noviembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Covid legato all’infezione cardiaca in cani e gatti

Alla fine dello scorso anno, quando il coronavirus si è diffuso in tutto il Regno Unito, il dottor Luca Veracin e i suoi colleghi hanno iniziato a notare un aumento dei pazienti asintomatici. Miocarditeo infiammazione del cuore.

La condizione è un raro effetto collaterale di Vaccini a mRNA per il Covid-19È più comune negli uomini di età inferiore ai 30 anni. Può anche essere dovuto all’infezione con il virus stesso.

Ma questi pazienti non sono umani. Erano cani e gatti.

Copertura completa della pandemia di COVID-19

«Questi cani e gatti erano depressi, letargici e avevano perso l’appetito», ha detto Frassen, cardiologo veterinario presso il Ralph Veterinary Referral Center nel Buckinghamshire, in Inghilterra. «E avevano difficoltà a respirare a causa dell’accumulo di liquidi nei polmoni a causa di malattie cardiache, o stavano svenendo a causa di un’aritmia sottostante».

Prima di dicembre, ha detto, a circa l’1,5 percento degli animali domestici riferiti a The Ralph è stata diagnosticata una miocardite. Ma tra dicembre e marzo, quel numero è aumentato drasticamente, salendo al 12,5% degli animali domestici con miocardite confermata.

Frasin e i suoi colleghi hanno successivamente scoperto che molti proprietari di animali domestici sono risultati positivi al Covid o hanno sviluppato sintomi entro tre-sei settimane dall’infezione dei loro animali. Questa informazione, insieme al fatto che la tempistica ha coinciso con un aumento dei casi guidati da variabile alfa del virus nel Regno Unito, spingendo i ricercatori a testare gli animali domestici per SARS-CoV-2.

Frassen ha dettagliato l’aumento dei casi di miocardite indotta da COVID-19 negli animali domestici in un rapporto pubblicato venerdì sulla rivista. cartella veterinaria.

Degli 11 animali, due gatti e un cane sono risultati positivi alla variante alfa del virus e altri due gatti e un cane sono risultati positivi agli anticorpi Covid. I restanti cinque animali sono stati testati negativi per anticorpi e virus. Nessuno degli animali testati ha mostrato sintomi di un’infezione respiratoria o altri segni tipici di Covid, ma tutti avevano la miocardite, ha detto Frasin.

READ  Gli operatori sanitari di New York City che rifiutano COVID-vax possono essere licenziati

Poiché The Ralph vede solo malati di cuore, i ricercatori non possono determinare se cani e gatti potrebbero sviluppare sintomi tipici di Covid in altre infezioni.

Inoltre, non è noto se i veterinari in medicina generale stiano vedendo più casi di miocardite correlata alla SARS, ha affermato Margaret Husey, virologa veterinaria presso il Centro per la ricerca sui virus dell’Università di Glasgow.

Forse è perché quei veterinari non sanno che è una possibilità, ha detto Hosey, che non era coinvolto nella ricerca. Rapporti come questo aiuteranno i medici di base a riconoscere la miocardite indotta da Covid negli animali domestici, in modo che sappiano chiedere informazioni e sottoporsi a test per l’esposizione al Covid.

Tutti gli animali in questo studio si sono ripresi dopo un trattamento di supporto con ossigeno supplementare e diuretici per aiutare a rimuovere il liquido dai polmoni, ad eccezione di un gatto con un ritmo cardiaco anormale, nel qual caso i proprietari hanno deciso di sopprimere l’animale. Nessuno degli animali è stato trattato con farmaci antivirali, ha detto Frasin.

Ce n’erano altri Casi di gatti da compagnia e cane In tutto il mondo, i test sono risultati positivi per altre varianti di Covid, tra cui variabile deltaTuttavia, non ci sono ancora prove che altre specie causino problemi cardiaci simili negli animali domestici. Inoltre, Frassen ha affermato che il tasso di animali con miocardite a cui si fa riferimento in The Ralph è tornato a un livello pre-Covid dell’1-2%.

Per precauzione, Ferasin e Hosie hanno consigliato ai proprietari di animali con Covid di evitare il contatto con i loro animali domestici, proprio come farebbero con altri umani.

READ  Ultime notizie sul coronavirus: ricoveri ospedalieri dello stato di New York ai minimi storici

Scarica App di notizie della NBC Per una copertura completa della pandemia di COVID-19

«Se non è possibile convincere qualcun altro a prendersi cura del proprio animale domestico, dovrebbero prendere in considerazione l’idea di indossare una maschera durante la preparazione del cibo per ridurre la possibilità che vengano infettati», ha detto Husey.

Diversi studi finora mostrano che il virus viene trasmesso dalle persone a cani e gatti, ma non viceversa. «Quindi, le persone non dovrebbero farsi prendere dal panico» se i loro animali domestici iniziano a mostrare segni di malattia, ha detto Frasin.

Finora il Covid non sembra causare malattie gravi problemi animali; La maggior parte di loro si riprende molto rapidamente, ha detto Hozi.

Ha aggiunto, tuttavia, che è importante studiare il Covid negli animali domestici perché potrebbe essere un serbatoio virale che consente al virus di mutare in un modo che causa malattie più gravi negli esseri umani.

«Ovviamente siamo concentrati sulla prevenzione della trasmissione da uomo a uomo ora, perché è fondamentale», ha detto. «Ma se vogliamo distogliere lo sguardo dalle altre specie, possiamo conservare i problemi per il futuro».

Continua NBC Salute occupazione Twitter & Sito di social network Facebook.