enero 19, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Djokovic agli arresti in attesa di appello: NPR

Novak Djokovic siede nel retro di un’auto mentre arriva in un hotel di detenzione per immigrati a Melbourne, in Australia, sabato 15 gennaio 2022.

AP


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

AP

Novak Djokovic siede nel retro di un’auto mentre arriva in un hotel di detenzione per immigrati a Melbourne, in Australia, sabato 15 gennaio 2022.

AP

MELBOURNE, Australia – È stato riferito che Novak Djokovic è tornato in detenzione per immigrati sabato dopo che la sua sfida legale per evitare l’espulsione dall’Australia per non essere stato vaccinato contro il COVID-19 è stata portata a un tribunale superiore.

Un’udienza presso la corte federale era prevista per domenica, un giorno prima che il tennista maschile e nove volte campione dell’Australian Open iniziasse a difendere il suo titolo nel primo grande torneo di tennis dell’anno.

La polizia ha chiuso una corsia dietro l’edificio dove alloggiano gli avvocati di Djokovic e due auto hanno lasciato l’edificio sabato pomeriggio, ora locale. In una clip televisiva, Djokovic è stato visto indossare una maschera sul retro di un’auto vicino a un hotel di detenzione per immigrati.

L’Australian Associated Press ha riferito che Djokovic è tornato in detenzione. Ha trascorso quattro notti rinchiuso in un hotel vicino al centro di Melbourne prima di essere rilasciato lunedì scorso quando ha vinto un ricorso procedurale contro la revoca del suo primo visto d’ingresso.

Venerdì il ministro dell’Immigrazione Alex Hawk ha bloccato il visto del 34enne, originariamente revocato quando è atterrato all’aeroporto di Melbourne il 5 gennaio.

La deportazione dall’Australia può comportare un divieto di tre anni di ritorno nel paese, anche se questo può essere revocato, a seconda delle circostanze.

Djokovic ha ammesso che il suo permesso di viaggio non era corretto poiché non ha indicato di essere stato in diversi paesi nelle due settimane prima del suo arrivo in Australia.

Ma le informazioni di viaggio errate non sono il motivo per cui Hook ha deciso che l’espulsione di Djokovic fosse nell’interesse pubblico.

Sabato i suoi avvocati hanno presentato documenti in tribunale che hanno rivelato che Hook aveva affermato che «alcuni vedono Djokovic come la mascotte di una società con un sentimento anti-vaccinazione».

L’Australia è una delle popolazioni più immunizzate al mondo, con l’89% delle persone di età pari o superiore a 16 anni completamente vaccinate contro il COVID-19.

Ma il ministro ha affermato che la presenza di Djokovic in Australia potrebbe rappresentare un rischio per la salute e la sicurezza del pubblico australiano. Il ministro ha affermato che la sua presenza «potrebbe ritorcersi contro gli sforzi di vaccinazione di altri in Australia».

Il Dipartimento della Salute ha informato che Djokovic aveva un rischio «basso» di trasmettere COVID-19 e un rischio «molto basso» di trasmettere la malattia all’Australian Open.

Il ministro ha citato i commenti fatti da Djokovic nell’aprile 2020, prima che il vaccino COVID-19 fosse disponibile, come «vaccinazione contraria».

Djokovic aveva «in precedenza dichiarato di non volere che qualcuno lo costringesse a prendere un vaccino» per competere nei tornei.

Nelle ragioni della cancellazione del visto di Djokovic, il ministro ha scritto che le prove «dimostrano che ha espresso pubblicamente sentimenti contrari alla vaccinazione».

Gli avvocati di Djokovic affermano che il ministro non ha citato alcuna prova che la presenza di Djokovic in Australia potrebbe «rafforzare il sentimento anti-vaccinazione».

Djokovic sarà autorizzato ad uscire dalla sua prenotazione in hotel domenica per visitare gli uffici dei suoi avvocati per una sessione in video corte.

Sabato, il giudice David O’Callaghan ha suggerito che dovrebbe esserci un giudice completo piuttosto che un giudice unico che esaminerà il caso domenica. Un sostituto completo è composto da tre o cinque giudici.

Avere un seggio pieno significa che qualsiasi decisione sarà meno soggetta a ricorso. L’unica via d’appello è presso la Corte Suprema e non vi sarà alcuna garanzia che tale corte accetterà anche di esaminare un tale ricorso.

L’avvocato di Djokovic, Paul Holdenson, ha optato per un seggio a pieno titolo, mentre l’avvocato di Hook, Stephen Lloyd, ha preferito un giudice unico.

READ  Il Myanmar isolato chiede aiuto internazionale mentre aumentano i casi di coronavirus

Gli osservatori legali sospettano che Lloyd voglia mantenere aperta l’opzione per un altro ricorso alla corte federale perché crede che il ministro possa portare un caso più forte senza affrettarsi a raggiungere una sentenza prima di lunedì.

