noviembre 27, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

COVID negli Stati Uniti: aumento dei casi e dei ricoveri in Vermont, New Mexico e altri hotspot, sollevando preoccupazioni per un aumento del coronavirus invernale

La contagiosa variante delta sta aumentando i ricoveri per COVID-19 a Mountain West e alimentando l’epidemia nel Nord, un segnale preoccupante di ciò che potrebbe accadere questo inverno negli Stati Uniti.

Mentre le tendenze migliorano in Florida, Texas e altri stati del sud che hanno sopportato il peggio dell’estate, Delta chiaramente non ha finito con gli Stati Uniti. Il COVID-19 viaggia verso nord e ovest per l’inverno mentre le persone tornano a casa, chiudono le finestre e respirano aria stagnante.

«Vedremo molti focolai tra le persone che non sono immunizzate che porteranno a malattie gravi e sarà tragico», ha affermato il dott. Donald Melton della School of Public Health dell’Università del Maryland.

Nei giorni scorsi un college del Vermont ha sospeso gli incontri sociali dopo un forte aumento delle problematiche legate alle feste di Halloween. I funzionari di Boston hanno chiuso una scuola elementare per controllare l’epidemia. Gli ospedali del New Mexico e del Colorado sono sovraffollati.

In Michigan, l’area metropolitana di tre contee di Detroit sta tornando ad essere un punto di riferimento per i trasferimenti, con un sistema ospedaliero che riporta quasi 400 pazienti COVID-19. L’uso delle mascherine in Michigan è sceso a circa il 25% delle persone, secondo una serie di sondaggi monitorati da un gruppo di influenti top model presso l’Università di Washington.

«La preoccupazione per il Covid in generale è finita, il che è un peccato», ha affermato la dott.ssa Jennifer Morse, direttore medico dei dipartimenti sanitari di 20 contee del Michigan centrale e settentrionale. «Mi sento strano quando entro in un negozio mascherato. Sono in minoranza. È completamente diverso. È solo un’atmosfera davvero insolita in questo momento».

READ  Lo sceriffo della contea di Los Angeles non applicherà il mandato della maschera perché "non è supportato dalla scienza"

Di più: Pfizer chiede alla FDA di approvare le iniezioni di richiamo COVID-19 per tutti gli adulti

I letti di terapia intensiva del New Mexico si stanno esaurendo nonostante il tasso di vaccinazione superiore alla media dello stato. L’immunità ridotta può avere un ruolo. Le persone che sono state vaccinate precocemente e non hanno ancora ricevuto un’iniezione di richiamo possono aumentare il numero di infezioni, anche se hanno ancora una certa protezione dalle conseguenze più gravi del virus.

«Delta e diminuzione dell’immunità: la combinazione di queste due cose ci ha causato il declino», ha affermato Ali Miqdad, professore di scienze della misurazione della salute presso l’Università di Washington. «Questo virus sarà con noi per molto tempo».

La variante delta domina l’infezione negli Stati Uniti, rappresentando oltre il 99% dei campioni analizzati.

Nessun paese ha raggiunto un tasso di vaccinazione abbastanza alto, anche se combinato con l’immunità indotta dalle infezioni, per evitare il tipo di epidemia che sta accadendo ora, ha detto Miqdad.

In una deviazione dalle raccomandazioni nazionali, giovedì il governatore del Colorado Jared Polis ha firmato un ordine esecutivo che consente a qualsiasi residente di età pari o superiore a 18 anni di accedere a una dose di richiamo COVID-19, un altro passo per evitare che ospedali e operatori sanitari siano travolti dall’ondata. stato. Infezioni delta.

Guarda anche: Una madre di tre figli della Carolina del Sud che ha partorito mentre combatteva contro il COVID-19 torna a casa dopo quasi 100 giorni

I progressi nella vaccinazione continuano, ma quasi 60 milioni di americani di età pari o superiore a 12 anni rimangono non vaccinati. Si tratta di un miglioramento rispetto a luglio, quando 100 milioni di persone non erano state vaccinate, ha affermato il coordinatore della Casa Bianca Jeff Zents.

READ  Il senatore Rand Paul: "Probabilmente", il COVID è fuggito dal laboratorio di Wuhan

Zents ha detto in un briefing mercoledì che i primi colpi sono in media circa 300.000 al giorno e che gli sforzi per vaccinare i bambini dai 5 agli 11 anni sono partiti alla grande.

Linsey Marr di Virginia Tech, uno dei principali ricercatori nel campo della diffusione del coronavirus nell’aria, ha previsto che il virus si sarebbe diffuso verso nord in un post su Twitter il 15 settembre. Il virus si diffonde nell’aria e può accumularsi in ambienti chiusi con scarsa ventilazione. Marr ha detto che il freddo significa che più persone respirano la stessa aria all’interno.

«Immagina che tutti quelli con cui trascorri del tempo siano fumatori e che tu voglia respirare il meno fumo possibile», ha detto.

«Più sei vicino a un fumatore, maggiore è l’esposizione a quel fumo», ha detto Mar. «E se sei in una stanza poco ventilata, il fumo si accumula nel tempo.»

Mar ha detto che lei e la sua famiglia vaccinata si sottoporranno a test rapidi prima del raduno di Natale per verificare l’infezione.

«È difficile sapere cosa succederà dopo con questo virus», ha detto Marr. «Pensavamo di saperlo, ma Delta ci ha davvero sorpreso. Pensavamo che un vaccino avrebbe aiutato a porre fine a questo, ma le cose continuano ad andare avanti. È difficile sapere cosa accadrà dopo».

___

Gli scrittori dell’Associated Press Ed White a Detroit e Corey Williams a West Bloomfield, Michigan, hanno contribuito a questo rapporto.

Copyright © 2021 di The Associated Press. Tutti i diritti riservati.