octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Davanti a Mercurio! La navicella si avventerà sul pianeta in un’emozionante manovra di assistenza gravitazionale

Impressione artistica di BepiColombo che vola a bordo di Mercurio il 1 ottobre 2021. La navicella esegue nove manovre di assistenza alla gravità (una dalla Terra, due da Venere e sei da Mercurio) prima di entrare in orbita attorno al pianeta più interno del sistema solare nel 2025. Credito: ESA / ATG medialab

Agenzia spaziale europea /JAXA La missione BepiColombo verso Mercurio effettuerà il primo di sei voli sul pianeta di destinazione il 1° ottobre 2021, prima di entrare in orbita nel 2025.

Dopo il suo ultimo volo su Venere ad agosto, il prossimo emozionante incontro della navicella con Mercurio sarà alle 23:34 UTC del 1° ottobre (01:34 CET del 2 ottobre). Atterrerà sul pianeta a un’altitudine di circa 200 chilometri, catturando immagini e dati scientifici che daranno agli scienziati un primo assaggio allettante di ciò che accadrà nella missione principale.

La missione consiste in due veicoli scientifici che saranno consegnati in orbite complementari attorno al pianeta dal Mercury Transfer Module nel 2025. L’orbita di Mercurio guidato dall’ESA e il magnetoplano Mercury di JAXA studieranno tutti gli aspetti di questo misterioso interno. Pianeta dal suo nucleo ai processi di superficie, campo magnetico ed esosfera, per comprendere meglio l’origine e l’evoluzione di un pianeta vicino alla sua stella madre.

BepiColombo ne trarrà beneficio Nove voli planetari in totale: uno a terra, due in Venere, e sei su Mercurio, insieme al sistema di propulsione elettrica solare della navicella, per aiutare a entrare nell’orbita di Mercurio.

Sulla strada giusta per la fionda di Mercury

BepiColombo .orario dei voli

Programma di volo durante il viaggio di 7,2 anni di BepiColombo verso Mercurio, a partire dall’apertura della finestra di lancio di circa due mesi nell’ottobre 2018. Credito: ESA

Le operazioni di volo gravitazionale richiedono un lavoro molto preciso di navigazione nello spazio profondo, assicurando che il veicolo spaziale si trovi sul percorso di avvicinamento corretto.

Una settimana dopo l’ultimo volo di BepiColombo, il 10 agosto, è stata eseguita una manovra di correzione per spingere leggermente il velivolo nel primo volo di Mercurio, puntando a un’altitudine di 200 km. Attualmente, si prevede che il velivolo superi il pianeta più vicino a un’altitudine di 198 km e piccoli aggiustamenti possono essere facilmente effettuati utilizzando manovre di spinta elettrica solare post-oscillazione. Poiché BepiColombo si trova a più di 100 milioni di chilometri dalla Terra, con la luce che impiega 350 secondi (circa sei minuti) per raggiungerla, raggiungere un obiettivo a soli due chilometri di distanza non è facile.

READ  Gli ospedali della contea di Los Angeles affermano che ogni paziente con COVID non è stato completamente vaccinato

“Grazie alle nostre fantastiche stazioni di terra, sappiamo dove si trova il nostro veicolo spaziale con una tale precisione. Con queste informazioni, il team di Flight Dynamics dell’ESOC sa quanto abbiamo bisogno di manovrare, per essere nel posto giusto per aiutare Mercurio con la gravità”, spiega Elsa Montagnon, responsabile delle operazioni della navicella spaziale per la missione.

“Come spesso accade, la traiettoria della nostra missione è stata pianificata in modo così meticoloso che non sono previste ulteriori manovre di correzione per questo imminente passaggio ravvicinato. BepiColombo è sulla strada giusta”.

Un primo assaggio di Mercurio

Durante i voli, non è possibile acquisire immagini ad alta risoluzione con la fotocamera scientifica principale perché è protetta dal modulo di trasporto durante la formazione del veicolo spaziale. Comunque due BepiColombo su tre Telecamere di sorveglianza (MCAM) scatterà foto da circa cinque minuti dopo l’orario di avvicinamento e fino a quattro ore dopo. Poiché BepiColombo raggiunge il lato notturno del pianeta, le condizioni non sono ideali per scattare foto direttamente dall’approccio più vicino, quindi la foto più vicina verrebbe scattata da una distanza di circa 1.000 km.