Il presidente della Corte Suprema James Olsop deciderà il numero di giudici per esaminare il caso.

Sabato, il caso è stato depositato dal Circuito Federale e dal Tribunale della Famiglia al Tribunale Federale. Ma il numero di giudici che ascolteranno il caso alle 9:30 di domenica deve ancora essere determinato.

Djokovic ha vinto gli ultimi tre tornei in Australia, parte dei suoi 20 tornei del Grande Slam. È legato a Rafael Nadal e Roger Federer il più delle volte da un uomo nella storia.

In un post sui social media di mercoledì che rappresentava il suo commento pubblico più completo sull’episodio, Djokovic ha incolpato il suo agente per aver selezionato la casella sbagliata sul modulo, definendolo un «errore umano e certamente non intenzionale».

Nello stesso post, Djokovic ha dichiarato di essere andato avanti per rilasciare un’intervista e scattare una foto con un quotidiano francese in Serbia nonostante sapesse di essere risultato positivo al COVID-19 due giorni fa. Djokovic ha cercato di utilizzare quello che dice essere un test positivo effettuato il 16 dicembre per giustificare un’esenzione medica che gli consentirebbe di aggirare la domanda di vaccino sulla base del fatto che ha già il COVID-19.

Nel revocare il visto a Djokovic, Hook ha affermato che il governo del primo ministro Scott Morrison era «fortemente impegnato a proteggere i confini dell’Australia, in particolare in relazione alla pandemia di COVID-19».

Lo stesso Morrison ha accolto con favore il trasferimento in sospeso di Djokovic. L’incidente ha colpito un nervo scoperto in Australia, in particolare a Victoria, dove la gente del posto ha attraversato centinaia di giorni di blocco durante il peggio della pandemia.

L’Australia sta affrontando un massiccio aumento dei casi di virus guidato da una variante dell’Omicron altamente trasmissibile. Venerdì, il paese ha segnalato 130.000 nuovi casi, di cui quasi 35.000 nel Victoria. Sebbene molte persone infette non si ammalino come nei focolai precedenti, l’aumento mette ancora a dura prova il sistema sanitario, con oltre 4.400 persone ricoverate in ospedale. Ha anche interrotto i luoghi di lavoro e le catene di approvvigionamento.

READ  Il presidente sudcoreano Moon ha detto che è ora di prendere in considerazione il divieto di mangiare carne di cane

«Questa pandemia è stata molto difficile per ogni australiano, ma siamo rimasti uniti e abbiamo salvato vite e mezzi di sussistenza. … Gli australiani hanno fatto molti sacrifici durante questa pandemia e giustamente si aspettano che il risultato di quei sacrifici sia protetto», ha detto Morrison . Venerdì. Ed è ciò che il ministro sta facendo oggi nel compiere questa azione”.

I sostenitori di Djokovic in Serbia si sono risentiti per la cancellazione dei visti.

Tutti gli Australian Open, inclusi giocatori, squadre di supporto e spettatori, dovrebbero essere vaccinati. Djokovic non è stato vaccinato.

La sua esenzione è stata approvata dal governo statale di Victoria e Tennis Australia, apparentemente permettendogli di ottenere un visto per viaggiare. Ma l’Australian Border Force ha rifiutato l’esenzione e ha annullato il suo visto quando è arrivato nel Paese.

Djokovic ha trascorso quattro notti in un hotel di detenzione per immigrati prima che il giudice annullasse la decisione. Questa disposizione gli ha permesso di muoversi liberamente in tutta l’Australia e ha esercitato quotidianamente a Melbourne Park.

«La situazione non è buona per nessuno», ha detto Andy Murray, tre volte campione del Grande Slam e cinque volte secondo agli Australian Open. «Sembra che sia stato rimandato per molto tempo ormai.»

Secondo le regole del Grande Slam, se Djokovic è costretto a ritirarsi dal torneo prima che venga annunciato l’ordine di gioco della prima giornata, il n. 5 Andrei Rublev si sposterà al posto di Djokovic tra parentesi.

Se Djokovic si ritira dal torneo dopo la pubblicazione del programma di lunedì, sarà sostituito in campo da quello che è noto come un «perdente fortunato»: un giocatore che perde in un torneo di qualificazione ma entra nel tabellone principale perché un altro giocatore è eliminato prima la competizione è iniziata.

E se Djokovic gioca una partita – o più – e poi gli viene detto che non può più giocare nel torneo, il suo prossimo avversario passerà semplicemente al turno successivo e non ci sarà alcun sostituto.

___

Altro AP Tennis: https://apnews.com/hub/tennis e https://twitter.com/AP_Sports