septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Dentro le gravi conseguenze degli errori spaziali della Russia

Una capsula spaziale con un buco. Un missile che è fallito a un’altitudine di 31 miglia sopra la superficie terrestre. Laboratorio orbitale con propulsori errati.

Questa è la breve lista degli incidenti più tragici che hanno coinvolto Stazione Spaziale Internazionale Negli ultimi tre anni. Le insidie ​​hanno una cosa in comune: coinvolgono tutte navicella spaziale russa Raggiungi la stazione o le unità della stazione che sono arrivate di recente o sono già collegate alla Terra.

C’è stato un tempo, 60 anni fa, in cui l’Unione Sovietica era il leader mondiale indiscusso nello spazio. L’URSS aveva le prime sonde spaziali, la navicella spaziale con equipaggio più innovativa e i cosmonauti più fortunati: i “cosmonauti”.

Oggi l’Unione Sovietica non esiste più. La Russia ha ereditato la maggior parte della vecchia infrastruttura spaziale sovietica, inclusa quella che è diventata l’agenzia spaziale Roscosmos, ma Mosca ha faticato a mantenerla.

Lungi dall’essere un pioniere nello spazio, hanno detto molti esperti a The Daily Beast, sta rapidamente diventando un peso.

Questo ha gravi ripercussioni non solo per una Russia sempre più isolata e militarizzata, ma anche per tutti i Paesi che operano Insieme a La Russia è in orbita, soprattutto a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Gli Stati Uniti, ad esempio, potrebbero eliminare Roscosmos poiché organizza nuove ambiziose missioni con equipaggio sulla Luna e forse su Marte.

I russi “hanno un record peggiore di qualsiasi altra grande potenza spaziale”, ha detto al Daily Beast David Burbach, esperto di spazio presso l’US War College nel Rhode Island. “La Cina ha fatto atterrare un rover su Marte al suo primo tentativo, mentre ogni tentativo russo di raggiungere Marte dal 1990 è fallito”.

Ogni anno che passa, la NASA ha più opzioni per partnership spaziali produttive e sicure. Con ogni anno che passa, hai bisogno – e puoi fidarti – di sempre meno Roscosmos.

“La concorrenza sta diventando molto più forte – SpaceX, ma anche altre società occidentali e i missili avanzati della Cina – e sembra probabile che la Russia continuerà a perdere quote di mercato se non riuscirà a migliorare il suo prodotto”, ha affermato Burbach.

Si può dire che il più recente disastro spaziale russo sia il più drammatico. Il 29 luglio, un razzo russo Proton è decollato dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan, un nuovo laboratorio scientifico ad esso collegato.

Il tanto atteso Laboratorio Nauka – un termine russo per “scienza” – è stato saldamente collegato alla Stazione Spaziale Internazionale. Per un po’, tutto sembrava andare bene a bordo della stazione di 22 anni, che attualmente ha sette membri dell’equipaggio: tre americani, due russi e un membro ciascuno delle agenzie spaziali europea e giapponese.

In generale, gli astronauti della NASA comandano la Stazione Spaziale Internazionale e conducono esperimenti scientifici. I visitatori europei e giapponesi sono solitamente studiosi. Nel frattempo, Roscosmos invia astronauti esperti per la manutenzione dell’hardware della stazione.

Ci sono in realtà due “vite” separate sulla Stazione Spaziale Internazionale. Uno per i russi. Un altro per tutti.

Poche ore dopo l’attracco della scorsa settimana, il Nauka improvvisamente – e completamente da solo – ha lanciato i suoi missili manovrabili. Il malfunzionamento ha causato la rotazione della stazione di 356 piedi sul proprio asse, a 250 miglia sopra la Terra. Gli osservatori della NASA a terra a Houston non erano in grado di intervenire. Solo i controllori in Russia avevano accesso ai telecomandi Nauka.

READ  Le prime immagini della sonda cinese su Marte potrebbero richiedere del tempo per raggiungere la Terra

Ma il collegamento radio richiede una linea di vista diretta. Trascorse mezz’ora prima che l’orbita della Stazione Spaziale Internazionale prendesse il controllo della Russia e Roscosmos potesse spegnere i propulsori. “Sì!” cinguettare Zebulon Scoville, il manager di volo di Houston. “Quale… quello. Era. Giorno.”

La NASA inizialmente annunciò che la Stazione Spaziale Internazionale stava ruotando solo di 45 gradi prima che i russi riprendessero il controllo. Cinque giorni dopo, la NASA ammetti che è stato un errore. Infatti, durante la sua rotazione di mezz’ora, la sottile stazione — adornata con moduli, pannelli solari e radiatori con sfiato del calore — ha ruotato di 540 gradi, ruotando in sostanza una volta e mezza.

