septiembre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Delta ha distrutto le difese di Australia e Cina. Questo significa la fine della strategia zero-Covid?

Per alcuni è difficile capire perché la regione Asia-Pacifico sia stata colpita così duramente. Molti paesi dell’Asia del Pacifico si sono trasformati in stati eremiti, chiudendo le frontiere a quasi tutti gli stranieri, imponendo rigide misure di quarantena agli arrivi e introducendo rigide politiche di test e tracciabilità per catturare tutti i casi che oltrepassano le loro difese. Hanno vissuto con regole di frontiera così rigide che i casi possono essere ridotti a zero e le persone sono al sicuro.

E ha funzionato, fino a quando la variante delta altamente contagiosa ha preso piede.

Ora, nuovi focolai stanno mettendo in discussione la strategia zero-Covid favorita da Cina e Australia e innescano un dibattito più ampio sulla sostenibilità di questo approccio.

Nell’hotspot di Covid in Australia, il Nuovo Galles del Sud – lo stato che include Sydney – le autorità hanno detto che è arrivato un 50% Il tasso di vaccinazione potrebbe essere sufficiente per iniziare ad allentare il rigoroso blocco del paese, un passaggio dai precedenti tentativi del paese di ridurre i casi a zero.

In Cina, dove pochi casi possono richiedere test di massa, un numero crescente di esperti di salute pubblica ora preferisce un approccio di mitigazione, piuttosto che un approccio a tolleranza zero, secondo Huang Yanzhong, senior fellow per la salute globale presso il Council on Foreign Relations. .

Gli esperti affermano che il passaggio da un approccio zero-Covid è quello che altre regioni fortificate come la Nuova Zelanda e Hong Kong hanno maggiori probabilità di fare: non possono rimanere isolate dal mondo per sempre. Hong Kong confermato circa 12000 Casi dall’inizio dell’epidemia, mentre la Nuova Zelanda ha confermato Poco più di 2880 Casi – e al momento non ci sono casi locali confermati, secondo lei speciale per autorità.

Lo ha affermato Karen Gribban, professore associato presso la School of Public Health dell’Università di Hong Kong. “La scelta ora è: quando vuoi iniziare a lasciare che le persone muoiano? Non sarà una transizione perfetta, ci saranno parti della popolazione che otterranno questo e moriranno”.

Cina e Australia hanno adottato l’approccio giusto?

Mentre il Covid-19 è dilagante in Europa e negli Stati Uniti, paesi come la Cina e l’Australia hanno adottato un approccio di smaltimento: volevano Non ci sono casi locali di Covid-19.
C’era qualche costo coinvolto. Paesi dipendenti dal turismo come la Nuova Zelanda e le Isole del Pacifico, ad esempio, hanno sperimentato Le industrie dei viaggi stanno subendo un enorme successo. migliaia di australiani Nessun ritorno a causa di voli limitati e spazi di quarantena – e gli australiani non possono viaggiare all’estero senza Visa.
Ma c’era anche un enorme vantaggio. Cina e Australia non hanno mai sperimentato le stesse epidemie catastrofiche che hanno colpito gli Stati Uniti e il Regno Unito. Anche poche settimane fa, la vita era tornata più o meno alla normalità, poiché le persone si stavano radunando per questo Festival di musica e Eventi sportivi.

“I paesi dell’Asia-Pacifico, nel complesso, hanno avuto un anno e mezzo di incredibile successo nella risposta al Covid”, ha affermato Griban. “Sarebbe molto difficile dire che le strategie adottate in questa regione non sono state buone”.

Dale Fisher, professore di malattie infettive presso il National University Hospital di Singapore, ha affermato che le strategie di Australia e Cina si concentrano sulla chiusura di confini ristretti e sul monitoraggio rapido di eventuali casi trapelati attraverso test di massa. Ma questi metodi sono stati severamente contestati da Delta, che si stima sia trasferibile quanto Vaioloe tra 60% e 200% Più contagioso del ceppo originale identificato per la prima volta a Wuhan.

“Penso che (Cina e Australia) abbiano esagerato l’integrità dei loro confini”, ha detto Fisher. “Forse non era un grosso problema nella versione Wuhan. Ma poi ottieni qualcosa di più trasmissibile, e quindi qualsiasi violazione viene esposta”.

READ  Le inondazioni in Europa hanno ucciso decine di persone, ma nessuno nei Paesi Bassi. Ecco perché

Una volta che Delta è arrivata in Australia, ha messo in luce un grave difetto nella strategia del paese: la lenta implementazione di un vaccino. Quando altri paesi hanno lanciato freneticamente i vaccini all’inizio di quest’anno, il leader australiano non sembrava avere fretta.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha dichiarato: “Abbiamo… un posto in prima fila quando il vaccino verrà lanciato in molti altri paesi in cui hanno dovuto (distribuire) a causa della loro urgente situazione di crisi”. Lei disse a marzo. “Le lezioni che ne derivano sono state prese in considerazione”.
Solo da domenica 17% Dei 25 milioni di persone completamente vaccinate in Australia – molto meno del 58% o del 50% nel Regno Unito negli Stati Uniti – il che significa che c’è poca immunità nella comunità per fermare la diffusione di Delta.

“(È stato) un enorme errore”, ha detto Alexandra Martiniuk, professoressa presso la School of Public Health dell’Università di Sydney. “Quindi siamo bloccati in questa situazione (in Australia) dove ci sono pochissime persone vaccinate e una variante molto pericolosa”.

L’approccio zero-Covid può funzionare?

Le autorità cinesi hanno Serraggio delle viti sul trasporto interno Ha lanciato test di massa dopo aver scoperto più di 300 casi in più di due dozzine di città in tutto il paese. Sono strategie che sono familiari in Cina e probabilmente funzioneranno di nuovo, ha affermato Ben Cowling, professore di epidemiologia delle malattie infettive presso l’Università di Hong Kong.

