octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

ESCLUSIVO: Echi e incertezza mentre i piloti afghani aspettano l’assistenza degli Stati Uniti in Tagikistan

Un membro dell’Afghan Air Force piloti un A-29 Super Tucano all’Aeroporto Internazionale Hamid Karzai vicino a Kabul, Afghanistan, 15 gennaio 2016. Foto scattata il 15 gennaio 2016. Per abbinare un rapporto speciale USA-AFGHANISTAN/PILOTS US Air Force/ Tecnologia. sergente Nathan Lipscomb/Pubblicazione via Reuters/File Photo

WASHINGTON (Reuters) – Un pilota afghano addestrato negli Stati Uniti stava parlando con Reuters su un telefono cellulare contrabbandato dal Tagikistan dove è detenuto, quando è successo qualcosa di strano, la sua voce ha iniziato a ripetere, ripetendo tutto ciò che aveva appena detto, a voce. parola.

Anche la sua fidanzata, un’infermiera americana in Florida, era in gioco e cominciò a farsi prendere dal panico. Ho gridato il suo nome, ma le sue parole continuavano a tornare.

“Ero sbalordito”, ha detto una portavoce a condizione di anonimato per proteggerlo. “Le cose peggiori che mi sono venute in mente.”

Qualunque sia la causa del malfunzionamento del telefono, che si è verificato solo una volta, non fa che aumentare la profonda ansia della coppia. È arrivato anche in mezzo a crescenti sentimenti di impazienza e incertezza tra i piloti e il personale afghani che sono stati detenuti dal governo in Tagikistan da quando sono fuggiti lì il 15 agosto.

Sono 143 gli afgani detenuti in un sanatorio in una zona rurale montuosa fuori dalla capitale tagika Dushanbe, che aspettano e sperano da più di un mese che gli Stati Uniti li trasferiscano.

Dopo aver volato lì con 16 aerei mentre le forze di terra del loro esercito crollavano prima che i talebani avanzassero, gli afgani hanno affermato di aver preso i loro telefoni. Inizialmente furono ospitati in un dormitorio universitario prima di essere trasferiti il ​​1 settembre.

Il contatto familiare è molto limitato. Sebbene sembrino tenuti in condizioni umane, sono tesi e incerti sul futuro.

“Non sappiamo dove stiamo andando… Siamo tutti preoccupati per questo”, ha detto il pilota.

I piloti vogliono unirsi ad altro personale militare afghano in fase di elaborazione per i visti statunitensi in luoghi come il Qatar, gli Emirati Arabi Uniti e la Germania.

READ  CDC aggiunge 6 destinazioni all'elenco dei rischi di viaggio "molto alto" per Covid-19, comprese le Bahamas

Un secondo pilota, parlando separatamente a condizione di anonimato, ha dichiarato: “Quando chiediamo al governo del Tagikistan, rispondono: ‘Per favore aspetta'”.

Il secondo pilota ha detto a Reuters che tra il personale militare della struttura c’erano due donne afghane, tra cui un pilota incinta di otto mesi.

Un tale carico sarebbe un motivo importante per agire rapidamente, ha affermato David Hicks, un brigadiere americano in pensione che aiuta a guidare un’organizzazione benefica chiamata Operazione Holy Promise che lavora sull’evacuazione e il reinsediamento afghano.

Ci sono anche 13 afgani a Dushanbe, che godono di condizioni più rilassate. Molti di quei piloti hanno detto a Reuters di aver volato separatamente nel Paese il 15 agosto e di essere ospitati in un edificio governativo. Parlando in videochiamata, hanno detto di non aver contattato gli afgani nel sanatorio.

I piloti non sono stati in grado di spiegare perché i due gruppi fossero separati.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha rifiutato di commentare i piloti in Tagikistan. Il ministero degli Esteri tagiko non ha risposto a una richiesta di commento.

I piloti afgani addestrati dagli Stati Uniti in Tagikistan sono l’ultimo grande gruppo di personale dell’aeronautica afghana all’estero ancora in un limbo dopo aver pilotato dozzine di aerei avanzati attraverso il confine afghano verso quel paese e l’Uzbekistan nei momenti finali della guerra.

All’inizio di settembre, un accordo mediato dagli Stati Uniti consentiva un gruppo più ampio di piloti afgani e altro personale militare Per essere trasportato in aereo Uzbekistan. Alcuni piloti di lingua inglese avevano Per timore che vengano rimandati dagli uzbeki nell’Afghanistan governato dai talebani Sono stati uccisi per aver inflitto molte vittime talebane durante la guerra.

“Nessuna fretta locale”

I nuovi governanti dell’Afghanistan hanno detto che inviteranno ex militari ad unirsi alle rinnovate forze di sicurezza del paese, e non verrà loro fatto alcun male.

