enero 28, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Enormi strutture «fossili» sono state rivelate in agguato ai margini della nostra galassia

Dal punto di vista della Terra in uno dei bracci a spirale della Via Lattea, è molto difficile ricostruire la struttura della nostra galassia.

Questo perché misurare la distanza di qualcosa nello spazio quando non si conosce la sua luminosità intrinseca è davvero difficile. Ci sono molte cose nella Via Lattea di cui non conosciamo la luminosità. Ciò significa che a volte possiamo perdere completamente di vista le strutture massicce che pensavamo di dover essere proprio sotto il nostro naso.

Una nuova serie di queste enormi strutture è stata ora rivelata nelle regioni esterne del disco della Via Lattea: enormi filamenti che orbitano attorno a una fonte poco chiara. Gli astronomi condurranno sondaggi di follow-up per cercare di risolvere il mistero.

La scoperta è avvenuta grazie al Gaia Space Observatory dell’Agenzia spaziale europea, un progetto per mappare la Via Lattea in tre dimensioni alla massima risoluzione fino ad oggi.

Gaia orbita attorno al sole con la Terra, in a orbita anulare Riguardo al punto lagrangiano tra il Sole e la Terra L2, che è una tasca di spazio gravitazionalmente stabile causata dalle interazioni tra i due corpi.

Da lì, studia attentamente le stelle nella Via Lattea per un lungo periodo, osservando come le posizioni delle stelle sembrano cambiare rispetto alle stelle lontane. Questo salva la vista, che può essere utilizzato per calcolare le distanze dalle stelle.

Anche se questo può essere fatto da qui sulla Terra, le influenze atmosferiche possono interferire con le misurazioni. Dalla sua posizione nello spazio, Gaia ha un vantaggio che ha utilizzato con grande vantaggio. Dalla sua pubblicazione nel 2013, i dati del telescopio spaziale hanno rivelato una serie di strutture e associazioni stellari di cui non avevamo idea.

READ  "Non sono affari tuoi", urla Thomas Massey al giornalista chiedendo se è stato vaccinato

Le nuove strutture sono state identificate da un team guidato dall’astronomo Chervin Laporte dell’Università di Barcellona in Spagna nei dati dell’ultima edizione, A dicembre dell’anno scorso, con Precisione di parallasse migliorata. Gli stessi dati hanno mostrato anche le strutture precedentemente note con una chiarezza molto più elevata di quanto abbiamo visto prima.

«Segnaliamo la scoperta di più filamenti nuovi, precedentemente sconosciuti, incorporati nel disco esterno in regioni altamente estinte», I ricercatori hanno scritto nel loro articolo.

«Alcune di queste strutture sono interpretate come materiale del disco esterno eccitato, espulso da impatti satellitari e attualmente in fase di miscelazione di fase («piume»). A causa della lunga scala temporale nelle regioni del disco esterno, queste strutture possono rimanere coerenti nello spazio di formazione sopra diversi miliardi di anni».

Questi filamenti in rotazione ai bordi della galassia non sono inaspettati. Secondo le simulazioni, le interazioni tra la Via Lattea e le sue galassie satellite possono produrre tali strutture. La Via Lattea ha uno sciame di satelliti attualmente in orbita (forse).

Ma c’è un problema: l’enorme numero di indizi che Laporte e colleghi hanno trovato ha sostituito quelli visti in tali simulazioni, il che significa che abbiamo bisogno di un’altra spiegazione.

Una possibilità è che i cavi siano resti di bracci di marea a spirale stimolati in tempi diversi dalle interazioni con i satelliti; In altre parole, fossili galattici.

Un’altra possibilità è che rappresentino i picchi di distorsioni del disco della Via Lattea avvenuti a causa di collisioni con altre galassie. La Via Lattea ha una storia di collisioni con altre galassie, che possono causare disturbi nel disco galattico, quindi non è un’ipotesi irragionevole.

READ  Il sole è una fonte potenzialmente sorprendente

I ricercatori ritengono che tali collisioni potrebbero inviare turbolenze che si diffondono attraverso il disco galattico come increspature su uno stagno.

Il prossimo passo sarebbe fare osservazioni di follow-up, per cercare di determinare quale di questi scenari è più probabile.

«Di solito questa regione della Via Lattea è rimasta poco esplorata a causa della polvere interferente che oscura fortemente la maggior parte del piano medio della galassia», Laporte ha detto.

«Mentre la polvere influisce sulla luminosità della stella, il suo movimento rimane inalterato. Eravamo certamente molto entusiasti di vedere che i dati sul movimento di Gaia ci hanno aiutato a rivelare queste strutture filamentose! Ora resta la sfida per determinare cosa sono esattamente questi oggetti, come sono diventati, perché in così gran numero.» e cosa può dirci sulla Via Lattea, la sua formazione ed evoluzione.»

La ricerca è stata pubblicata in Avvisi mensili della Royal Astronomical Society: Lettere.