septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Don Everly, il musicista di punta degli Everly Brothers, è morto all’età di 84 anni

Don Everly è morto, metà dei pionieri degli Everly Brothers le cui armoniose canzoni country rock hanno influenzato una generazione di rock ‘n’ roll. Aveva 84 anni.

Everly è morto sabato nella sua casa di Nashville, nel Tennessee, secondo il suo avvocato e portavoce della famiglia Linda Edel Howard. Suo fratello, Phil Everly, è morto nel gennaio 2014 all’età di 74 anni.

“Don ha vissuto secondo ciò che sentiva nel suo cuore”, ha detto la famiglia in una nota. “Don ha apprezzato la possibilità di vivere i suoi sogni… vivere innamorato della sua anima gemella e moglie Adela e condividere la musica che lo ha reso un fratello Everly. Don ha sempre espresso la sua gratitudine ai suoi fan”.

Alla fine degli anni ’50 e ’60, il duo Don e Phil ha attinto dalle proprie radici country con chitarre frastagliate e un’armonia alta e schifosa, mentre le loro canzoni toccanti, molte delle quali sono state eseguite dal team di Phyllis e Bodlow Bryant, incarnavano l’ansia dell’adolescente. ed energia. I loro primi 19 successi includevano “Bye Bye Love”, “Let It Be Me”, “All I Have to Do Is Dream” e “Wake Up Little Susie” e sono stati citati da artisti dai Beatles a Simon & Garfunkel come maggiori influencer.

Don Everly degli Everly Brothers è morto a Nashville, nel Tennessee, all’età di 84 anni.
(C Brandon/Redferns)

“Gli Everly Brothers sono parte integrante del tessuto della musica americana”, ha dichiarato Jerry Lee Lewis in una nota. “Con la scomparsa del mio amico Don, sto riflettendo… sto riflettendo su una vita piena di grandi amici, ottima musica e bei ricordi. C’è così tanto che posso dire su Don, cosa hanno significato lui e Phil a me come persone e come musicisti, ma ci penserò oggi”.

READ  Shanna Mockler critica le affermazioni dei bambini di essere una madre assente

Canzoni come “Bye Bye Love” e “Wake Up Little Susie” attraevano la generazione del boom del dopoguerra e la loro armonia apparentemente semplice nascondeva un significato maggiore tra i pop più leggeri dell’epoca.

Phil Everly ha detto che i due si sono lasciati durante un litigio nel 1973 dopo 16 anni di percosse, poi si sono incontrati nel 1983 e “lo hanno sigillato con un abbraccio”.

Sebbene i loro numeri record siano diminuiti alla fine degli anni ’80, hanno avuto tournée di successo negli Stati Uniti e in Europa.

Sono stati inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1986, lo stesso anno in cui hanno stabilito il record di successo country pop, “Born Yesterday”. Due anni prima, avevano colpito con la popolare canzone “On the Wings of a Nightingale” scritta da Paul McCartney.

“Come cantante, compositore e creatore di chitarre, Don Everly è stato uno degli artisti più talentuosi e influenti nella storia della musica popolare”, ha dichiarato Kyle Young, CEO della Country Music Hall of Fame and Museum. I due fratelli sono stati inseriti nella Country Music Hall of Fame nel 2001.

Don Everly è nato a Brownie, nel Kentucky, dai genitori Ike e Margaret Everly, che erano famosi cantanti di musica country e country. Nato dalla coppia di Chicago, Everlys si è trasferito da Brownie quando Ike si è stancato di lavorare nelle miniere di carbone.

I fratelli iniziarono a cantare musica country nel 1945 in un programma radiofonico per la loro famiglia a Shenandoah, Iowa.

La svolta della loro carriera arrivò quando si trasferirono a Nashville a metà degli anni ’50 e firmarono un contratto discografico con la società Cadence Records di New York.

READ  Sondaggio: Principe Harry, il voto di 'preferenza' di Meghan Markle scende al minimo storico

La loro rottura è arrivata in grande stile durante un concerto alla Knott’s Berry Farm in California. Phil Everly gettò a terra la sua chitarra e corse via, spingendo Don Everly a dire alla folla: “Gli Everly Brothers sono morti 10 anni fa”.

I disaccordi tra i fratelli hanno raggiunto la corte, quando Don Everly ha fatto causa agli eredi di Phil Everly nel 2017 per il copyright di tre delle loro canzoni, tra cui “Kathy Clown”. Il caso è arrivato fino al Sesto Circuito della Corte d’Appello.

Ma dopo la morte di Phil nel 2014, Don ha detto di aver sentito un messaggio spirituale da suo fratello prima della sua morte.

“Il nostro amore è stato e sarà sempre più profondo di qualsiasi differenza terrena che possiamo avere”, ha detto Don Everly in una dichiarazione nel 2014.

Mentre erano separati l’uno dall’altro, hanno perseguito carriere soliste nel canto con scarso successo. Phil è apparso anche nel film del 1978 Clint Eastwood, Every Way but loose. Don ha registrato alcune registrazioni con gli amici a Nashville, ha suonato nei locali notturni locali, ha suonato la chitarra e ha cantato come cori durante le sessioni di registrazione.

Don Everly ha detto in un’intervista all’Associated Press del 1986 che lui e suo fratello ci sono riusciti perché “non abbiamo mai seguito le tendenze. Abbiamo fatto ciò che amavamo e abbiamo seguito il nostro istinto. Il rock ‘n’ roll è sopravvissuto e avevamo ragione. Sopravvivenza, e noi avevano ragione.” Quello. Puoi mischiare i due, ma la gente ha detto che non possiamo.”

Decenni dopo, la sua influenza sulla musica popolare è ancora evidente. Nel 2013, Billie Joe Armstrong e Norah Jones dei Green Day hanno pubblicato un amorevole tributo agli Everly nel loro album collaborativo “Foreverly”.

READ  I piatti di Ringo Starr nell'era dei Beatles preferiti per il suo 81° compleanno