I primi momenti di BepiColombo Mercury Flyby

Momenti chiave durante il primo volo di Mercurio su BepiColombo il 1° ottobre 2021, che vedrà la navicella passare a 200 km dal pianeta alle 23:34 UTC. Credito: ESA

La prima immagine da scaricare avverrà circa 30 minuti dopo l’avvicinamento più ravvicinato e dovrebbe essere disponibile per il rilascio pubblico intorno alle 08:00 CEST di sabato mattina. I primi piani e le foto successive saranno collegati uno per uno durante il sabato mattina.

Le telecamere forniscono filmati in bianco e nero con una risoluzione di 1024 x 1024 pixel e sono posizionate nell’unità di trasferimento del mercurio in modo che catturi anche gli array solari e le antenne del veicolo spaziale. Mentre la navicella cambia direzione durante il sorvolo, si vedrà Mercurio passare dietro gli elementi strutturali della navicella.

READ  Guarda gli astronauti dare una spinta alla Stazione Spaziale Internazionale

In generale, MCAM-2 punterà verso l’emisfero nord di Mercurio, mentre MCAM-3 punterà verso l’emisfero sud. Entro mezz’ora dal primo piano, le riprese si svolgeranno alternativamente tra le due telecamere. Le riprese verranno effettuate successivamente da MCAM-3.

Per ottenere le immagini più vicine, dovrebbe essere possibile identificare grandi crateri da impatto sulla superficie del pianeta. Mercurio ha una superficie craterizzata molto simile all’aspetto della luna terrestre, registrando i suoi 4,6 miliardi di anni di storia. La mappatura della superficie di Mercurio e l’analisi della sua composizione aiuteranno gli scienziati a comprendere meglio la sua composizione ed evoluzione.

Sebbene BepiColombo sia in configurazione da crociera ‘accatastati’ per i voli, sarà possibile operare alcuni strumenti scientifici su entrambe le orbite planetarie, permettendo un primo assaggio del magnetismo del pianeta, plasma e ambiente particellare.

“Non vediamo l’ora di vedere i primi risultati delle misurazioni effettuate vicino alla superficie di Mercurio”, afferma Johannes Penkoff, scienziato del progetto BepiColombo dell’ESA. Quando ho iniziato a lavorare come project scientist presso BepiColombo nel gennaio 2008, NASALa sua missione Messenger è stato il suo primo sorvolo di Mercurio. Adesso tocca a noi. è una sensazione meravigliosa! “

Festeggiando BepiColombo

Il primo volo in arrivo di Mercury segna il 101° compleanno Giuseppe “Pepe” Colombo (2 ottobre 1920 – 20 febbraio 1984), Scienziato e ingegnere italiano che prende il nome dalla missione BepiColombo. Colombo è famoso per aver dimostrato la caratteristica proprietà di Mercurio di ruotare tre volte attorno al proprio asse in ciascuna delle due orbite del Sole. Si è anche reso conto che scegliendo con cura il punto di sorvolo di un veicolo spaziale mentre attraversava un pianeta, la gravità del pianeta avrebbe potuto aiutare il veicolo spaziale a compiere più voli. I suoi calcoli interplanetari hanno permesso alla navicella spaziale Mariner 10 della NASA di ottenere tre voli di Mercurio invece di uno utilizzando un sorvolo di Venere per alterare la traiettoria di volo del veicolo spaziale, il primo di molti veicoli spaziali a utilizzare una tale manovra assistita dalla gravità.

Da Messenger a BepiColombo

BepiColombo, con due orbite scientifiche, è impostato per basarsi sui risultati della missione Messenger della NASA, per fornire la migliore comprensione del pianeta più profondo del sistema solare fino ad oggi. Questo grafico evidenzia scoperte specifiche di Messenger e indica come seguire il BepiColombo. Credito: ESA

Dopo la missione Mariner 10 nel 1974-1975, la navicella spaziale Messenger della NASA ha sorvolato Mercurio tre volte nel 2008-09 e ha orbitato intorno al pianeta per quattro anni (2011-2015). Il La missione BepiColombo si baserà sui successi dei suoi predecessori Per fornire la migliore comprensione del pianeta più profondo del sistema solare fino ad oggi.

La prima immagine dovrebbe essere rilasciata nelle prime ore del mattino di sabato 2 ottobre (temporaneamente alle 08:00 CEST); Le immagini successive possono essere rilasciate nel corso della giornata di sabato e/o lunedì 4 ottobre. Ulteriori commenti scientifici potrebbero essere disponibili anche nella settimana successiva al volo. Gli orari sono soggetti a modifiche a seconda degli eventi reali del veicolo spaziale e della disponibilità delle immagini.