abiti Armani alle loro superstizioni, è ben documentato. Francesco Acerbe, due volte malato di cancro, deve prima prendere l’autobus nei giorni delle partite. Gianluigi Donnarumma dovrebbe essere l’ultimo.

Per quanto riguarda Viale, mentre si recavano alla partita contro la Turchia, l’autobus è partito senza di lui, solo per la squadra che si è resa conto pochi istanti dopo. L’autobus si fermò, permettendogli di raggiungerlo e finalmente di salire. Da allora, devono semplicemente ripetere il processo prima di ogni partita. Ormai è un rito.

Dalla miniserie Il Sogno Azzurro, che ha seguito curiosamente la nascita di questa squadra italiana, a centinaia di altri spettacoli dedicati alla nazionale, è sicuro dire che i fischi sono stati sostituiti da grida di gioia.

Italia-Spagna in semifinale ha garantito quasi 20 milioni di telespettatori, risultando il 35° evento più visto di tutti i tempi in Italia. Secondo la Federcalcio, i 50 programmi TV più visti sono tutte partite di calcio e 46 sono delle partite degli Azzurri. Comincia così a dipingere un quadro di cosa significa il calcio per l’Italia?

Secondo un tifoso italiano di Wembley, il calcio è tutto. “Dio, famiglia e calcio”. Santa Trinità.

Novità sulla BBC - GeneraleNovità su BBC Footer - Generale

READ  Non testa di serie James Madison sconvolge la testa di serie in Oklahoma nella sua prima apparizione ai Campionati del mondo universitario femminile