noviembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

DAZN affronta la recessione italiana nei piani per inasprire la politica contabile

Qualcuno lavora al servizio di streaming Internet di DAZN a Tokyo, in Giappone, il 21 marzo 2017. REUTERS / Kim Kyung-Hoon / Foto d’archivio

  • Il ministro dell’Industria ha invitato la direzione di DAZN per colloqui
  • DAZN detiene i diritti di trasmissione delle partite di Serie A

MILANO, 10 nov (Reuters) – I piani di DAZN per frenare gli abusi sospetti sugli abbonamenti sono falliti in Italia, dove il servizio di streaming sportivo sta mostrando il miglior air football.

Con il supporto del miliardario Len Flavdnik, quest’anno DAZN ha vinto all’asta per 2,5 miliardi di euro (2,9 miliardi di dollari) i diritti di trasmettere in diretta le partite di Serie A in Italia per tre stagioni, una significativa espansione della sua attività in Europa.

Le offerte forfettarie del gruppo per la visione di giochi premium su smart TV hanno ridotto i costosi pacchetti TV offerti dalle emittenti consolidate, ma gli utenti si sono lamentati di malfunzionamenti e scarsa qualità delle immagini.

Da parte sua, DAZN sfrutta la scappatoia per condividere l’accesso ai conti di alcuni tifosi italiani, perdendo ricavi per l’azienda attraverso abbonamenti mensili che costano 29,99 euro (34,7 dollari).

DAZN implementerà modifiche tecniche entro la fine di quest’anno per impedire a due dispositivi diversi di accedere all’app contemporaneamente se non sono registrati con lo stesso indirizzo IP, hanno affermato due fonti che hanno familiarità con la questione.

In base agli attuali Termini di servizio di DAZN, ogni abbonato ha il diritto di accedere al Servizio da due dispositivi diversi contemporaneamente senza condividere nome utente e password.

I piani per restringere l’accesso a AccountShave hanno fatto arrabbiare gruppi e politici per i diritti dei consumatori, spingendo il ministro dell’Industria Giancarlo Giorgio a chiarire la gestione di DAZN la prossima settimana.

READ  La conquista dell'Italia rasserena l'anima di una nazione schiacciata dal governo

«Questo è un altro duro colpo per i tifosi», ha detto Carlo Globs, capo della lobby dei consumatori Aidacon, che ha annunciato che la denuncia sarà presentata alla Sovrintendenza nazionale alle comunicazioni.

La società ha dichiarato di essere «aperta alla cooperazione e alla discussione con funzionari e aziende».

(1$ = 0,8648 euro)

Report di Elvira Polina e Francesco Jacini Montaggio di Keith Weir

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.