septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Covid: ciò che sappiamo sul nuovo ceppo Delta potrebbe bloccare Israele

Un alto funzionario sanitario ha avvertito la scorsa settimana che un nuovo ceppo Delta potrebbe forzare l’ingresso in Israele Chiudere.

Il direttore del Dipartimento delle relazioni internazionali presso il Ministero della salute, il dott. Asher Shalomon, ha dichiarato al Comitato per la legge e la costituzione della Knesset, riferendosi all’AY3, che si ritiene abbia avuto origine in Sud America e sia stato scoperto per la prima volta negli Stati Uniti.

Solo due giorni dopo, il ministero ha annunciato che in Israele erano stati identificati 10 casi di AY3, otto tra persone rientrate di recente dall’estero e due che sembravano aver contratto l’infezione nel Paese.

Cosa sappiamo dell’AY3 e potrebbe essere la goccia che ha fatto traboccare il vaso e ha provocato un altro arresto israeliano?

“AY3 è un sottotipo di una variante delta, che rientra nella categoria di quelle che chiamiamo varianti Delta-Plus”, ha affermato il professor Cyril Cohen, capo del laboratorio di immunoterapia presso la Bar Ilan University. “Tutti rappresentano una mutazione chiamata 417, sospettata di aiutare la variante a sfuggire agli anticorpi”.

Tutti i virus tendono a mutare costantemente. Sebbene la maggior parte delle mutazioni non abbia conseguenze, un gruppo di mutazioni può generare una nuova variante e, di conseguenza, il virus può produrre una proteina diversa. Nel caso del coronavirus, la proteina primaria da considerare è la proteina spike, che si trova sulla superficie del virus e gli consente di penetrare nelle cellule ospiti e causare infezioni.

READ  Gli scienziati del clima avvertono: la Corrente del Golfo è in uno stato di collasso - studio

Le varianti sono una preoccupazione quando aumentano la trasmissibilità del virus, poiché tendono a provocare sintomi più gravi o appaiono più resistenti agli anticorpi.

“Abbiamo visto che a maggio il ceppo era quasi inesistente negli Stati Uniti, e ora rappresenta circa il 13% di tutti i casi nell’intero paese, e in alcuni singoli stati come Mississippi e Missouri, fino al 43%. -45% dei casi”, ha osservato. Cohen.

Quando gli è stato chiesto se pensa che l’alternativa sia arrivata in Israele e che il Paese sia più a rischio di chiusura, il professore ha detto che non pensa che siamo ancora arrivati ​​a quel punto.

Ha detto: “Dobbiamo seguire da vicino ciò che sta accadendo e vedere se diventa prevalente in Israele”. “Con il Delta originale ci trovavamo in una situazione simile: era già in Israele ad aprile, ma è rimasto inattivo fino a quando i casi non hanno iniziato ad aumentare improvvisamente a giugno”, ha detto.

Il volo di salvataggio di Harel riporta i pazienti israeliani con coronavirus dall’Islanda. (credito: IMA – Viaggi Medici)
Tuttavia, il problema che Israele deve affrontare è che con 7000-8000 nuovi portatori di virus Determinato ogni giorno, lo Stato non è in grado di effettuare il sequenziamento genetico di tutti i nuovi casi, ma solo di un campione statistico, che non consente alle autorità sanitarie di monitorare a pieno le varianti.

“Quando abbiamo avuto meno casi, siamo stati in grado di risolverli quasi tutti”, ha detto Cohen.

Quanto a quanto sarebbe allarmante la variante se dovesse diffondersi, Cohen ha detto che è troppo presto per saperlo perché le informazioni sono ancora molto limitate.

READ  Sono in corso i piani per l'audace sesto viaggio verso il Pianeta Rosso

“La mia impressione è che quando si tratta di protezione anticorpale, non sarà un problema tutto o niente, ma piuttosto manterremo una qualche forma di protezione, anche se il vaccino è meno efficace”, ha detto Cohen.