“Per questa epidemia, penso che scenderà a zero abbastanza presto, ma illustra i rischi di Covid che sono ancora nella strategia zero Covid”, ha affermato Colling. “Questo non sarà l’ultimo focolaio – ci saranno più focolai nei prossimi mesi”.

READ  La Germania potrebbe allentare le restrizioni di viaggio con l'arrivo della versione Delta

Per mesi la strategia di Zero Covid ha funzionato bene. Mentre altri paesi sono alle prese con sistemi sanitari sovraccarichi e numeri di morti elevati, Cina e Australia hanno riportato rispettivamente solo 4.848 e 939 decessi. Ciò ha permesso loro di riprendere le loro normali vite all’interno dei loro confini, il che significava che le loro economie sono state meno colpite.

A lungo termine, però, molti esperti ritengono che la strategia zero Covid non sia sostenibile. Alla fine, tutti i paesi vorranno aprirsi di nuovo al mondo e, quando lo faranno, potrebbe essere necessario accettare la possibilità che alcune persone si ammaleranno, un cambiamento difficile nelle nazioni dell’Asia-Pacifico abituate a tenere completamente fuori il virus .

“A meno che tu non sia pronto a isolarti dalla società per sempre, troverai Covid nel tuo paese. Quindi è una questione di quando la lasci entrare, quando vivi con lei”, ha detto Fisher.

Questo cambiamento può essere politicamente duro.

In Cina, ad esempio, funzionari e media statali hanno acclamato la strategia e il successo del Paese come prova di ciò supremazia cineseHuang del Council on Foreign Relations ha detto. Ha detto che il governo dovrebbe giustificare la sua decisione se passa da zero covid a un approccio di mitigazione.

“Questo approccio basato sul contenimento rimane popolare tra la popolazione cinese, in un modo che riflette il modo in cui è stato assimilato dal popolo cinese. Lo hanno accettato come l’unico approccio efficace per affrontare l’epidemia”. Lei disse. “Quindi non stiamo solo parlando di cambiare la struttura degli incentivi per i funzionari governativi, ma anche di cambiare la mentalità delle persone, per prepararle a una nuova strategia”.

Polizia, guardie di sicurezza e volontari aiutano a isolare un quartiere che è stato bloccato dopo che un residente è risultato positivo al Covid-19, a Shanghai, in Cina, il 3 agosto 2021.

Gibban ha affermato che l’abbandono della strategia zero-Covid non è qualcosa che Australia e Cina dovrebbero necessariamente considerare in questo momento.

Quando più dell’80% delle persone viene vaccinato, ha affermato Fisher, gli stati possono allentare i limiti.

La Cina fa affidamento sui vaccini domestici, compresi i vaccini Sinovac, che avevano circa efficacia 50% Contro il Covid-19 sintomatico, efficacia al 100% contro la malattia grave, secondo i dati degli studi presentati all’Organizzazione mondiale della sanità, e Sinopharm, che stima l’efficacia della malattia sia sintomatica che ospedaliera al 79%, Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Questo è inferiore a entrambi i vaccini Pfizer / BioNTech e Moderna, che è più del vaccino 90% efficace Contro i sintomi del Covid-19.

In Cina, ha affermato Griban, potrebbe essere necessario aggiungere ulteriori dosi per aumentare l’immunità.

READ  Titmus '3: 56.90 quasi batte il record mondiale di 400 liberi di Ledecky

Ha aggiunto che l’apertura anticipata del confine potrebbe significare “la morte che hanno combattuto così duramente per evitare”.

non ancora finito

L’esperienza collettiva di Cina e Australia evidenzia anche il pericolo che altri paesi con rigide restrizioni alle frontiere potrebbero non essere in grado di escludere il delta – o un’altra variabile – per sempre.

Fischer ha affermato che l’epidemia nel Delta è probabile che si verifichi in altri paesi che non l’hanno ancora testata, come la Nuova Zelanda.

Un carrello per i bagagli abbandonato di fronte al terminal Jetstar del terminal nazionale dell'aeroporto di Auckland il 7 ottobre 2020, due giorni prima delle restrizioni dell'area di Auckland messe in atto dopo che il Covid-19 è riemerso nella comunità.
Come l’Australia, la Nuova Zelanda e Hong Kong hanno tassi di vaccinazione relativamente bassi con 16% e 39% Completamente vaccinati di fila, a partire da domenica. Se entra in un delta, è anche vulnerabile a un’epidemia.

“Deve esserci la stessa urgenza di vaccinarsi quando non si ha il Covid perché è solo una questione di tempo e conosciamo l’impatto sociale ed economico quando devi chiudere e fare test di massa come risposta”, ha detto Fisher.

Ha raccomandato che alcune restrizioni, come indossare maschere al chiuso, siano mantenute anche quando un paese ha chiuso i confini e non sono stati segnalati casi locali.

“Ogni paese dovrebbe fingere che ci siano casi ai suoi confini, e almeno indossare maschere in casa e limitare gli assembramenti”, ha detto. “Certo, infastidisce le persone, ma posso dirti che quando si ottiene un caso, la vita diventa improvvisamente molto più facile.”

Fischer ha aggiunto che i paesi devono continuare a imparare da altri paesi su come affrontare la pandemia.

“Se qualcuno pensa che sia finita, si sbaglia”, ha detto Fisher, “tutti devono affrontarlo e conviverci un giorno – e non è ancora finita per nessun paese”.

Jaden Shum, Kristi Lou Stout e Nectar Gun della CNN hanno contribuito a questo rapporto.