diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Covid Austria: annunciato il mandato del vaccino a livello nazionale, reimpostato il blocco

Schallenberg ha affermato che il suo governo prenderà in considerazione l’imposizione di requisiti nazionali sui vaccini a partire dal 1° febbraio. Completamente vaccinato Contro il Covid-19, uno dei tassi più bassi dell’Unione Europea, dove I casi sono in aumento.

Il blocco nazionale – il primo in Europa questo autunno – inizia lunedì e durerà per un minimo di 10 giorni, ha detto Schallenberg ai giornalisti in una conferenza stampa a Vienna, e potrebbe essere esteso per altri 10 giorni.

«Non vogliamo una quinta ondata. Non vogliamo la sesta e la settima ondata. Non vogliamo avere questa discussione la prossima estate», ha detto Schallenberg.

In base alle misure, entrate in vigore il 15 novembre, ai non vaccinati è stato ordinato di rimanere a casa tranne che per alcuni motivi limitati, con regole stabilite dagli agenti per effettuare controlli a campione su coloro che sono fuori.

Attualmente in Austria le vaccinazioni sono raccomandate per tutte le persone di età pari o superiore a 12 anni. Lunedì è stato lanciato un progetto pilota per vaccinare i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni nella capitale nazionale, Vienna.

In risposta a una domanda della CNN sull’età in cui si applicherà l’ordine di vaccinazione obbligatoria, la cancelleria austriaca ha dichiarato: «Non sono ancora stati ricevuti dettagli, da quale età e quando si è considerati completamente vaccinati».

Il ministro della Sanità austriaco Wolfgang Mochstein ha dichiarato venerdì che scuole e asili rimarranno aperti durante l’imminente blocco nazionale.

Ma Schallenberg ha affermato che è possibile per i genitori portare i propri figli fuori dalla scuola, se lo desiderano. «Questa è sempre stata una sfida per ogni famiglia», ha detto. Durante il primo lockdown austriaco, le scuole e gli asili sono stati chiusi.

READ  Matt Hancock, l'asservito segretario alla salute britannico, si scusa dopo essere stato arrestato con un aiutante

Mückstein ha anche esortato a indossare maschere FFP2 in tutti gli spazi chiusi e ha affermato che i dipendenti possono richiedere l’opzione di lavorare da casa ove possibile.

Una volta revocato il blocco nazionale, le misure di blocco rimarranno in vigore per gli austriaci non vaccinati, ha affermato Mokstein, aggiungendo che è necessario fare di tutto per evitare una «quinta ondata».

Schallenberg ha rivolto parole dure agli attivisti anti-vaccinazione mentre parlava alla conferenza stampa di venerdì, dicendo che hanno agito in modo irresponsabile.

«Abbiamo molte forze politiche in questo paese che stanno combattendo contro questo», ha aggiunto [vaccination] Con vigore, collettivamente e pubblicamente. Questo è irresponsabile. Questo è in realtà un attacco al nostro sistema sanitario».

«A causa dell’agitazione di questi oppositori radicali della vaccinazione, attraverso false notizie ingannevoli, purtroppo molti di noi non sono stati vaccinati. Il risultato è il sovraffollamento delle unità di terapia intensiva e una tremenda sofferenza umana».

Una volta entrato in vigore a febbraio, il mandato di vaccinazione contro il Covid-19 dell’Austria sarà la misura più rigorosa per controllare il coronavirus attraverso la vaccinazione vista finora in Europa.

In Italia, tutti i lavoratori sono tenuti ad avere una «carta verde» – un certificato sanitario che mostri la prova di vaccinazione completa, recente guarigione dall’infezione o un test negativo nelle ultime 48 ore – o rischiano una multa e la sospensione senza retribuzione. Le persone devono anche mostrare un «pass verde» per entrare in luoghi pubblici come teatri e cinema.

Tuttavia, solo gli operatori sanitari devono essere vaccinati.

Il governo italiano ha attribuito la strategia del «corridoio verde» all’aumento dei tassi di vaccinazione.

I casi di Covid in Germania hanno raggiunto livelli record mentre la Merkel avverte del continente

La vicina Germania ha anche annunciato giovedì l’intenzione di imporre restrizioni mirate al Covid-19 sui non vaccinati al fine di affrontare livelli record di infezioni durante la quarta ondata di pandemia.

READ  La variante Delta è il ceppo di coronavirus più diffuso in California

Il cancelliere uscente Angela Merkel ha descritto la situazione Covid-19 del Paese come «drammatica» ed «estremamente preoccupante» in una conferenza stampa giovedì, a seguito di un incontro con i leader dei 16 stati federali tedeschi sulle misure più severe contro il Covid-19.

E la Merkel ha avvertito che i letti della terapia intensiva si stavano riempiendo troppo velocemente, aggiungendo che «è giunto il momento di agire».

Parlando venerdì in una conferenza stampa a Berlino, il ministro della Sanità ad interim Jens Spahn ha descritto la Germania come «in uno stato di emergenza nazionale», aggiungendo: «Non romperemo questa ondata con le sole vaccinazioni».

Alla domanda sulla possibilità che tutti si chiudano, Spahn ha detto ai giornalisti: «Siamo in una situazione in cui non possiamo escludere nulla».

Lothar Wheeler, capo del Centro tedesco per le malattie e il controllo presso il Robert Koch Institute (RKI), ha detto ai giornalisti che il paese non aveva visto tassi di infezione così alti come ora nell’intera pandemia.

Per il 12° giorno consecutivo, la Germania ha segnalato nuovi casi di Covid-19. L’Istituto Internazionale della Costa d’Avorio venerdì ha segnalato 52.970 nuovi casi nelle ultime 24 ore. Secondo i dati RKI, in Germania sono morte più di 98.000 persone a causa dell’infezione da coronavirus.

Wheeler ha affermato che l’attuale tasso di mortalità giornaliero del paese è compreso tra 200 e 300. Ma ha affermato che a causa del livello record di infezione in Germania negli ultimi 12 giorni, «è probabile che il tasso di mortalità aumenti nei prossimi giorni».

Anche la Francia sta assistendo a un aumento dei tassi di infezione da Covid-19, ma il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che un blocco dei non vaccinati «non è necessario» data la strategia Covid-19 del paese.

READ  Il Venezuela introduce una nuova valuta con 6 zeri in meno

«I paesi che chiudono i non vaccinati sono quelli che non hanno un ‘permesso sanitario’ valido», ha detto Macron in un’intervista al quotidiano francese La Voix du Nord pubblicata alla fine di giovedì.

La «carta sanitaria» francese conferma lo stato di vaccinazione del titolare o la prova di un test Covid negativo e ha controllato l’accesso a una vasta gamma di istituzioni in Francia sin dalla sua introduzione a luglio.

IrlandaChe ha uno dei più alti tassi di vaccinazione in Europa, dove è stato vaccinato l’89,1% delle persone di età superiore ai 12 anni, ha imposto il coprifuoco di mezzanotte a bar, ristoranti e locali notturni da giovedì mentre il paese affronta una nuova ondata di infezioni da Covid-19 .

Joseph Attaman della CNN ha contribuito a questo rapporto.