agosto 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Euro 2020: Chiellini, Bonucci e le gioie del ritiro

di Rory Smith

Ci sono molte storie. Alcuni sono così sfuggenti che se non fosse stato per la testimonianza di un testimone oculare o per il videoclip, l’istinto naturale sarebbe stato quello di presumere che fossero fabbricati. Il migliore di questi, tuttavia, il più ovvio, è quello relativo alle compresse di aglio.

Nel 2014, prima che la Juventus affrontasse la Roma in una partita cruciale al vertice del campionato italiano, Leonardo Bonucci mangiò una manciata di pasticche d’aglio. Glielo aveva regalato il suo allenatore motivazionale, Alberto Ferrarini, spiegando in seguito che “da centinaia di anni i soldati mangiano aglio per mantenerli forti, sani e vigili”. Le tavolette avevano lo scopo di conferire a Bonucci gli stessi tratti.

C’era ovviamente un altro vantaggio. La Ferrari ha anche chiesto a Bonucci di “respirare in faccia a Gervinho e Francesco Totti”, l’attaccante stella della Roma. Il trucco funziona – vince 3-2 la Juventus e Bonucci realizza il gol della vittoria – e la leggenda si cristallizza un po’ di più. Non c’era niente che Bonucci, come il suo compagno di squadra tra Juventus e Italia Giorgio Chiellini, non avrebbe fatto al servizio della vittoria.

L’arrivo dell’Italia nella finale di Euro 2020 ha, in molti modi, evidenziato un cambiamento radicale nella cultura calcistica del Paese. Giovane, energica e avventurosa, la squadra di Roberto Mancini è costruita attorno a un centrocampo tecnico e permeato di uno stile offensivo brillante.

Se è stata quella visione dell’Italia che ha guidato la squadra attraverso la fase a gironi e l’ha aiutata a spazzare via Austria e poi Belgio nei playoff, allora la vittoria della squadra in semifinale contro la Spagna si è basata su una ripetizione più comune: spietata e indiscutibile, non in l’immagine in porcellana di Lorenzo Insigne e Marco Verratti, ma nel solido cemento di Bonucci e Chiellini.

È l’Italia che l’Inghilterra deve battere domenica sera per alzare il trofeo dell’Europeo: un’Italia che non solo è orgogliosa di difenderla, ma la tratta con genuino divertimento. Come ha detto in precedenza Bonucci, “Da difensore ti piace sempre vincere 1-0”.

READ  Il Tottenham conferma la nomina di Fabio Paratici a direttore generale del calcio notizie di calcio

Nella gara d’esordio del torneo, con il 3-0 di Mancini sulla Turchia e la vittoria, Chiellini e Bonucci hanno festeggiato l’eliminazione della linea di porta nei minuti di recupero con il tipo di attività che tradizionalmente è stata più riservata ai gol vincenti dell’ultimo minuto.

È stato così per anni, naturalmente. Chiellini ha fatto il suo debutto in Italia nel 2004. Bonucci, che aveva solo due anni meno di lui ma molto più tardi, lo ha raggiunto nel 2010. Tra di loro, ora ha giocato 219 partite per il loro paese, la stragrande maggioranza delle quali contemporaneamente. Sono così inseparabili, a livello di club e internazionale, che una delle ricerche suggerite da Google per loro è: “Chiellini e Bonucci sono parenti?”

Non lo sono, ma anche loro ammettono che potrebbero esserlo. “Penso di conoscere Bonucci più di mia moglie”, ha detto Chiellini. Bonucci sostiene che non deve “pensare alle altre cose che di solito fai quando giochi con qualcun altro; conosciamo i giochi dell’altro dall’interno verso l’esterno”.

Ma ciò che lo fa funzionare, non è che sono uguali, è che sono diversi. Fuori dal campo, Chiellini è abbastanza diverso dal suo carattere in campo che la madre dell’attaccante spagnolo Alvaro Morata una volta gli disse di essere rimasta sorpresa da quanto fosse gentile, educato e gentile.

Ha una laurea in economia e commercio. È coautore di un libro sul suo eroe, il difensore della Juventus Gaetano Scirea. Egli è, a suo avviso, più “calmo, più riflessivo” di quanto sembri. Essere il capitano sia dell’Italia che della Juventus lo ha fatto sentire “tranquillo”, ha scritto nella sua autobiografia, e si è persino sentito a suo agio nell’alleggerire il suo stile di combattimento mentre giocava. Il suo largo sorriso, quando la semifinale tra Italia e Spagna è andata ai rigori, è stato preso dai suoi avversari come giochi. In effetti, probabilmente si stava solo divertendo.