Per riportare la stazione alla normalità, la NASA ha fatto funzionare i propulsori per un altro mezzo ciclo. “La stazione è in buone condizioni e funziona normalmente”, la NASA cinguettare. L’agenzia spaziale non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

NASA Raccontare Space.com L’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale non è mai stato in pericolo. Ma Scoville cinguettare che non è mai stato “molto felice di vedere tutti gli array e i radiatori solari ancora collegati”.

La Stazione Spaziale Internazionale potrebbe non essere stata in pericolo di disintegrazione. Ma la NASA e Roscosmos sono fortunate che la stazione non abbia subito danni gravi e costosi ai sistemi vitali. Roscosmos non ha risposto a una richiesta di commento.

Peggio ancora, l’incidente di luglio è solo l’ultimo fiasco di Roscosmos. La cosa più famosa è che nell’agosto 2018, la capsula russa Soyuz, che aiuta a trasportare persone e rifornimenti alla stazione, è sfuggita in qualche modo all’attenzione dei controlli di qualità di Roscosmos e ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale. Ha un foro di 2 mm di diametro.

Una volta attraccata alla Stazione Spaziale Internazionale, la navicella Soyuz ha iniziato a condividere l’atmosfera respirabile della Stazione Spaziale Internazionale… e lentamente ha iniziato a sfiatare quell’atmosfera nello spazio.

I monitor di Houston e Mosca alla fine hanno notato la bassa pressione dell’aria e hanno inviato gli equipaggi della stazione a cercare la fonte. L’equipaggio ha corretto la capsula e l’ha riportata sulla Terra.

Le ispezioni hanno rivelato dettagli agghiaccianti. “Ci sono stati diversi tentativi di scavo”, ha affermato Dmitry Rogozin, il controverso capo dell’agenzia spaziale Roscosmos, Lei disse Nei commenti televisivi. “Cos’è questo: un difetto di produzione o un atto deliberato?”

Una Soyuz separata è stata impegnata in un’altra chiamata due mesi dopo. Un sensore nel razzo ha avuto un malfunzionamento, spingendo due membri dell’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale – un americano e un russo – verso la stazione. Il missile è fallito. La capsula contenente i passeggeri è stata espulsa a un’altitudine di 31 miglia e paracadutata in sicurezza in Kazakistan.

Un anno dopo, Roscosmos ha completato la sua indagine sul buco nella prima Soyuz. Ma i russi si sono rifiutati di rivelare pubblicamente ciò che hanno scoperto. Rogozin: “Sappiamo esattamente cosa è successo, ma non vi diremo nulla” Ha detto A una conferenza scientifica per bambini a settembre 2019.

READ  La missione NASA e Boeing Starliner verso la Stazione Spaziale Internazionale è di nuovo in ritardo, lancio incerto

Nel frattempo, la NASA e Roscosmos hanno rilevato un’altra lenta perdita d’aria a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Gli sforzi dell’equipaggio alla fine del 2020 hanno ristretto il sito della perdita a, avete indovinato, una delle due unità di fabbricazione russa.

Se percepisci una tendenza, non ti sbagli.

Se correttamente assemblata e utilizzata, la Soyuz è forse la navicella spaziale più sicura mai costruita. Ma non è difficile concludere che non ci si può fidare di Roscosmos per costruire e far funzionare il veicolo conico.

Per quanto riguarda i nuovi dispositivi spaziali russi come il Nauka… spesso non sono progettati o costruiti male e Cattiva corsa. “Il modello di scarso controllo di qualità nel nuovo hardware nel programma spaziale russo esiste da molti anni”, ha detto al Daily Beast John Logsdon, professore emerito allo Space Policy Institute della George Washington University.

Per essere chiari, il viaggio nello spazio è difficile e rischioso. La NASA lo sa fin troppo bene. La navetta spaziale, che la NASA ha spento nel 2011, era in realtà la navicella spaziale più pericolosa Sempre. Due massicci e fragili incidenti spaziali nel 1986 e nel 2003 sono stati responsabili di 14 dei 19 decessi verificatisi durante le missioni spaziali dal 1961.

Le agenzie spaziali del mondo stanno attente a evitare di aggiungere altro a questo triste numero, il che aiuta a spiegare perché le relazioni tra la NASA e Roscosmos si sono raffreddate.

I russi avevano una buona reputazione per la costruzione di tecnologie spaziali antiquate ma durevoli e sicure. Oggi questa tecnologia è a dir poco antiquata – la capsula Soyuz è in uso dal 1966 – ma gran parte di essa sembra anche meno sicura.

Pavel Luzhin, un esperto indipendente del programma militare e spaziale della Russia, ha una teoria. “C’è un enorme problema con il capitale umano”, ha detto a The Daily Beast. “La maggior parte delle persone che hanno lavorato durante l’era sovietica e nei primi tempi post-sovietici e sapevano come funzionavano davvero le tecnologie sovietiche – con tutti i loro difetti – sono in pensione”.

