agosto 14, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Dopo il colpo di stato in Nicaragua, le sanzioni statunitensi hanno visto l’America centrale spingere verso la Cina

Uno schermo che mostra filmati delle bandiere della Repubblica popolare cinese e della Repubblica del Nicaragua, a Pechino, Cina, 10 dicembre 2021. REUTERS/Tingshu Wang

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

(Reuters) – Una strisciante raffica di sanzioni statunitensi sui massimi funzionari centroamericani ha reso la Cina un partner attraente per i governi che si oppongono agli sforzi di Washington per contrastare la corruzione e lo sviamento democratico nella regione, hanno affermato funzionari e analisti.

Concentrati sulla tendenza di questa settimana quando Il Nicaragua ha riallacciato i rapporti con Pechinoe la rottura di una relazione di lunga data con l’alleato degli Stati Uniti Taiwan, che fa molto affidamento sul riconoscimento diplomatico delle nazioni più piccole.

Anche altri paesi della regione corteggiano la Cina. Il presidente salvadoregno Najib Bukele ha ratificato un nuovo accordo di cooperazione economica tra il suo paese e la Cina all’inizio di quest’anno dopo che Washington ha inserito i suoi stretti collaboratori in una lista nera di corruzione.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Bukele, che questa settimana ha accusato Washington di chiedere «sottomissione assoluta o bancarotta», ha celebrato a maggio che la Cina aveva investito 500 milioni di dollari in investimenti pubblici «senza vincoli».

La decisione del Nicaragua di abbracciare la Cina segue una serie di sanzioni contro gli aiutanti del presidente Daniel Ortega dopo essere stato rieletto per il quarto mandato consecutivo in una campagna impantanata negli arresti di importanti esponenti dell’opposizione.

Mentre il caso del Nicaragua è «unico» in America Centrale a causa del suo crescente autoritarismo, l’isolamento internazionale di Ortega ha avuto un ruolo a sua volta in Cina, secondo un alto funzionario degli Stati Uniti, che ha osservato:

READ  Dubai stabilisce il record mondiale per la piscina più profonda: NPR

«Con l’inasprimento delle sanzioni, stanno cercando altre strade e partner economici, c’è un elemento in questo».

La pressione degli Stati Uniti sui funzionari centroamericani spazia dalla revoca dei visti alle sanzioni del Tesoro, isolandoli efficacemente dal sistema bancario globale. Per El Salvador, Anche Washington si prepara a sporgere denuncia Contro due dei migliori alleati di Bukele.

R Evan Ellis, professore presso l’US War College, ha affermato che Pechino sta offrendo sollievo dalla pressione degli Stati Uniti, una strategia che in precedenza forniva ancora di salvezza economica ai leader isolati dall’Occidente in altre parti della regione, incluso il Venezuela.

«La Cina, nel perseguimento dei suoi interessi economici strategici, mantiene al potere i populisti autoritari, portando a una regione sempre meno democratica», ha affermato Ellis, un esperto dell’impegno della Cina con l’America Latina.

diplomazia del debito

Nel tentativo di respingere i progressi cinesi nella regione, i funzionari statunitensi hanno visto Pechino come un partner inaffidabile per le nazioni che cercano disperatamente di investire nel rafforzamento delle economie vacillanti.

Riferendosi agli investimenti della Cina nel mondo che gli Stati Uniti chiamano «diplomazia del debito», i funzionari statunitensi affermano che Pechino sta lasciando i paesi poveri impantanati nei debiti.

Pechino, che confuta tali accuse, afferma di trattare gli alleati come un partner alla pari e di non interferire nei loro affari interni, una prospettiva allettante per i leader in una regione in cui gli Stati Uniti hanno storicamente avuto un’influenza significativa.

Nonostante ciò, i leader aziendali in Guatemala, ad esempio, sono particolarmente preoccupati che la ricerca da parte degli Stati Uniti delle élite politiche per la corruzione spingerà i funzionari del governo verso alleati più tolleranti.

READ  La scomparsa dell'Apple Daily infligge un altro colpo alla reputazione malconcia di Hong Kongة

Tuttavia, il presidente guatemalteco Alejandro Giamatti, che non è stato invitato a un vertice americano sulla democrazia questa settimana, si è comunque recato a Washington e ha giurato fedeltà a Taiwan.

Anche in Honduras, il governo entrante del presidente eletto Chiyomara Castro si è impegnato a Taipei per il momento, stringendo stretti legami con Washington, nonostante la manipolazione pubblica di rivolgersi a Pechino durante la sua campagna.

Questo è stato accolto con favore dagli Stati Uniti, con l’alto funzionario americano che ha affermato che Washington è pronta Per fornire una «ondata» di aiuti per aiutare Castro Soddisfare la sua priorità per alleviare la cattiva situazione economica in Honduras.

Tuttavia, alcuni alleati di Castro, tra cui Rodolfo Pastor, un membro di spicco della sua squadra di transizione, affermano che il suo paese Dovrebbe mantenere aperte le sue opzioni sulla Cina, che nasconde la possibilità che l’Honduras riconosca Pechino in futuro.

«Sospetto che il prezzo che l’Honduras cercherà di strappare ai suoi sponsor taiwanesi in modo che non girino in modo esponenziale», ha detto Ellis dell’US Army War College, riferendosi al Nicaragua.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Matt Spitalnick a Washington, Gustavo Palencia a Tegucigalpa e Sarah Kinosian a San Salvador; Montaggio di Dave Graham e Daniel Wallis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.