mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Dan Quinn, DC dei Dallas Cowboys, resta fermo

FRISCO, Texas – Dopo aver intervistato i posti vacanti degli allenatori ai Chicago Bears, Denver Broncos, Minnesota Vikings, Miami Dolphins e New York Giants, il coordinatore difensivo Dan Quinn è tornato ai Dallas Cowboys, riferiscono fonti ad Adam Shifter e Diana Rossini.

Una fonte ha detto che Shifter Quinn ha ritirato il suo nome dal lavoro di Beers, che è andato all’ex assistente dei Cowboys Matt Eberfloss e al coordinatore della difesa degli Indianapolis Colts, secondo fonti. Giovedì scorso, una fonte ha affermato che i Broncos hanno assegnato il coordinatore offensivo dei Green Bay Packers Nathaniel Hackett come capo allenatore.

Quinn è diventato un candidato ricercato dopo aver aiutato a centrare la difesa dei Cowboys nel 2021, un anno dopo aver consentito di segnare 473 punti di franchigia. I Cowboys finirono 19° in yard a partita, settimi in punti a partita e guidarono la NFL nei fast food con 34.

Aiuta Quinn a sviluppare il terzino emergente Michea Parsons Il cornerback del secondo anno Tryvon Diggs Nelle selezioni All-Pro e Pro Bowl. Parsons guidò i Cowboys nei sack con 13, il favorito per essere il Defensive Rookie of the Year della NFL, e guidò la NFL Diggs nelle intercettazioni con 11, legando il record dei Cowboys.

Quinn ha avuto un record di 43-42 con gli Atlanta Falcons dal 2015-20, portando la squadra al Super Bowl nel 2016 solo per vedere il loro vantaggio di 28-3 nel terzo quarto scomparire in una sconfitta agli straordinari contro i New England Patriots.

Quinn, che è ancora pagato dagli Atlanta Falcons, ha indicato alla fine della stagione regolare che non avrebbe accettato un lavoro solo per trovarlo.

READ  Suns-Nuggets: Chris Paul e Devin Booker riscrivono false narrazioni mentre Phoenix esce di un passo dalle finali NBA

«Penso che venendo qui, non sono venuto qui per vedere il mio prossimo lavoro», ha detto Quinn. «Volevo venire qui e divertirmi e sperare di prendermi a calci in culo e avere un impatto. … Se arrivassero quei momenti sarei pronto se si verificasse lo scenario giusto, ma onestamente mi sto divertendo qui con questo equipaggio e andare. Qui è dove c’è il mio cervello, dove c’è il mio cuore. Non passo molto tempo a pensare a cosa accadrà dopo. Giovani uomini».

Quinn è il secondo dipendente chiave che i Cowboys sono stati in grado di mantenere nell’ovile dalla fine della loro stagione. Il vicepresidente degli affari dei giocatori, Will McClay, ha firmato un prolungamento del contratto che lo ha tolto dai roster per l’apertura del direttore generale. Anche il coordinatore offensivo Kellen Moore ha intervistato per diverse posizioni di allenatore, ma dovrebbe anche rimanere con i Cowboys.

Anche il capo allenatore Mike McCarthy dovrebbe tornare per una terza stagione, anche se la scorsa settimana mentre parlava su 105.3 The Fan a Dallas, il proprietario e direttore generale Jerry Jones si è trattenuto quando gli è stato chiesto se McCarthy sarebbe tornato. Con il ritiro di Sean Payton dai New Orleans Saints questa settimana, le speculazioni sul futuro di McCarthy si sono intensificate data l’affinità di Jones con Payton, un ex assistente di Dallas sotto Bill Parcells.