Questo spettacolo fornisce loop vuoti per i piloti afgani che hanno parlato con Reuters. Anche prima che i talebani prendessero il potere, i piloti addestrati in America e di lingua inglese divennero i loro principali obiettivi. I combattenti talebani li hanno rintracciati e assassinati fuori dalla base.

READ  Il canadese Trudeau era sulla difensiva per aver chiamato le elezioni, ma alcuni grandi successi sono arrivati ​​nel primo dibattito

I piloti non hanno espresso preoccupazione per il fatto che i tagiki avrebbero restituito questo gruppo ai talebani. Ma più di un mese dopo, i piloti ei loro sostenitori si sono lamentati della mancanza di urgenza da parte delle autorità di spostare il gruppo.

Reuters ha appreso che i funzionari statunitensi hanno iniziato a raccogliere informazioni biometriche per confermare l’identità dei membri del gruppo, segno che presto potrebbero arrivare aiuti. Sforzi simili in Uzbekistan hanno preceduto la rimozione di questi piloti.

Le persone vicine ai piloti hanno affermato che finora gli Stati Uniti hanno raccolto dati biometrici su circa i due terzi del gruppo.

Paul Stronsky, un illustre membro del Carnegie Endowment for International Peace, ritiene che il presidente del Tagikistan, Emomali Rahmon, possa essere orgoglioso del suo ruolo nell’accogliere i piloti quando i talebani sono saliti al potere.

Il Tagikistan, che condivide un confine poroso di 835 miglia (1.345 chilometri) con l’Afghanistan, è uscito dai suoi vicini più concilianti e ha espresso apertamente le sue preoccupazioni per il nuovo governo talebano in Afghanistan.

“Il governo tagiko sta probabilmente giocando a questo per cercare di ottenere qualche vantaggio”, ha detto Strunsky. “Non c’è urgenza a livello locale, e Rahman probabilmente direbbe: abitiamo queste persone”.

Si ritiene che circa un quarto della popolazione afgana siano tagiki, sebbene non ci siano dati recenti di censimenti. Ma loro e altre minoranze etniche non sono rappresentate nel governo ad interim dei talebani, un punto che Rahman ha affermato pubblicamente.

“Imporre restrizioni a qualsiasi sistema politico a Kabul senza tenere conto della voce del popolo afghano, che è composto da razze diverse, potrebbe portare a gravi conseguenze negative”, ha affermato Rahmon l’agenzia di stampa russa Tass la scorsa settimana.

Il Tagikistan afferma di aver concesso asilo a più di 3.000 famiglie di rifugiati dall’Afghanistan, per un totale di 15.000 persone, negli ultimi 15 anni.

READ  La Lituania afferma che la Bielorussia sta spostando i migranti e prevede di costruire una barriera di confine اجز

Una fonte del governo tagiko che ha familiarità con la situazione ha accusato i ritardi nel rilascio dei visti da parte di Stati Uniti e Canada.

Niente telefoni, per sicurezza

Quando il governo tagiko ha confiscato i telefoni degli afgani, ha detto ai piloti che era per la loro sicurezza, spiegando che i talebani potevano tracciare i loro segnali quando chiamavano a casa.

Un funzionario tagiko ha raccontato al secondo pilota: “Non ti è permesso usare il telefono per la sicurezza della tua famiglia”.

La fonte del governo tagiko ha anche affermato che i telefoni degli afgani sono stati presi da loro in modo che la loro posizione esatta non potesse essere rintracciata.

Ma la disconnessione in larga misura dalle comunicazioni ha avuto un impatto psicologico. I piloti temono che le loro famiglie in Afghanistan saranno esposte alle rappresaglie dei talebani e, con la perdita della guerra, non hanno entrate per sostenerli.

Il secondo pilota racconta di aver visto persone vagare fuori dal sanatorio nel cuore della notte.

Ha detto: “Ogni volta che chiedo a qualcuno perché… (loro dicono): ‘Non mi sento a mio agio, penso alla mia famiglia.'”

L’infermiera americana, che possiede sia la cittadinanza americana che quella afgana, e il suo fidanzato hanno parlato di rado. Dopo il problema tecnico, quando la voce del pilota ha iniziato a ripetersi, si sono presi una pausa dalle chiamate per un po’.

L’infermiera sembrava esausta e frustrata per la mancanza di progressi dopo aver contattato gli uffici dei legislatori e dei funzionari governativi statunitensi.

“Ho contattato chiunque e tutti quelli che potevo”, ha detto. “Nessuno potrebbe aiutare.”

(Riferisce Phil Stewart). Segnalazione aggiuntiva di Nazarali Bernazarov a Dushanbe. Montaggio di Mary Milliken e Peter Cooney

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.