Anche Bonucci, il più preciso dei due, è una contraddizione. È stato lui che, all’inizio della sua carriera, ha lottato con l’insicurezza; Che sentiva il bisogno di ingaggiare Ferrari da giovane. I metodi dell’allenatore erano poco ortodossi – in un caso, portava Bonucci nel suo seminterrato e lo colpiva ripetutamente allo stomaco, per migliorare la sua concentrazione – ma col tempo ci sono riusciti. Bonucci divenne, nelle parole di Ferrari, un “guerriero”.

READ  L'ambiziosa Italia affronta la talentuosa Turchia nell'alzare il sipario per Euro 2020 | notizie di calcio

Sul campo, la storia è la stessa. La loro comune passione per impedire agli altri di divertirsi può far sembrare che siano fatti della stessa stoffa, ma la forza della loro collaborazione sta nel quanto poco sembrano, non quanto.

“Si capiscono”, ha detto Andrea Barzagli, ex compagno di classe di entrambi gli uomini. “Quando hai passato così tanti momenti insieme, sai cosa succede, come reagirà l’altro. Puoi ricordare cosa è successo in quella situazione prima e come l’hai affrontato tra voi due. Si compensano per ciascuno. altro.”

Barzagli, ovviamente, è in una posizione migliore per analizzare il loro rapporto rispetto agli altri. Fino a poco tempo fa Bonucci e Chiellini non erano un duo, ma parte di un trio, sia per la Juventus che per l’Italia: Barzagli lo ha completato, prima ritirandosi dalle competizioni internazionali nel 2018, per poi ritirarsi definitivamente dopo pochi mesi.

Ognuno, in questo trio, aveva il proprio ruolo. Secondo Chiellini era lui l'”aggressivo”, Bonucci l'”acceleratore” e Barzagli il “professore”. “E’ sempre nel posto giusto al momento giusto”, ha detto Chiellini.

Per Bonucci, Barzagli era “l’esempio”. “Andrea è imbattibile negli scontri diretti”, ha detto.

L’interpretazione di Barzagli è simile. “Giorgio è il tipo di difensore che ha bisogno di sentirsi connesso”, ha detto. “Usa il suo ingegno ma anche la sua forza fisica per privare un giocatore di spazi. Questo tipo di difesa sta diventando sempre più raro ora. È cambiato molto negli ultimi anni. Non voglio dire che sia uno degli ultimi grandi Difensori italiani, ma segue quella tradizione”.

Barzagli ha detto che Bonucci, al contrario, è “più moderno”, più bravo a “leggere il gioco, capire le situazioni”, il tipo di giocatore Pep Guardiola, il sommo sacerdote dello stile moderno di difesa, descritto come “uno dei suoi preferiti. Mai .” Matthijs de Ligt, il difensore olandese erede di Barzagli alla Juventus, è impressionato dalla sua “visione e dalla precisione dei suoi passaggi lunghi e corti”. Vede qualcos’altro in Chiellini. “Sembra che abbia una calamita in testa”, ha detto de Ligt.

READ  Playoff NBA 2021 - I Brooklyn Nets mettono i Milwaukee Bucks in una posizione scomoda

Barzagli non ha ancora deciso dove guarderà domenica scorsa. Non è mai stato infastidito dai nervi come giocatore. Trovava un po’ più stressante guardare le partite come spettatore. “È perché non puoi fare nulla”, ha detto. Potrebbe scegliere di guardare nel suo campus di casa, piuttosto che con altre persone, per aiutarlo ad affrontare meglio la questione.

Ciò che allevia maggiormente questa ansia è la presenza dei suoi ex compagni. Che siano ancora qui, ai massimi livelli del gioco, è una testimonianza, ai suoi occhi, della loro “professionalità, dedizione e preparazione fisica e mentale”.

Ha aggiunto: “Questo è il loro grande segreto, perché sono stati in grado di durare così a lungo”.

Ancora una volta, domenica, la familiarità porterà conforto all’Italia. Molto è cambiato davanti a loro, ma Bonucci e Chiellini sono ancora là fuori, stanno ancora festeggiando gli interventi e si stanno ancora godendo il loro lavoro.

Barzagli ha dichiarato: “Una cosa che l’Italia probabilmente sa e altri paesi no, è che i difensori migliorano con l’età. Si impara sempre. Con più esperienza, si hanno più soluzioni. Sai cosa fare in ogni situazione, perché hai visto succedere prima. Questo anche quando hai 34 o 35 anni. ” È quello che è successo anche a Bonucci e Chiellini. Questa è una grande finale, ovviamente, ma è anche solo un’altra partita. È qualcosa che non hanno mai visto prima.