“Le nuove generazioni di ingegneri e lavoratori soffrono del turnover dei dipendenti”, ha aggiunto. I giovani professionisti preferiscono non rimanere a lungo nell’industria spaziale russa a causa dell’eccessiva regolamentazione e dei bassi salari. Anche se agiscono secondo tutte le istruzioni, non conoscono le insidie”.

La mancanza di denaro è il filo velenoso che intreccia i problemi di Roscosmos. Nel decennio tra il ritiro della navetta spaziale e l’introduzione di nuove capsule statunitensi, Roscosmos ha guadagnato miliardi di dollari noleggiando voli per la Stazione Spaziale Internazionale su capsule Soyuz.

L’importanza di questi contratti di locazione smentiva i problemi di finanziamento del programma spaziale russo. “Dalla caduta dell’Unione Sovietica, il programma spaziale russo è stato cronicamente sottofinanziato”, ha detto al Daily Beast Chris Impey, astronomo dell’Università dell’Arizona.

È anche possibile che Roscosmos, e in particolare Rogozin, siano un po’ distratti. Dai film, da tutto.

READ  Il rover Curiosity trova chiazze cancellate di tronchi di roccia, rivelando indizi

Con una mossa a sorpresa nel maggio 2020, la NASA ha annunciato un piano per inviare l’attore Tom Cruise e il regista Doug Lyman alla Stazione Spaziale Internazionale per girare un film. “Abbiamo bisogno di media popolari per ispirare una nuova generazione di ingegneri e scienziati”, cinguettare Jim Bridenstine, all’epoca amministratore della NASA.

Ma i russi Determinato ad arrivare prima con il loro film. Poco dopo l’annuncio di Bridenstine, Rogozin ha ideato il suo piano per inviare l’attrice Yulia Peresild e il regista Klim Shipenko alla Stazione Spaziale Internazionale per girare un thriller che Rogozin sta coproducendo.

La produzione dovrebbe iniziare a ottobre, poco prima dell’arrivo di Cruise e Lehman. L’obiettivo di Rogozin di fare un film nello spazio, e farlo per primo, è stata l’ultima goccia per Sergei Krikalev, un famoso ex cosmonauta che ha lavorato sotto Rogozin a Roscosmos ma ha contestato le ambizioni cinematografiche del suo capo.

Così Rogozin lo ha retrocesso, per me Giornale quotidiano Novaya Gazeta. Se Rogozin è preoccupato per la sicurezza e l’affidabilità della sua navicella spaziale, di certo non lo sta dimostrando. Ma se i rapporti sono accurati, non è timido nel punire gli avversari.

La NASA ha bisogno di Roscosmos sulla Stazione Spaziale Internazionale. I russi in realtà possiedono metà della stazione e forniscono ancora servizi vitali all’altra metà. Ma la Stazione Spaziale Internazionale non durerà per sempre. amministrazione Biden Vuole estendere la stazione di invecchiamento Fino al 2030 prima di essere consegnata a operatori privati.

Successivamente, la NASA prevede di rivolgere la sua attenzione a una nuova stazione, la Lunar Gateway, che volerà intorno alla Luna in un’ampia orbita che le consentirà di supportare una nuova generazione di esploratori lunari e fungere da base di partenza per una possibile missione futura verso Marte.

La NASA sta reclutando le solite agenzie spaziali straniere per dare una mano con il Lunar Gateway, con una grande potenziale eccezione. Sembra probabile che Roscosmos non sarà a bordo.

Non è che alla NASA non piaccia continuare a lavorare con i russi, a parità di condizioni. È una delle rare regioni in cui Washington e Mosca non competono. “Siamo partner nello spazio e non voglio che questo finisca”, l’amministratore della NASA Bill Nelson Lei disse Dopo l’incontro di giugno con Rogozin.

Ma il triste stato delle cose nell’Agenzia russa e il rifiuto di Rogozin di ammettere che c’erano problemi e di risolverli, potrebbero costringere Nelson a farlo. “Portare avanti la partnership suggerisce che non durerà per gli anni a venire”, ha detto Logsdon.

E anche se i russi si unissero alla stazione lunare, non ne occuperebbero la metà come farebbero sulla Stazione Spaziale Internazionale. “Se l’hardware russo è inaffidabile, o addirittura sicuro, probabilmente ridurrà la loro influenza”, ha affermato Burbach.

Non solo le relazioni USA-Russia si stanno erodendo mentre la Russia sprofonda nell’autoritarismo, invadendo i suoi vicini e interferendo nelle elezioni straniere. Per gli Stati Uniti, il disaccoppiamento dalla Russia nello spazio è anche una questione di sicurezza.