enero 21, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Dirigente srilankese ucciso da una folla di operai in una fabbrica pakistana

LAHORE, Pakistan (3 dicembre) (Reuters) – Venerdì una folla di dipendenti di una fabbrica nel Pakistan orientale ha torturato e bruciato un manager dello Sri Lanka per quello che sembrava essere blasfemia in un «orribile» attacco che secondo il primo ministro pakistano Imran Khan ha portato vergogna a Paese.

Un funzionario di polizia nella città orientale di Sialkot, che ha parlato a condizione di anonimato a causa della delicatezza del caso, ha affermato che gli investigatori ritengono che gli aggressori abbiano accusato il direttore di blasfemia per aver strappato un poster con versi sacri.

«Gli operai della fabbrica hanno torturato il manager», ha detto il portavoce del governo locale Hassan Khawar. Finora sono state identificate e arrestate un totale di 50 persone”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Khan ha condannato l’omicidio e ha detto che stava supervisionando personalmente le indagini e che i colpevoli sarebbero stati puniti.

«L’orribile attacco a una fabbrica a Sialkot e l’incendio di un manager dello Sri Lanka vivo è un giorno di vergogna per il Pakistan», ha detto in un messaggio su Twitter.

I filmati televisivi hanno mostrato folle di centinaia di persone per le strade di Sialkot, nel cuore della regione industriale più densa del Pakistan, dove ha sede la maggior parte dell’industria di esportazione del paese.

La gente si riunisce dopo un attacco a una fabbrica a Sialkot, in Pakistan, il 3 dicembre 2021, in uno screenshot tratto da un video. Reuters TV via Reuters Questa immagine è stata fornita da una terza parte.

READ  Al via le prime elezioni "solo patriottiche" di Hong Kong

Anche il potente esercito pakistano ha rilasciato una dichiarazione di condanna dell'»omicidio a sangue freddo», sottolineando lo shock per l’establishment politico.

«Tale vigilanza giudiziaria aggiuntiva non può essere tollerata ad alcun costo», ha affermato l’ala stampa dell’esercito, aggiungendo che il capo di stato maggiore dell’esercito aveva ordinato il pieno sostegno all’amministrazione civile per assicurare i responsabili alla giustizia.

Un portavoce della polizia del Punjab ha affermato che più di 100 persone sono state arrestate, incluso il principale sospettato, che ha affermato di essere stato visto nei video in cui torturava il regista dello Sri Lanka e incitava le persone contro di lui.

Le uccisioni di massa per accuse di blasfemia – un crimine che può portare alla pena di morte – sono state frequenti nel Pakistan a maggioranza musulmana.

L’omicidio di venerdì è avvenuto poche settimane dopo le violente proteste del movimento estremista Pakistan Tehreek-e-Labaik, un gruppo sunnita fondato nel 2015 per contrastare azioni che considera blasfeme nei confronti dell’Islam.

Tahir Ashrafi, consigliere di Khan per l’armonia interreligiosa, ha denunciato gli assassini in una dichiarazione video registrata diffusa sui social media.

«È un atto barbaro che va contro gli insegnamenti dell’Islam», ha detto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

(Copertina) Di Mubasher Al-Bukhari a Lahore Scritto da James Mackenzie Montaggio di Peter Graf, Nick McPhee e Matthew Lewis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.